image_pdfimage_print

Di Stephen Moore – 18 Dicembre 2018

La prima regola di ferro della politica americana è: Segui i soldi. Questo spiega circa l’80% di quello che succede a Washington.

Poco dopo la pubblicazione dell’ultima relazione chicken little sul cambiamento climatico del mese scorso, ho notato sulla CNN che una delle ragioni per cui così tante centinaia di scienziati sono persuasi nel farlo è che sono pagati profumatamente.

Pubblicità

Ho notato che “In America e in tutto il mondo i governi hanno creato un complesso industriale di cambiamenti climatici multimiliardaria. E poi ho aggiunto: “Molte persone stanno diventando molto, molto ricche con l’industria del cambiamento climatico.” Secondo un recente rapporto del Government Accountability Office degli Stati Uniti, “i finanziamenti federali per la ricerca, la tecnologia, l’assistenza internazionale e l’adattamento sui cambiamenti climatici sono aumentati da $2,4 miliardi nel 1993 a $11,6 miliardi nel 2014, con ulteriori $26,1 miliardi per programmi e attività sui cambiamenti climatici forniti dall’American Recovery and Reinvestment Act nel 2009”.

Questo non significa che il pianeta non si stia leggermente riscaldando. Ma l’ondata di finanziamenti rivela un potente motivo finanziario per gli scienziati per concludere che l’apocalisse è ormai imminente. Nessuno assume un pompiere se non ci sono incendi. Nessuno assume uno scienziato del clima (ce ne sono migliaia ora) se non c’è un cambiamento catastrofico nel tempo. Perché nessuno nei media ne parla mai di questo?

Ma quando ho sollevato questo cappuccio, ha incitato più posta d’odio che di qualsiasi cosa abbia detto in TV o scritto. È possibile che questo missile retorico abbia colpito nel segno?

Come oserei contestare l’integrità degli scienziati e dei think-tank di sinistra suggerendo che i loro risultati della ricerca siano pervertiti da centinaia di miliardi di dollari di elemosine dei contribuenti. L’ironia di questa indignazione è che qualsiasi accademico la cui ricerca osa mettere in discussione la “scienza risolta” del complesso del cambiamento climatico è immediatamente accusato di essere al soldo per l’industria del petrolio e del gas o dei fratelli Koch.

A quanto pare, se prendi soldi dal settore privato per finanziare la ricerca, il tuo lavoro è intrinsecamente di parte, ma se ottieni sovvenzioni multimilionarie dallo zio Sam, sei puro come la neve appena caduta.

Quanto è grande oggi il complesso industriale del cambiamento climatico? Sorprendentemente, nessuno sembra tenere traccia di tutti i canali di finanziamento. Alcuni anni fa la rivista Forbes ha esaminato il bilancio federale e ha stimato in circa $150 miliardi di spesa per il cambiamento climatico e i sussidi per l’energia verde durante il primo mandato del presidente Obama.

Ciò non includeva i sussidi fiscali che forniscono un credito d’imposta del 30% per l’energia eolica e solare, quindi aggiungi a quei numeri da circa $8 miliardi a $10 miliardi all’anno. Poi aggiungiamo miliardi in più di costi attribuibili ai 29 Stati con mandati sulle energie rinnovabili che richiedono alle utility di acquistare costose energie “verdi”.

In tutto il mondo i numeri sono giganteschi. Cinque anni fa, un gruppo di sinistra chiamato Climate Policy Initiative ha pubblicato uno studio che ha scoperto che “Gli investimenti globali nel cambiamento climatico” hanno raggiunto i $359 miliardi quell’anno. Poi, per darvi un’idea di quanto siano affamati di denaro questi salvatori del pianeta, il CPI ha lamentato che questa spesa “è ben al di sotto di ciò che è necessario” un numero stimato in $5 trilioni.

Per $5 trilioni potremmo nutrire tutti sul pianeta, porre fine alla malaria, e fornire acqua pulita ed elettricità affidabile a ogni remoto villaggio dell’Africa. E probabilmente avremmo abbastanza soldi rimasti per trovare una cura per il cancro e l’Alzheimer.

L’intero progetto Apollo per mettere un uomo sulla luna è costato meno di $200 miliardi. Spendiamo il doppio ogni anno per il cambiamento climatico.

Questo tsunami di denaro governativo distorce la scienza in modi nascosti che anche gli scienziati corrotti spesso non apprezzano. Se sei un giovane ricercatore desideroso di intraprendere questo settore e decidi di dedicare la tua vita allo studio sul riscaldamento globale, probabilmente non farai del bene alla tua carriera, diverrai famoso pubblicando ricerche sulla crisi che non sta accadendo.

Ma se avete costruito modelli fasulli che prevedono che la crisi peggiorerà di giorno in giorno, allora salite e otterrete una sovvenzione multimilionaria.

Ed ecco il vero scandalo dei trilioni di dollari che i governi hanno rubato ai contribuenti per finanziare l’isteria e la ricerca sul cambiamento climatico. Per stessa ammissione dell’industria non si sono compiuti quasi progressi a livello mondiale nella lotta al cambiamento climatico. Gli ultimi rapporti del governo degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite affermano che il problema sta peggiorando non migliorando e non abbiamo ritardato l’apocalisse di un solo giorno.

C’è mai stata una spesa pubblica così massiccia che ha avuto rendimenti così minimi sugli investimenti? Dopo tre decenni di “ricerca” l’unica “soluzione” è che il mondo smetta di usare combustibili fossili, il che è come dire che dovremmo smettere di coltivare cibo.

Davvero? Le menti più grandi del mondo incaricate di gestire centinaia di miliardi di dollari possono solo trovare una soluzione che implicherebbe la più grande presa di potere del governo nella storia mondiale, chiudendo la produzione industriale (basta guardare alla catastrofe in Germania quando si sono spostati tutti all’energia verde) e gettando forse miliardi di esseri umani nella povertà? Se questo è il rimedio, correrei il rischio di vivere su un pianeta che si riscalda.

Il presidente Trump dovrebbe dire a questi “scienziati” – “sei licenziato”. E noi contribuenti dovremmo chiedere indietro i nostri soldi.

Questo articolo è apparso originariamente sul Washington Times.

Fonte: Heritage.com

Pubblicità