4 Marzo 2019 - 7:00 am Pubblicato da
image_pdfimage_print

Scritto da John O’Sullivan – 15 Gennaio 2018

Una nuova analisi sulle registrazioni scientifiche governative rivela che l’idea di una scienza “a lungo insediata” nella teoria dei gas serra sia un mito. L’affermazione che le emissioni antropiche di anidride carbonica (CO2) agiscono come una manopola di controllo sul clima è apparsa solo nella scienza del consenso dagli anni ’80. Prima di quel periodo, i documenti ufficiali mostrano la stessa teoria come “abbandonata”.

Ormai noto, il 24 giugno 1988, tutto il mondo sentì parlare del temuto “effetto serra” (GHE) teoria portata avanti dal nuovo campione della NASA, James Hansen. Hansen aveva trasformato la vita in una vecchia e “abbandonata” teoria che attingeva dalla nuova ricerca spaziale su Venere e Marte. Grazie al ruolo di Hansen, la paura del clima prevalse per una generazione.

Recentemente, gli scienziati russi hanno dichiarato che il GHE è morto quando il raffreddamento globale si è instaurato; mentre un gruppo di scienziati italiani ha chiesto un “profondo riesame” di questa teoria fallimentare. Altri nuovi documenti respingono facilmente l’ipotesi sul clima e laCO 2. Di seguito presentiamo le prove schiaccianti e incoraggiamo i lettori a impegnarsi nella propria ricerca.

Consenso come scienza?

Naturalmente, dovremmo iniziare affermando che i veri scienziati evitano di fare affidamento sull’opinione del consenso per determinare la validità o meno di qualsiasi teoria. Ma molto spesso, i non scienziati del pubblico e dei media (e alcuni istituti scientifici nazionali corrotti) citano le dichiarazioni di consenso per sedare la discussione e il dibattito.

A tale proposito, mostriamo, come per la maggior parte del XX secolo il consenso scientifico, a sua volta, ha respinto l’idea che il biossido di carbonio causasse il riscaldamento globale.

La cosiddetta teoria dei gas a effetto serra (GHE) fu per la prima volta ridimensionata dal professor H.Woods nel 1909. Gli scienziati dell’istituto in genere non denunciarono mai il debunk di Woods. Invece, sorvolarono sulla lunga pausa che seguì nel 1909-1980.

Elaborazione di una forte finzione

Spencer R. Weart, direttore del Centro per la Storia della Fisica dell’American Institute of Physics è un preminente tra gli storici delle scienze dell’establishment. Il libro di Weart, “The Discovery of Global Warming” è una lettura obbligatoria per gli studenti moderni in questo campo.

Weart collegò il paragone di Hansen a Marte e Venere con la Terra, affermando che la vita era molto fragile e vulnerabile a qualsiasi cambiamento climatico. Weart scrive:

“Negli anni ’60 e ’70, le osservazioni di Marte e Venere mostravano che i pianeti che sembravano molto simili alla Terra potevano avere atmosfere spaventosamente diverse. L’effetto serra aveva trasformato Venere in una fornace, mentre la mancanza di atmosfera aveva bloccato Marte in un congelamento profondo. Questa era una prova evidente che il clima può essere delicatamente bilanciato, in modo che l’atmosfera di un pianeta possa trasformarsi da uno stato vivibile a uno mortale. “(Id.)

Com’è diventata una “fissazione” la teoria di James Hansen, Weart è magistrale nel mettere in evidenza le prove della finzione.

Il “drumbeater” degli allarmisti, Andrew C. Revkin, in The New York Times Book Review ha riempito di gloria un elogio proclamando che la versione della storia della scienza di Weart:

“Analizza i fili intrecciati della ricerca e rivela i sottotitoli politici e sociali che hanno colorato i punti di vista degli scienziati e la ricezione del pubblico ricevuto.”

Le parole di Revkin stanno sottilmente rivelando l’importanza dell’aspetto nella scienza e nella percezione pubblica. La Glorificazione di Weart è arrivata anche da Fred Pearce, dal britannico The Independent:

“Sono passati quasi due secoli da quando il matematico francese Jean Baptiste Fourier scoprì che la Terra era molto più calda di quanto avesse il diritto di essere, data la sua distanza dal Sole … Il libro di Spencer Weart su come la scoperta inizialmente irrilevante di Fourier scatenò finalmente un dibattito urgente sull’abitabilità futura della Terra è lucida, minuziosa e lodevolmente breve, che racchiude tutto in 200 pagine.”

Potremmo essere perdonati per aver pensato che abbiamo avuto due secoli, non meno, di “scienza stabilita” con la CO 2, no?

Segui il denaro

Purtroppo, pochissimi hanno grattato sotto la superficie della falsità convincente di Spencer Weart. Se avessero cercato, avrebbero trovato alcune dichiarazioni molto sconvolgenti della scienza del consenso per scuotere tale fede.

Quello che Weart e gli altri lackeys non sapranno dirvi è che la American Meteorological Society – così come il più importante scienziato climatico britannico, nientemeno che CEP Brooks (1951) – ha pubblicato le valutazioni più schiaccianti che screditano la Big Greenhouse Gas Fiction di Weart.

Weart, e molti altri approfittano della truffa, non ammettendo che non paga per essere pulito e saltare fuori dal treno del riscaldamento globale da miliardi di dollari. Il Professor Takeda Kunihiko, vice-cancelliere dell’Institute of Science and Technology Research presso la Chubu University in Giappone, riassume brevemente:

“Le emissioni di CO2 non fanno assolutamente differenza in un modo o nell’altro – ogni scienziato lo sa, ma dirlo non paga”.

Weart e co. preferirebbero che tu non sappia che ci sono più di 65 iterazioni conosciute (sessantacinque!) che si aggirano per la posizione come teoria del GHE. Molti sono auto-contraddittori e non-fisici. Al contrario, non abbiamo 65 variazioni delle leggi di gravità. Inoltre, ci sono non meno di 53 dichiarazioni di autorità fasulle online che dichiarano che l’atmosfera della Terra agisce “come una serra”.

Il flip-flop di Hansen ‘Cooling is Warming’

Anche Weart non dice ai lettori che nel 1967 Hansen sosteneva (quando era un teorico marginale) che se c’era un GHE probabilmente era indotto dalla polvere (particolato di aerosol). [1]

Hansen sventolava il suo “Dust Insulation Model” (DIM) a chiunque dopo aver ottenuto il suo dottorato di ricerca presso l’Università dello Iowa e aver iniziato a lavorare al Goddard Institute for Space Studies della NASA.

Poi nel disastro degli anni ’70 la scienza divenne la rabbia, ispirata da Immanuel Velikovsky, uno dei principali sostenitori delle idee di Catastrofismo rispetto alle prevalenti nozioni Uniformitarie. Hansen, come discepolo di Velikovsky, stava piangendo per una imminente era glaciale sulla Terra mentre allo stesso tempo ipotizzava che gli aerosol di polvere nell’atmosfera di Venere causassero un “fuggiasco effetto serra” sul pianeta caldo. In nessun luogo, all’epoca, Hansen sosteneva che la CO 2 guidava il clima. Mi viene in mente il termine “opportunista”?

Non prima che la celebrità della scienza televisiva e il suo collega catastrofista, Carl Sagan, avesse ottenuto fama con le sue affermazioni su un “effetto serra in fuga” su Venere – il tutto dovuto al biossido di carbonio – e che Hansen avesse conquistato il nuovo carrozzone. Nel frattempo, un contemporaneo di Sagan, il fisico americano Richard Feynmen, screditò il GHE. Oggi, gli scienziati indipendenti, utilizzando gli ultimi dati dalle sonde spaziali, hanno un’idea migliore di ciò che sta accadendo su Venere. Inoltre, un nuovo studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS) suggerisce che la vita non è fragile, ma duratura e probabilmente comune in tutto l’universo su molti pianeti come il nostro.

Questo certamente è in conflitto con la finzione di Weart. Ma allora, perché Weart – un fedele propagandista allarmista – vuole esporre quanto sia pessima la scienza di Hansen? Se Weart fosse onesto, si sarebbe ripulito dallo strillare di Hansen in un documento climatico chiave pubblicato in un’edizione del 1981 di “Science”. [2]

Hansen e l’enorme “finestra” di CO2

Hansen sostiene che l’anidride carbonica assorbe in una “finestra” atmosferica da 7 a 14 micrometri – che trasmette la radiazione termica emessa dalla superficie terrestre e dalla bassa atmosfera. Ma la realtà scientifica è che il biossido di carbonio ha un effetto solo sulla finestra atmosferica centrata su 14,77 micron con un intervallo da circa 13 a 17 micron – non da 7 a 14 micrometri. Quindi, come mai Weart e migliaia di “esperti” nel corso di decenni non hanno mai individuato quel tappo?

Nessuno di questi fallimenti cruciali è stato sistematicamente sfidato fino al 2010 e il rivoluzionario libro “Slaying the Sky Dragon: la teoria della gas serra“. Un recente studio sulle esplosioni ha convalidato la scienza del libro.

Gli indizi per la scienza spazzatura ci stanno fissando in faccia, specialmente ora che così tanti esperti, al di fuori della “scienza” climatica, fanno riferimento ai fatti di prove empiriche che la CO 2 è stata dimostrata solo per raffreddare, non per riscaldare, qualsiasi cosa. Joseph E Postma ha illustrato bene come i libri di testo rispettati sulla termodinamica mostrino che “energia” non vuol dire generalmente “calore”, che è dove la teoria GHE è confusa e qualsiasi ruolo forzante derivante dalla CO 2 non può funzionare. [3]

I ciarlatani confondono correlazione con causalità

Ma grazie al clamore dei media mainstream e nonostante i difetti della scienza, il GHE ha guadagnato trazione dal 1980, quando i livelli globali di biossido di carbonio atmosferico (CO 2) sono andati sempre più in alto. I non scienziati spesso confondono la correlazione con la causalità (i ciarlatani dipendono da questo!). Eppure, ora guardiamo indietro e vediamo che le temperature medie globali degli ultimi 100 anni si sono a malapena alzate di un grado – nonostante il breve aumento della fine del XX secolo.

Senza la catastrofe imminente e le paure di una nuova era glaciale che attanaglia sempre più scienziati, siamo proprio all’apice del più grande cambiamento paradigmatico della scienza da Einstein. Gli accademici non vogliono ammettere la verità che i livelli di CO 2, siano essi superiori o inferiori, possono mostrare di non avere alcun impatto sul clima misurato. La verità, a quanto sembra, torna indietro a ciò che l’AMS ha dichiarato nel 1951, come rivela l’estratto qui sotto. [4]

https://archive.org/stream/compendiumofmete00amer#page/1016/mode/2up

L’autore dell’estratto di cui sopra è CEP Brooks. Lui e l’editore, l’American Meteorological Society, consigliano inequivocabilmente che la vecchia teoria sul clima di CO 2 di Arrhenius, Fourier, et al:

Si è scoperto che la radiazione a onde lunghe assorbita dalla CO 2 viene assorbita anche dal vapore acqueo.”

Brooks (+AMS) affronta quindi l’aumento della CO 2 atmosferica per l’attività industriale umana:

Negli ultimi anni la combustione del carbone ha aumentato la quantità di CO 2 di una quantità misurabile (dallo 0,028 allo 0,030%) Callender [7]

Continuando, Brooks (1951) fa la stessa argomentazione ineluttabile fatta dagli scettici oggi:

“Ma negli ultimi 7000 anni ci sono state maggiori fluttuazioni delle temperature senza coincidenze”. Quindi, la teoria dei gas a effetto serra è risultata ben morta e sepolta nel 1951 – secondo la scienza del consenso sistematico (se si è credenti in esso).

No ‘Greenhouse Gas Theory’ Spoken in Charney (1979)

Per la successiva intuizione rivelatrice, dobbiamo passare 28 anni più avanti a “Charney” (1979). Ma prima di farlo, prestiamo attenzione alle parole di avvertimento di un uomo con la più acuta intuizione delle macchinazioni del Grande Governo.

Come scrive Warren E. Leary, non meno che il presidente Dwight D Eisenhower ci ha esortato a stare in guardia:

“Durante il discorso del 1961, in cui il presidente notoriamente avvertì del pericolo per la nazione di un’industria di armamenti in crescita denominata “complesso industriale-militare”, incluse alcune frasi sui rischi posti da una élite scientifico-tecnologica. Ha notato che la rivoluzione tecnologica dei decenni precedenti era stata alimentata da una ricerca più costosa e centralizzata, sempre più sponsorizzata dal governo federale.

“Oggi l’inventore solitario, che armeggia nel suo negozio, è stato messo in ombra dalle task force degli scienziati nei laboratori e nei campi di prova …”, ha avvertito Eisenhower. “In parte a causa degli enormi costi, un contratto governativo diventa praticamente un sostituto per la curiosità intellettuale.” [5]

La curiosità intellettuale ha certamente esaurito le scorte nella scienza del governo contemporaneo. Dagli anni ’40 ai primi anni ’70, le registrazioni delle temperature avevano mostrato una chiara tendenza al raffreddamento. Fino alla metà degli anni ’70, la grande storia tra gli scienziati raccontava di un raffreddamento globale, non di riscaldamento. Dobbiamo arrivare agli anni ’80, quando vi furono evidenze di un aumento delle temperature globali, per vedere prove evidenti che l’ipotesi dei gas a effetto serra a lungo abbandonata dalla CO 2 stava di nuovo aumentando – come la fenice dalle ceneri.

In effetti, possiamo individuare il cambiamento esaminando il rapporto climatico estremamente dettagliato di 13.000 parole sul tema “Anidride carbonica e clima, una valutazione scientifica” (1979). Ampiamente chiamato semplicemente “Charney”. Questo rende zero menzione della teoria dei gas a effetto serra. No. In qualunque posto. Tra. Tredici. Mille Parole. Quindi, come potrebbe la teoria dei gas a effetto serra essere “stabilita” se non menzionata con il nome OVUNQUE in un rapporto sul clima federale degli Stati Uniti?

Ciononostante, “Charney” ha ammesso che la CO2 potrebbe effettivamente causare un raffreddamento, cosa che gli allarmisti contemporanei preferirebbero non sappiate!

https://www.nap.edu/download/12181

Lo scettico di spicco, il Professor Richard Lindzen, era uno che ha contribuito agli studi scientifici originali di Charney (vedi l’immagine qui sopra – insieme a James Hansen!) E si è “allontanato” dal GHE. Nonostante il “contributo” di Hansen, la sua teoria fu chiusa. Lo scienziato spaziale canadese Joseph E Postma riassume perché il pregiudizio, il pensiero di gruppo e l’incompetenza hanno contribuito a sostenere la screditata teoria dei gas a effetto serra per così tanto tempo, quando un esame appropriato dimostra che è letteralmente “fisica della terra piatta“.

Il capo della NASA: Hansen ci ha “imbarazzato”

Ma il tempo non è amico dei truffatori del clima. E l’amata teoria dei gas ad effetto serra di Hansen viene costantemente e monotonamente confutata in riviste peer-reviewed che rendono lui – e altri allarmisti – disonorati. Le equazioni di massa/gravità della NASA contraddicono il GHE e l’anziano scienziato atmosferico in pensione della NASA Dr. John S. Theonm l’ex supervisore di James Hansen alla NASA, ha dichiarato al governo che Hansen “ha messo in imbarazzo la NASA” e “non è mai stato imbavagliato” [6].

Il fallimento, dopo 30 anni di profezie, per una catastrofe climatica da dispiegare, ha lasciato James Hansen un uomo un po ‘castigato. In un recente documento, Hansen mostra di aver ricominciato a lavorare sul clima forzando le proprietà degli aerosol. Tornando alla sua vecchia idea scientifica DIM, Hansen ora dice che gli aerosol fanno parte della manopola di controllo del contenuto energetico di un pianeta. Ma contrariamente a quanto affermava prima, ora afferma che causano il raffreddamento, non il riscaldamento.

Nel 2018 l’ipotesi nulla attende la teoria dei gas a effetto serra. Nel 1951, l’AMS e il miglior scienziato del clima britannico e capo dell’Ufficio meteorologico del Regno Unito, CEP Brooks disse tutto (id.)

[1] Hansen, J.E., and S. Matsushima “The atmosphere and surface temperature of Venus: A dust insulation model”Astrophys. J. 150: 1139–1157 (1967) Bibcode1967ApJ…150.1139HDoi:10.1086/149410.

[2] [Hansen J., Johnson D., Lacis A., Lebedeff S., Lee P., Rind D., Russell D., SCIENCE 28 August 1981, Volume 213, Number 4511, Climate Impact of Increasing Atmospheric Carbon Dioxide.].

[3] Refers to Schroeder in “Thermal Physics” (Addison Wesley Longman, 2000) stating that: “Much of thermodynamics deals with three closely related concepts: temperature, energy, and heat. Much of students’ difficulty with thermodynamics comes from confusing these three concepts with each other.”  And so note once again that energy is generally not heat. GHE believers conflate both.

[4]  CEP Brooks, American Meteorological Society (1951) in its Compendium of Meteorology (Brooks, C.E.P.  “Geological and Historical Aspects of Climatic Change.” pp. 1004-18 (at 1016)).  https://archive.org/stream/compendiumofmete00amer#page/1016/mode/2up

[5] https://www.aaas.org/news/after-50-years-eisenhower-s-warnings-against-scientific-elite-still-cause-consternation

[6] https://www.epw.senate.gov/public/index.cfm/press-releases-all?ID=1a5e6e32-802a-23ad-40ed-ecd53cd3d320

Fonte: Principia Scientific International

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...