image_pdfimage_print

dI Ralph B. Alexander – 28 Novembre 2022

In un post precedente ho mostrato come le eruzioni vulcaniche sottomarine non contribuiscano al riscaldamento globale, nonostante il rilascio di enormi quantità di energia esplosiva. Ma contribuiscono al cambiamento climatico regionale negli oceani, come le ondate di calore marino e la riduzione del ghiaccio marino polare, ha spiegato un geologo in pensione in una recente conferenza.

Wyss Yim, che ricopre incarichi in diverse università di Hong Kong, afferma che le eruzioni vulcaniche sottomarine – piuttosto che la CO 2 – sono un fattore importante della variabilità climatica regionale. Il rilascio di calore geotermico da queste eruzioni può spiegare le ondate di calore oceaniche, i cambiamenti del ghiaccio marino polare e i cicli più forti del normale di El Niño – Southern Oscillation (ENSO), che causa fluttuazioni di temperatura e altri effetti climatici nel Pacifico.

Pubblicità

Le eruzioni sottomarine possono espellere lava basaltica a temperature fino a 1.200 gradi Celsius, spesso da più prese d’aria su una vasta area. Anche se la lava calda viene rapidamente estinta dall’acqua di mare circostante, il calore assorbito dall’oceano può avere impatti locali e regionali che durano per anni.

L’Oceano Pacifico in particolare è una delle principali fonti di vulcani attivi terrestri e sottomarini, in particolare attorno all’Anello di Fuoco che delimita la placca tettonica del Pacifico, come illustrato nella figura seguente. Yim ha identificato otto eruzioni sottomarine nel Pacifico dal 2011 al 2022 che hanno avuto effetti duraturi sul clima, sei delle quali emanate dall’Anello di Fuoco.

Una di queste eruzioni proveniva dal vulcano Nishino-shima a sud di Tokyo, che ha subito una massiccia esplosione, inizialmente sottomarina, che è persistita da marzo 2013 ad agosto 2015. Yim afferma che l’evento è stato la causa principale del cosiddetto Blob del Nord Pacifico, un’enorme pozza di acqua di mare calda che si è formata nel nord-est del Pacifico dal 2013 al 2015, estendendosi dall’Alaska alla penisola di Baja in Messico e fino a 400 metri di profondità. Gli scienziati del clima dell’epoca, tuttavia, attribuirono il Blob al riscaldamento globale.

L’eruzione di Nishino-shima, insieme ad altre eruzioni sottomarine nel Pacifico durante il 2014 e il 2015, è stato un fattore importante nel prolungare e rafforzare il massiccio El Niño del 2014-2017. Nella figura seguente è mostrata una mappa che rappresenta le temperature della superficie del mare nel gennaio 2014, all’inizio di El Niño e quasi un anno dopo l’emergere del Blob. A quel tempo, le temperature superficiali attraverso il Blob erano di circa 2,5 gradi Celsius al di sopra del normale.

Entro la metà del 2014, il Blob copriva un’area di circa 1.600 km quadrati. La sua vasta estensione, afferma Yim, ha contribuito al graduale declino del ghiaccio marino artico tra il 2014 e il 2016, soprattutto in prossimità dello stretto di Bering. Il Blob ha anche portato a due anni consecutivi senza inverno lungo la costa del Pacifico nord-orientale.

Anche la biodiversità nella regione ha sofferto, con fioriture algali tossiche sostenute. Eppure niente di tutto questo è stato causato dal cambiamento climatico.

L’El Niño del 2014-2017 è stato ulteriormente esacerbato dall’eruzione da maggio a giugno 2015 del vulcano Wolf sulle isole Galapagos nel Pacifico orientale. Sebbene il vulcano Wolf sia sulla terraferma, i suoi flussi di lava sono entrati nell’oceano. La figura in basso mostra la posizione dell’eruzione Wolf, insieme alle eruzioni sottomarine sia dell’Axial Seamount vicino al Blob che del vulcano Hunga a Tonga nel sud del Pacifico.

Secondo Yim, i driver più significativi del clima globale sono i cambiamenti nell’orbita terrestre e nel sole, seguiti dal calore geotermico e, solo al terzo posto, dai cambiamenti indotti dall’uomo come l’aumento dei gas serra. Il calore geotermico delle eruzioni vulcaniche sottomarine provoca non solo ondate di calore marino e contrazione del ghiaccio marino polare, ma anche cambiamenti locali nelle correnti oceaniche, nei livelli del mare e nei venti di superficie.

Misurazioni dettagliate delle variabili oceaniche come temperatura, pressione, salinità e chimica vengono effettuate oggi dalla rete mondiale di 3.900 galleggianti di profilazione Argo. I galleggianti sono boe robotiche alimentate a batteria che pattugliano gli oceani, affondando di 1-2 km di profondità una volta ogni 10 giorni e poi risalendo in superficie, registrando le proprietà dell’acqua mentre risalgono. Quando i galleggianti alla fine raggiungono la superficie, i dati vengono trasmessi a un satellite.

Yim afferma che i suoi studi dimostrano che il ruolo svolto dai vulcani sottomarini nel governo del clima del pianeta è stato sottovalutato. Le eruzioni di uno qualsiasi delle diverse migliaia di vulcani sottomarini attivi possono avere sostanziali effetti regionali sul clima, come appena discusso.

Suggerisce che l’influenza delle eruzioni vulcaniche sulla circolazione atmosferica e oceanica dovrebbe essere inclusa nei modelli climatici. L’unico effetto vulcanico nei modelli attuali è il raffreddamento atmosferico prodotto dai pennacchi di eruzione.

Fonte : Science Under Attack

Pubblicità