18 febbraio 2018 - 19:30 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Mindy Weisberger, Senior Writer – 9 febbraio 2018

Il sole potrebbe oscurarsi temporaneamente. Non farti prendere dal panico; La Terra non si congelerà. Ma il raffreddamento che ne deriva potrebbe influire sulla tendenza al riscaldamento globale?

Un evento solare periodico chiamato “grande minimo” potrebbe arrivare nel sole forse già nel 2020 e durare fino al 2070, con conseguente diminuzione del magnetismo, scarsa produzione di macchie solari e meno radiazioni ultraviolette (UV) che raggiungono la Terra – tutto portando un periodo più freddo al pianeta che può estendersi per 50 anni.

L’ultimo grande evento di minimo – una calo drastico del ciclo solare di 11 anni di attività variabile delle macchie solari – si è verificato a metà del XVII secolo. Conosciuto come Minimo di Maunder, si è verificato tra il 1645 e il 1715, durante un periodo più lungo di tempo in cui zone del pianeta sono diventate così fredde che il periodo fu chiamato la Piccola Era Glaciale, che durò dal 1300 al 1850 circa.

Ma è improbabile, secondo un nuovo studio di alcuni ricercatori, che vedremo un ritorno al freddo estremo di secoli fa. Dal momento che dalla fine del minimo di Maunder, le temperature medie globali sono aumentate, guidate dai cambiamenti climatici. Anche se un nuovo lungo periodo di decenni nella radiazione solare potrebbe rallentare il riscaldamento globale, non sarebbe molto, hanno dimostrato le simulazioni dei ricercatori. E alla fine del periodo di raffreddamento in entrata, le temperature sarebbero rimbalzate da un cooldown temporaneo. [Tempeste di sole: foto incredibili di brillamenti solari]

Le macchie solari, che appaiono come macchie scure sulla superficie solare, si formano dove il campo magnetico del sole è insolitamente forte e il numero di macchie solari aumenta e diminuisce in un ciclo che dura circa 11 anni, alimentato dalle fluttuazioni nel campo magnetico del sole.

Ma alla fine del XVII secolo, le macchie solari scomparvero. Questo episodio corrispondeva a un periodo di freddo eccezionale in alcune zone del mondo, che gli scienziati hanno spiegato come connesso ai cambiamenti nell’attività solare.

L’attività delle macchie solari è stata elevata nel 2014 e da allora ha continuato a scendere, mentre il sole si sposta verso la fase minima del ciclo di 11 anni, noto come minimo solare, secondo quanto riferito dalla NASA nel giugno 2017. Ma un trend di macchie solari sempre più basse nei cicli solari assomigliano a trend del passato che hanno preceduto eventi di grandi minimi. Questa somiglianza suggerisce che un altro evento di questo tipo potrebbe essere in rapido avvicinamento, hanno riportato i ricercatori nello studio.

E gli scienziati hanno stimato quanto possa essere intenso un simile evento, analizzando quasi 20 anni di dati che registrano la produzione di radiazioni da stelle che seguono cicli simili a quelli del nostro sole. L’emissione di radiazione solare in genere scende durante un normale minimo solare, sebbene non sufficiente a interrompere i trend climatici sulla Terra. Tuttavia, la produzione di radiazioni UV durante un grande minimo potrebbe significare un calo dell’attività solare di un ulteriore 7%, hanno scritto i ricercatori nello studio. Di conseguenza, la temperatura dell’aria sulla superficie terrestre si raffredderanno di parecchi decimi di grado Fahrenheit (un cambiamento di mezzo grado F equivale a circa tre decimi di grado Celsius) in media, secondo lo studio.

I risultati dello studio aiuteranno gli scienziati a creare simulazioni di modelli climatici più accurate, per migliorare la loro comprensione della complessa interazione tra attività solare e clima sulla Terra, in particolare in un mondo in riscaldamento, l’autore principale dello studio, Dan Lubin, un fisico ricercatore presso l’Istituto Scripps di Oceanografia presso l’Università della California, San Diego, ha dichiarato in una nota.

“Possiamo quindi avere un’idea migliore di come i cambiamenti nella radiazione UV solare influiscano sui cambiamenti climatici”, ha affermato.

I risultati sono stati pubblicati online il 27 dicembre 2017 su The Astrophysical Journal Letters.

Articolo originale su Live Science.

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(20 voti, media: 4,35 su 5)
Loading...