image_pdfimage_print

I Raggi Cosmici sono una miscela di fotoni ad alta energia e particelle subatomiche accelerate che arrivano sulla Terra da esplosioni di supernove e altri violenti eventi nel cosmo.

I Raggi Cosmici che colpiscono l’atmosfera terrestre creano aerosol che, a loro volta, generano la nucleazione delle nuvole – rendendo i Raggi Cosmici un attore primario del nostro tempo e del clima.

Durante un minimo solare, come quello in cui stiamo entrando, il campo magnetico del sole si indebolisce, allo stesso modo diminuisce la pressione verso l’esterno del vento solare – questo permette ai Raggi Cosmici di penetrare in maggiori quantità nell’atmosfera del nostro pianeta. E visto che quello appena iniziato è già un Grande Minimo Solare, verso il quale ci stiamo dirigendo, i Raggi Cosmici dovrebbero aumentare portandosi fuori scala – ed è esattamente ciò che i ricercatori stanno osservando.

Inoltre, insieme a un aumento delle precipitazioni localizzate, l’aumento della copertura nuvolosa ha un’altra importante implicazione per il nostro clima, afferma il Dr. Roy Spencer: “Le nuvole sono lo schermo della Terra, e se la copertura nuvolosa cambia per qualsiasi ragione, diminuendo, si ha come risultato un riscaldamento globale – al contrario, con un maggiore aumento della copertura si ha un raffreddamento globale”.

Il risultato di questa discesa dell’attività solare nel prossimo Grande Minimo Solare in arrivo e il conseguente aumento dei Raggi Cosmici, non faranno altro che raffreddare il nostro pianeta.

Svensmark et al