13 maggio 2014 - 21:43 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

In un articolo del quotidiano “The Worker” datato lunedì 15 ottobre 1951, venne pubblicato un articolo dal titolo “IL MONDO SI SCALDA, I GHIACCIAI SI STANNO SCIOLGLIENDO!”

In quell’epoca vi fu pieno consenso degli scienziati sul riscaldamento globale che venne attribuito all’aumento dell’attività solare, che negli ultimi anni stava causando lo scioglimento dei ghiacciai di tutto il mondo.

Qui sotto una traduzione quasi per intero dell’articolo.
Buona lettura

IL MONDO SI SCALDA, I GHIACCIAI SI SCIOLGONO

Questa fluttuazione climatica iniziata un secolo fa, ed ora più evidente negli ultimi 20 anni, è stato discusso fin dal 1920, quasi esclusivamente negli ambienti scientifici. Recentemente, tuttavia, è diventato un oggetto di più accademico interesse. Gli scienziati si affrettano ad assicurare il mondo che non c’è immediato motivo di allarme. Il cambiamento climatico è solo parte del ciclo infinito di caldo e di freddo che è iniziato con l’ultima glaciazione, circa un milione di anni prima della nascita di Cristo. Non c’è ancora motivo di ritenere, dicono gli scienziati, che il mercurio nei termometri di tutto il mondo tenda ora a salire più di quanto sarebbe aumentato nel corso di altri 2 o 3 periodi solitamente caldi nel nostro calendario.

Questi non sono anni in cui il mondo fatalmente si brucierà come le glaciazioni avevano fatto congelandolo. In alcune parti d’Europa Centrale, Africa e le due Americhe hanno portato siccità.

NUOVO CLIMA IN ARRIVO: I loro precursori stanno riducendo i ghiacciai, i laghi scompaiono. Il Dr. Hans W. Ahlmann, direttore dell’Istituto Geographic svedese, è un’autorità che ha trascorso gran parte della sua vita nella lettura di questi segnali. Un rapporto di recente, basato sul suo lavoro, mostra che il nuovo clima sta arrivando, proprio come sono sicuri dell’arrivo dell’inverno o dell’estate. I ghiacci della Groenlandia si stanno sciogliendo e le rovine medievali delle case coloniche nascosti dai ghiacci per secoli sono già affiorati. Nello Spitsbergen la temperatura media annua è aumentata di 4 gradi dal 1912. Le navi solcano il Mar Bianco e il Golfo di Botnia 3 o 4 settimane in più all’anno. In Islanda e alle alte latitudini in Norvegia, gli agricoltori stanno coltivando orzo nel terreno che una volta era congelato per 7 mesi all’anno, ma l’avvento del nuovo clima è più evidente, avendo alzanto la linea della neve nel mondo.

Il geografo americano, FE Matthes, ha riportato che i ghiacciai in quasi tutte le parti del mondo si stanno ritirando regolarmente durante gli ultimi 60 anni, ma soprattutto rapidamente durante il decennio 1930-40.

RITIRO DEI GHIACCIAI: Tutti i ghiacciai esaminati attraverso la Scandinavia in Europa si stanno ritirando. E il ritiro non è limitato solo alle alte latitudini. Alcuni ghiacciai delle Alpi sono scomparsi completamente. In Africa orientale, i ghiacciai su 3 alti vulcani del Kilimanjaro, sul monte del Kenya e Ruwenzori sono in diminuzione da quando sono iniziate le osservazioni, cioè dal 1880.

LA GRANDE MUIR GLACIER IN ALASKA’S; La baia di Glacier si è ritirata di ben 14 miglia. Dal 1902 i livelli del mare sono cambiati. Anche i pesci in mare si trovano in abbondanza. Ahlmann riferisce che gli eschimesi stanno mangiando merluzzo, un pesce, che non hanno mai visto prima del 1900. Julian Huxley ha riferito che l’aringa e l’eglefino si sono spostati verso nord al largo della Groenlandia di 24 miglia all’anno negli ultimi 30 anni.

I MARI STANNO CAMBIANDO: I livelli del mare sono aumentati da quando i ghiacciai dell’ultima era glaciale cominciarono a ritirarsi. E ora sono nuovamente in aumento. Il Dr. E. Nilsson, dell’Università di Stoccolma, ha visitato l’Africa nel 1947 e ha scoperto che il livello dell’acqua nel lago Vittoria era sceso di 7 metri negli ultimi 10 anni. In America, il Great Salt Lake nello Utah, ha perso quasi il 50% del suo volume dal 1650. Il suo contenuto di sale è raddoppiato durante quel periodo. Questi casi dei laghi Vanishing, del ghiacciaio Shrinking, e gli uccelli spaventati ora sono stati risolti, e il sole è l’accusato n°1.
Il Dr. LB Aldrich, un astrofisico presso la Smithsonian Institute negli Stati Uniti, ha pubblicato un rapporto quest’anno che dimostra che il sole ha emanato calore in surplus sulla superficie della Terra, influenzando notevolmente il nostro clima.

La Danish Royal Geographical Society, ha rilasciato una dichiarazione. Questo il parere dei danesi. La questione della causa rimarrà aperta finché non saranno disponibili sufficienti dati sulla misurazione della radiazione solare per un tempo più lungo. Altri scienziati, invece, ritengono che i dati di Aldrich sono sufficientemente dettagliati per fornire una spiegazione per la prova di un cambiamento climatico. La spiegazione di Aldrich è questa: La radiazione del sole è aumentata dello 0,25% di grado negli ultimi 20 anni. E questa teoria si basa su 10.000 misurazioni effettuate in Cile in quegli anni. Aldrich dice che l’estate si sta riscaldando in tutto il suo periodo. I suoi dati sono stati raccolti negli ultimi anni da due giovani laureati americani. Questi giovani uomini hanno passato 2 anni in Cile prima di essere sostituito da un altro gruppo dagli Stati Uniti. Ad una stazione meteo sul Monte Lutezuma, in alto, sopra il deserto di Atacama nel nord del Cile, questi server hanno misurato l’unità di radiazione del sole. La costante solare. Alcuni scienziati non possono ancora essere preparati a concordare con il Dott. Aldrich, quando dice che la costante solare è in aumento. Ma tutti, anche i danesi sono cauti, ma concordano sul fatto che qualcosa sta cambiando nel nostro clima.

BENEFICI PER LA RUSSIA: Quale effetto sta avendo questo aumento della temperatura? La Russia ha già un buon motivo per ringraziare questo aumento dello 0,25% di grado. Le condizioni per la navigazione lungo le coste settentrionali, sono notevolmente migliorate dalla fine del secolo. Nel 1910 la maggior parte delle rotte marittime erano aperte soltanto per 3 mesi all’anno. Ora sono aperti 8 mesi all’anno. Altrettanto importante è il beneficio economico derivante da una maggiore vegetazione a latitudini più settentrionali. La coltivazione dell’orzo in Islanda si è già estesa, mentre le prospettive per l’agricoltura nel nord della Svezia e la Finlandia sono allo stesso tempo migliorate. Timber sta crescendo al di là di quella che fu la linea della neve nel nord della Scandinavia e Alaska. Il Dr. Ahlmann ha sottolineato un altro effetto che il nuovo clima può avere. Se le regioni ghiacciate Antartiche e la principale calotta della Groenlandia dovessero continuare a sciogliersi a questi livelli attuali, dice, la superficie del mare potrebbe salire di proporzioni catastrofiche.
‘Le persone che vivono a livelli più bassi lungo le coste potrebbero essere in pericolo.

2014-05-13_205947

http://trove.nla.gov.au/ndp/del/article/71392865?searchTerm=glacier%20bay%20alaska&searchLimits=

ENZO
SOLAR ACTIVITY

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...