16 agosto 2018 - 20:06 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Torniamo indietro al 2006, esattamente 12 anni fa, quando la scienza di scuola russa, nella persona del più famoso scienziato russo, a capo del settore di ricerca spaziale dell’osservatorio astronomico dell’Accademia Russa delle Scienze, Khabibullo Abdusamatov, metteva in guardia la popolazione mondiale sulle conseguenze di un possibile raffreddamento, dopo accurati studi sul sole e i suoi multipli cicli per un lungo periodo.

Il comunicato che venne divulgato all’epoca, dava per possibile un raffreddamento globale che avrebbe potuto avere inizio all’incirca nel 2012-2015, per raggiungere il suo picco nel 2055-2060.

Come primo step ci siamo, infatti il primo dei cicli, il ciclo 24 è risultato molto più debole dei precedenti e quelli che seguono certo non sembra possano avere la potenza dei cicli del secolo passato.

Continueremo a monitorare la situazione consapevoli che stiamo seguendo la strada esatta, anche se quella meno sperata.

Enzo
Attività Solare

 

Scienziato russo emette un avviso di raffreddamento globale

RUSSIA – ​​25.08.2006

Il raffreddamento globale potrebbe svilupparsi sulla Terra in 50 anni e avere gravi conseguenze prima di essere sostituito da un periodo di riscaldamento all’inizio del XXII secolo, ha riferito uno scienziato russo venerdì scorso.

ST. PETERSBURG, 25 agosto (RIA Novosti) – Il raffreddamento globale potrebbe svilupparsi sulla Terra in 50 anni e avere gravi conseguenze prima di essere sostituito da un periodo di riscaldamento all’inizio del XXII secolo, ha concluso uno scienziato russo venerdì scorso.
Gli ambientalisti e gli scienziati oggi si concentrano sui pericoli del riscaldamento globale provocati dall’effetto dannoso dell’uomo sul clima del pianeta, ma il raffreddamento globale – sebbene mai ampiamente sostenuto – è una teoria che postula un raffreddamento schiacciante sulla Terra che potrebbe comportare una glaciazione.

“Sulla base della nostra ricerca [sull’emissione solare], abbiamo sviluppato uno scenario di un raffreddamento globale del clima della Terra entro la metà di questo secolo e l’inizio di un ciclo regolare di 200 anni del riscaldamento globale del clima all’inizio del 22° secolo”, ha riferito il capo del settore di ricerca spaziale dell’osservatorio astronomico dell’Accademia Russa delle Scienze.

Khabibullo Abdusamatov ha riferito che lui e i suoi colleghi hanno concluso che un periodo di raffreddamento globale simile a quello visto alla fine del XVII secolo – quando i canali congelavano nei Paesi Bassi e le persone dovettero lasciare le loro dimore in Groenlandia – potrebbe iniziare nel 2012-2015 e raggiungere il suo picco nel 2055-2060.

Ha anche riferito che crede che il futuro cambiamento climatico avrebbe conseguenze molto gravi e che le autorità dovrebbero iniziare a prepararsi per loro oggi, perché “il raffreddamento del clima è connesso al cambiamento delle temperature, specialmente per i paesi del nord”.

“Le iniziative di Kyoto per salvare il pianeta dall’effetto serra dovrebbero essere rimandate a tempi migliori”, ha detto, riferendosi a un trattato internazionale sui cambiamenti climatici che ha come obiettivo le emissioni di gas serra.

“Il massimo della temperatura globale è stato raggiunto sulla Terra, e la temperatura globale della Terra si ridurrà ad un minimo climatico anche senza il protocollo di Kyoto”, ha detto Abdusamatov.

Fonte: SputnikNews

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(25 voti, media: 4,96 su 5)
Loading...