image_pdfimage_print

Di Antony Watt – 27 Luglio 2022

MEDIA ADVISORY: IL 96% DEI DATI SUL CLIMA DEGLI STATI UNITI È CORROTTO!

Le stazioni delle temperature ufficiali della NOAA producono dati corrotti a causa del posizionamento intenzionale in punti caldi, quindi misurazioni artificiali.

Pubblicità

Uno studio a livello nazionale segue la corruzione diffusa e le distorsioni dovute al calore riscontrate nelle stazioni NOAA nel 2009 e il problema della distorsione da calore è ancora peggiore ora.

ARLINGTON HEIGHTS, (27 luglio 2022) – Un nuovo studio, Corrupted Climate Stations: The Official US Surface Temperature Record Remains Fatally Flawed, rileva che circa il 96% delle stazioni delle temperature statunitensi utilizzate per misurare il cambiamento climatico non soddisfano ciò che il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) considera il posizionamento “accettabile” e incorrotto secondo i propri standard pubblicati.

Il rapporto, pubblicato dall’Heartland Institute, è stato compilato tramite satellite e visite di indagine di persone alle stazioni meteorologiche NOAA che contribuiscono ai dati “ufficiali” della temperatura terrestre negli Stati Uniti. La ricerca mostra che il 96% di queste stazioni è corrotto dagli effetti localizzati dell’urbanizzazione, producendo una distorsione del calore a causa della loro vicinanza ad asfalto, macchinari e altri oggetti che producono calore, intrappolano il calore o accentuano il calore. Posizionare stazioni di temperatura in tali luoghi viola gli standard pubblicati dalla NOAA (vedi sezione 3.1 a questo link) e mina fortemente la legittimità e l’entità del consenso ufficiale sulle tendenze a lungo termine del riscaldamento climatico negli Stati Uniti.

“Con una distorsione del 96% nelle misurazioni della temperatura negli Stati Uniti, è impossibile utilizzare alcun metodo statistico per ricavare una tendenza climatica accurata per gli Stati Uniti”, ha affermato Anthony Watts, Senior Fellow dell’Heartland Institute, direttore dello studio. “I dati delle stazioni che non sono state danneggiate da un posizionamento errato mostrano un tasso di riscaldamento negli Stati Uniti ridotto di quasi la metà rispetto a tutte le stazioni”.

I “Requisiti e gli standard per le osservazioni climatiche del servizio meteorologico nazionale” della NOAA indicano che gli strumenti per i dati sulla temperatura devono essere “su terreno pianeggiante (terra o zolle) tipico dell’area intorno alla stazione e ad almeno (30,5 metri) da qualsiasi superficie estesa in cemento o pavimentata.” E che “verranno fatti tutti i tentativi per evitare le aree in cui è stato dimostrato che il terreno accidentato o il drenaggio dell’aria producono dati di temperatura non rappresentativi”. Questo nuovo rapporto mostra che l’istruzione viene regolarmente violata.

LEGGI IL RAPPORTO (PDF)

Per ulteriori informazioni o per parlare con gli autori di questo studio, contattare il vicepresidente e direttore delle comunicazioni Jim Lakely all’indirizzo jlakely@heartland.org o chiamare/sms 312-731-9364.

Questo nuovo rapporto è il seguito di uno studio del marzo 2009, intitolato “Il record della temperatura superficiale degli Stati Uniti è affidabile? che ha evidenziato un sottoinsieme di oltre 1.000 stazioni intervistate e ha rilevato che l’89% delle stazioni presentava problemi di calore in surplus. Ad aprile e maggio 2022, il team di ricercatori dell’Heartland Institute ha visitato molte delle stesse stazioni di temperatura del 2009, oltre a molte non visitate prima. La nuova indagine ha campionato 128 stazioni NOAA e ha scoperto che il problema della distorsione del calore è solo peggiorato.

“Il progetto originale delle stazioni di superficie del 2009 ha dimostrato in modo definitivo che il sistema di monitoraggio della temperatura superficiale del governo federale era rotto, con la stragrande maggioranza delle stazioni che non soddisfacevano gli standard NOAA di affidabilità e qualità. Le indagini dei cani da guardia del governo OIG e GAO hanno confermato i risultati del rapporto del 2009″, ha affermato H. Sterling Burnett, direttore dell’Arthur B. Robinson Center on Climate and Environment Policy presso l’Heartland Institute che ha esaminato personalmente le stazioni di superficie NOAA questa primavera. “Questo nuovo studio è la prova di due cose. Primo, il governo o è inetto o si rifiuta ostinatamente di imparare dai suoi errori per ragioni politiche. In secondo luogo, non ci si può fidare del record ufficiale di temperatura del governo. Riflette un chiaro effetto di distorsione del calore urbano, non le tendenze della temperatura nazionale”.

Un esempio del problema del pregiudizio

Il grafico sottostante, che si trova a pagina 17 del rapporto, mostra 30 anni di dati dalle stazioni di temperatura NOAA negli Stati Uniti continentali (CONUS). Le linee blu mostrano le temperature registrate e l’andamento delle stazioni che rispettano gli standard pubblicati dalla NOAA. Le linee gialle sono temperature rilevate da stazioni non conformi a tali standard (ad esempio vicino a hot spot artificiali). Le linee rosse sono la temperatura regolata “ufficiale” rilasciata dalla NOAA.

“Se guardi le stazioni imperturbabili che aderiscono allo standard pubblicato dalla NOAA – quelle che sono posizionate correttamente e prive di distorsioni di calore urbano localizzate – mostrano circa la metà del tasso di riscaldamento rispetto alle stazioni perturbate che hanno tali distorsioni”, ha detto Watts. “Tuttavia, la NOAA continua a utilizzare i dati delle loro reti secolari di temperatura superficiale orientate al caldo per produrre rapporti mensili e annuali al pubblico statunitense sullo stato del clima”.

“Il problema della distorsione del calore localizzata con queste stazioni è stato dimostrato in un esperimento nel mondo reale condotto dall’Oak Ridge National Laboratory e pubblicato in una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria“. Watt aggiunge.

“Al contrario, la NOAA gestisce una rete di temperatura superficiale all’avanguardia chiamata US Climate Reference Network“, ha affermato Watts. “È privo di distorsioni del calore localizzate in base alla progettazione, ma i dati che produce non sono mai menzionati nei rapporti climatici mensili o annuali pubblicati dalla NOAA per il consumo pubblico.


L’Heartland Institute, un think tank del libero mercato fondato nel 1984, è una delle organizzazioni leader a livello mondiale che promuove il lavoro di scienziati scettici sul fatto che l’attività umana stia causando una crisi climatica.

Heartland ha ospitato  14 conferenze internazionali sui cambiamenti climatici a cui hanno  partecipato migliaia di persone dal 2008, ha pubblicato la serie in sei volumi Climate Change Reconsidered del Nongovernmental International Panel on Climate Change e per 21 anni ha pubblicato Environment and Climate News. L’Heartland Institute ha anche pubblicato diversi libri popolari sul clima, tra cui  Why Scientists Disagree About Global Warming (2015), Seven Theories of Climate Change (2010) e  Is the US Surface Temperature Record Reliable? (2009).

Fonte : WUWT

Pubblicità