4 febbraio 2018 - 20:18 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Torniamo ancora una volta a dare risalto alla notizia di qualche giorno fa, come al solito fatta passare in sordina, sul netto calo delle temperature (rilevazione da satellite) che si è registrata a livello globale in un solo mese, con particolare attenzione rivolta alla zona tropicale.

Questo, come abbiamo spiegato in molti nostri articoli, supportata da una vasta letteratura scientifica, avviene a causa della bassa attività solare che a sua volta innesca il raffreddamento degli oceani, e che la conseguenza non può poi essere che il propagarsi a tutti i livelli in atmosfera.

Continueremo a monitorare i prossimi anni e a darvene notizia, consapevoli che il prossimo arrivo di un grande minimo solare potrebbe portare seri problemi energetici, economici, alimentari e perfino culturali.

Buona lettura

Enzo
Attività Solare

 

I satelliti mostrano il più grande calo della temperatura tropicale degli ultimi anni

Di Michael Bastasch – 02.02.2018

L’esordio della Niña nell’Oceano Pacifico tropicale ha causato un abbassamento della temperatura a livelli mai visti negli ultimi sei anni, secondo i dati di rilevamento satellitare.

“Notare come La Niña, fenomeno che raffredda i tropici, ha finalmente iniziato a raffreddare anche la troposfera, con un valore sceso a -0.12°C rispetto la media”, scrivono i due scienziati dell’atmosfera John Christy e Roy Spencer, che compilano i dati satellitari presso l’Università dell’Alabama, a Huntsville.

I dati satellitari, che misurano l’atmosfera di massa della Terra, mostrano anomalie di temperatura scese da 0,41° C di dicembre 2017 a 0,26°C di gennaio 2018. Il calo della temperatura è stato causato dal raffreddamento della Niña nella zona tropicale.

La Niña che sarà presente probabilmente per tutto il 2018, ha permesso alle temperature tropicali di scendere a gennaio a -0.12°C, in calo rispetto al mese precedente risultato a 0,26°C. Questo risulta il terzo calo della temperatura tropicale più grande mai registrato.

“L’ultima volta che i tropici sono risultati più freddi di gennaio è stato a giugno 2012 (-0,15° C)”, hanno riferito i due scienziati.

“Dai dati satellitari raccolti in 470 mesi, quello registrato di 0,38°C è il terzo calo più basso della temperatura tropicale del mese scorso, è stato battuto soltanto da ottobre 1991 (calo di 0,51° C) e da agosto 2014 (calo di 0,41 gradi C)”.

La Niña si è stabilita alla fine del 2017, con acque più fredde che arrivano dal Sud America, attraverso le isole del Pacifico orientale. È l’opposto degli eventi di riscaldamento di El Niño.

“L’ultima volta che l’emisfero australe è risultato con un dato così basso (+0,06°C) è stato luglio 2015 (+0,04° C),” hanno scritto Christy e Spencer.

“L’andamento delle anomalie della temperatura troposferica media globale inferiore da gennaio 1979 a gennaio 2018 rimane a +0,13° C/decennio”.

Fonte: The Daily Caller

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(22 voti, media: 4,73 su 5)
Loading...