23 giugno 2017 - 7:00 am Pubblicato da

Di Kenneth Richard – 16 giugno 2017

Centinaia di studi scientifici sfidano il ‘riscaldamento globale’

 

Recentemente, un articolo che citava oltre 80 grafici da pubblicazioni scientifiche pubblicate nel 2017 – e altri 55 grafici del 2016 – ha stabilito che il moderno riscaldamento “globale” non è in realtà su scala globale e che il calore di oggi non è né senza precedenti né notevole quando si considera il contesto più ampio di variabilità naturale.

Qui sono stati messi a disposizione altri 140 grafici non hockey-stick prelevati da documenti pubblicati nel 2015 e anni precedenti. Con questa ultima trance, le ricostruzioni grafiche della temperatura che sfidano la concettualizzazione del riscaldamento moderno a scala globale o senza precedenti stanno rapidamente avvicinandosi a 300.

Per coloro che sono interessati ad approfondire questo crescente numero di prove scientifiche in una sola pagina, questa è stata aggiunta al sito di NoTricksZone.

300 grafici contestano il riscaldamento globale:

 

L’elenco è classificato per l’anno (o decade) della pubblicazione. Sarà aggiornato quando le nuove ricostruzioni della temperatura verranno pubblicate o posizionate nella rivista scientifica paritetica. Queste pagine potrebbero essere utilizzate come risorsa con coloro che affermano che le temperature moderne sono insolite, pericolose, o al di fuori della media di variabilità naturale.

 



Schneider et al., 2015


Stoffel et al., 2015


Soon et al., 2015 

“[La] maggior parte delle tendenze di temperatura, almeno dal 1881, possono essere spiegate in termini di variabilità solare, con concentrazioni atmosferiche di gas a effetto serra che forniscono al massimo un contributo minore”.

 


Thapa et al., 2015

“La temperatura in Asia Centrale e nell’emisfero settentrionale sono tornate verso una tendenza al raffreddamento alla fine del ventesimo secolo”.


Yan et al., 2015


Boldt et al., 2015


Matskovsky and Helama, 2015

“La ricostruzione DIRECT rivela un raffreddamento a lungo termine durante la LIA [Little Ice Age, 1300-1900 AD] e un notevole riscaldamento durante l’MCA [Anomalia medioevale del clima/periodo caldo medioevale, 800-1200 dC]. Il XX secolo segna un periodo di temperature generalmente calde; Tuttavia, le temperature dell’MCA sono state ricostruite per essere più calde e la lunga durata del primo rende l’MCA incomparabile al calore del ventesimo secolo (Matskovsky e Helama, 2014)”.


Munz et al., 2015


Wei et al., 2015


Sánchez-Sesma, 2015


Krusic et al., 2015


Jiang et al., 2015


de Frietas et al., 2015


Larsen et al., 2015

“Anche le temperature atmosferiche del sud della Groenlandia hanno raggiunto il picco tra ca. 7 e 4 cal. Kyr B.P. A 2-4° C superiore al presente, seguito da un raffreddamento neoglaciale raggiungendo il minimo durante la LIA [Little Ice Age] (Fréchette e de Vernal, 2009; D’Andrea et al., 2011; Axford et al., 2013) . La seconda fase di ritiro del ghiaccio dietro la portata attuale nel sud-ovest e nel sud della Groenlandia era da ca. 1,5 a 1 cal. Kyr B.P.”


Naulier et al., 2015



Gajewski, 2015


Hou et al., 2015

“Il lago Qinghai mostra anche significative oscillazioni di temperatura negli ultimi trecento anni, che possono riflettere una risposta amplificata alle forze vulcaniche e/o solari [Stuiver et al., 1995]. Il periodo caldo che passa intorno a 2 ka coincide con il periodo caldo romano, seguito dal raffreddamento nell’epoca dei piccoli ghiacci, che sorge su circa 500 anni fa (Figura 2). La caratteristica più distinta e insolita del record di temperatura estiva del lago Qinghai è una diminuzione della temperatura di oltre 4° C tra 5 e 3,5 ka. Tali variazioni di temperatura non sono state osservate nei record di ghiaccio in Groenlandia e negli speleothem record in Cina e in Asia orientale. Qui dimostriamo, tuttavia, che questa caratteristica “insolita” è infatti prevalente nei registri regionali.”


Loomis et al., 2015


Rebolledo et al., 2015


Kolansky et al., 2015



Esper et al., 2014


Rinne et al., 2014


Luoto et al., 2014


Yan et al., 2014

“I risultati suggeriscono che le SST medie intorno ai 990 (± 40) e AD 50 (± 40) erano di 28,1° C e 28,7° C, 0,8° C e 1,4° C superiori a quelli registrati nel corso del periodo AD 1994-2005. Questi registri, insieme agli anelli degli alberi, i sedimenti del lago e la documentazione della letteratura provenienti dalla Cina orientale e dalla Cina nord-occidentale, implicano che le temperature negli ultimi decenni non sembrano superare i cambiamenti naturali di MCA [Medieval Climate Anomaly], almeno in Asia orientale Dalla Cina nord-occidentale alla SCS settentrionale”.


Gennaretti et al., 2014


Zinke et al., 2014


Bertrand et al., 2014


Silveira and Pezzi, 2014


Wunsch and Heimbach, 2014

“Un raffreddamento molto debole a lungo termine [1993-2011] è visto sulla maggior parte del resto dell’oceano sotto quelle profondità [2000 m], compreso l’intero Pacifico e Oceani indiani, insieme al bacino dell’Atlantico orientale”.



Schneider et al. 2014


Böll et al., 2014


Caniupán et al., 2014


Rella and Uchida, 2014


Meyer et al., 2014


Eldevik et al., 2014

“Attraverso l’LH [fine dell’olocene], le temperature dell’oceano [Nord Atlantico, Mar Nero] sono paragonabili al presente, ma fino a 1° C più caldo”



Elbert et al., 2013


Miles et al., 2013


Lecavalier et al., 2013


Saunders et al., 2013


Ault et al., 2013


de Jong et al., 2013


Rosenthal et al., 2013

“Mostriamo che le masse d’acqua collegate alle acque intermedie del Nord Pacifico e dell’Antartide erano più calde rispettivamente di 2,1° C e 1,5° C durante la media termica dell’Olocene rispetto al secolo scorso. Entrambe le masse d’acqua erano ~ 0,9° C più calde durante il Periodo Medievale caldo che durante la piccola epoca di ghiaccio e ~ 0,65° più calde che negli ultimi decenni”.

 


Hanhijärvi et al., 2013

“Secondo Chylek et al. (2009), il riscaldamento dell’Artico dal 1900 al 1940 è andato a un tasso significativamente più veloce del riscaldamento durante i decenni più recenti e è stato fortemente correlato con l’oscillazione multi-decennale-atlantica (AMO) che suggerisce che la variabilità della temperatura artica sia altamente legata alla circolazione termoalina dell’Oceano Atlantico a varie scale temporali”.


Butler et al., 2013



Massaferro and Larocque-Tobler, 2013


Bostock et al., 2013


Levy et al., 2013

 


Kylander et a., 2013


Antinao and McDonald, 2013



Esper et al., 2012


Delong et al., 2012


Pitman and Smith, 2012


 Cronin, 2012



Mulvaney et al., 2012

“Un record di sedimenti marini provenienti dalla costa della penisola antartica occidentale mostra anche un ottimo ologeno precoce durante il quale le temperature superficiali dell’oceano sono state determinate per essere 3,5° C più alte di quelle presenti. Altre prove suggeriscono che la lastra di ghiaccio George VI sulla penisola antartica sud-occidentale fosse assente durante questo intervallo caldo all’inizio dell’Olocene, ma riformato nella metà dell’Olocene.


Durantou et al., 2012

“La temperatura superficiale del mare [Oceano Artico] tra il 1885-1935 era più caldo di 3° C rispetto alla temperatura moderna del sito di coring. Per il periodo 1887-1945, i ricostruiti valori di copertura del ghiaccio marino sono mediamente di 8,3 mesi all’anno, che sono 1,1 mesi all’anno inferiori ai moderni valori”.


Kilian and Lamy, 2012



Li et al., 2011


Yamanouchi, 2011


Neukom et al., 2011

“La ricostruita SSA [Southernmost South America] significa che le temperature estive tra il 900 e il 1350 sono soprattutto al di sopra della climatologia 1901-1995. Dopo il 1350 ricostruiamo una brusca transizione verso condizioni più fredde, che durano fino al 1700 circa. Le estati del XVIII secolo sono relativamente calde con una successiva ricaduta fredda che risale al 1850. Nel XX secolo le temperature estive raggiungono condizioni simili a periodi precedenti caldi.”


Divine et al, 2011


Liu et al., 2011

“Gli eventi climatici in tutto il mondo, come il MWP e la LIA, sono stati osservati in una serie di temperature di 2485 anni. L’ampiezza e il tasso di temperatura più elevati si sono verificati durante l’EJE [Eastern Jin Event (343-425 dC)], ma non alla fine del XX secolo. Il ciclo millenario di attività solare ha determinato le tendenze di variazione di temperatura a lungo termine, mentre i cicli a scala secolare hanno controllato le ampiezze della temperatura. Gli eventi minimi di Sunspot sono stati associati a periodi freddi. I risultati di previsione ottenuti usando il bruco-SSA hanno mostrato che la temperatura aumenterebbe fino al 2006 dC sull’altopiano centrale-orientale e poi diminuirà fino al 2068 dC, quindi per poi aumentare di nuovo”.


Bird et al., 2011


Hanna et al., 2011



Shevenell et al., 2011


Govil et al., 2011


Ilyashuk et al. 2011


Shevenell et al., 2011


Godad et al., 2011


Saenger et al., 2011

“Una caratteristica importante di questo record è l’anomalia calda di ~ 1° C che si è verificata tra il 1930 e il 1950. … Nella zona di Carolina Slope le SST non mostrano la tendenza al riscaldamento riscontrata negli anni di AMO sin dagli anni ’70, suggerendo che altri fattori influenzano anche la variabilità delle SST nella zona“.



Ran et al., 2010


Yang et al., 2010



Bonnet et al., 2010

“Le stime della temperatura del mare (SST) suggeriscono condizioni più calde rispetto a quelle presenti (anomalia ± 2° C) con una media di 7° C in estate fino a 300 cal. Anni BP, anche se gli impulsi di raffreddamento sono registrati intorno ai 1700, 1500, 1200 e 800 cal. Anni BP. Gli ultimi 300 anni sono stati segnati da un raffreddamento da 7,6 a 3,5° C e copertura di ghiaccio marino aumentando fino a 7 mesi/anno. … Da 2500 a 300 cal. Anni BP, SSTs erano relativamente alti con valori medi di circa 2° C e 7° C rispettivamente in inverno e in estate. Le fasi calde sono registrate intorno ai 1900, 1600, 1320, 1120 e 325 cal. Anni BP, con un ottimo centrato a 1320 cal. Anni BP. Dopo 300 cal. Anni BP, le SSTs erano significativamente più basse con valori medi di circa 0° C e 3,5-4° C rispettivamente in inverno e in estate. … Il record delle condizioni di superficie del mare dal nucleo JM04 indica che le SSTs invernali erano più calde negli ultimi 2500 anni rispetto alla media moderna. L’unica eccezione è l’intervallo compreso tra 250 e 50 anni BP, caratterizzato da temperature particolarmente basse sia d’inverno che d’estate”.


Ran et al., 2010



Gerhard, 2004


Box et al., 2009

“Le registrazioni della stazione meteorologica e l’output del modello climatico regionale si combinano per sviluppare una continua ricostruzione spaziale di 168 anni (1840-2007) di media della temperatura mensile, stagionale e annuale del ghiacciaio della Groenlandia. L’intero ciclo di riscaldamento globale della lastra di ghiaccio nel 1919-32 è il 33% in più rispetto a quello riscaldato nel periodo 1994-2007 “.

holocene-cooling-greenland-ice-sheet-1840-2007-box09-copy


Saenger et al, 2009


Cook et al., 2009


Yadav and Singh, 2002

“Il periodo 1945-1974 è stato il periodo più caldo di 30 anni del XX secolo. Tuttavia, questo riscaldamento, nel contesto dei quattro secoli passati, appare bene nell’ambito dei limiti normali. L’anomalia della temperatura media di 30 anni per il 1662-1691 (0,19° C) supera in misura di magnitudo (anche se non significativamente, p = 0,23) la media del 1945-1974 (0,05° C).”


Renssen et al., 2009


Yadav, 2009

“La tendenza alla diminuzione della temperatura verso la fine del XX secolo è coerente con le tendenze osservate in Nepal (Cook et al 2003), Tibet (Briffa et al 2001) e Asia centrale (Briffa et al., 2001).


Rosenberg et al., 2004


Grudd et al., 2002


Schneider et al., 2006


Cook et al., 2006


von Gunten et al., 2009


Fan et al., 2009


Tyson et al., 2000

“Il clima all’interno del Sudafrica era di circa 1° C più fresco in Little Ice Age [AD 1300-1800] e potrebbe essere stato oltre 3° C superiore a quello attualmente durante gli estremi del periodo caldo medievale [AD 1000 a 1300 ]. … È stato variabile tutto il millennio, ma notevolmente di più durante il riscaldamento dell’undicesimo al tredicesimo secolo. Gli eventi di temperatura più bassi registrati durante la Little Ice Age in Sudafrica sono coesimi con il minimo Maunder e di Sporer nell’irraggiamento solare. Il riscaldamento medievale si è rivelato coinciso con … il Massimo medievale nella radiazione solare”.


Doran et al., 2002

“L’analisi spaziale dei dati meteorologici antartici dimostrano un raffreddamento netto sul continente antartico tra il 1966 e il 2000, soprattutto durante l’estate e l’autunno”.


Cook et al., 2002

“Questo record è il più lungo ancora generato per la Nuova Zelanda e mostra chiare evidenze per temperature persistenti al di sopra della media entro l’intervallo comunemente assegnato al MWP [Medieval Warm Period]. I confronti con i proxy selezionati di temperatura dagli emisferi del Nord e del Sud confermano che il MWP è altamente variabile nel tempo e nello spazio. Indipendentemente, la ricostruzione della temperatura della Nuova Zelanda supporta il fenomeno globale del MWP”.


Hanna and Cappelen, 2003

“L’analisi di nuovi dati per otto stazioni nel litorale meridionale della Groenlandia, 1958-2001, mostrano un raffreddamento significativo (cambio di tendenza -1.29° C per i 44 anni), come pure le temperature della superficie marina nella parte adiacente nel Mar del Labrador ”


Chuine et al., 2004

“La figura 1 [sotto] mostra due fluttuazioni decadenti calde all’inizio: uno nel 1380 (0,72° C) e uno nel 1420 (0,57° C), entrambi al di sopra del 95° percentile. Il caldo periodo degli anni Venti fu seguito da un periodo freddo che durò dalla metà del 1430 alla fine del 1450 (0,45° C, al 10° percentile). La nostra serie rivela anche eventi particolarmente caldi, al di sopra del 90° percentile, negli anni 1520 e tra il 1630 e il 1680. Questi decenni erano caldi come la fine del ventesimo secolo. L’evento ad alta temperatura del 1680 fu seguito da un raffreddamento, che culminò nel 1750 (sotto il quinto percentile) – l’inizio di un lungo periodo di freddo che durò fino agli anni ’70”.


Menzel, 2005


Khiyuk and Chilingar, 2006


Hantemirov and Shiyatov, 2002


Drinkwater, 2006


Sano et al., 2005

“La temperatura di marzo-settembre è stata ricostruita negli ultimi 249 anni, che mostra un trend di riscaldamento da 1750 fino a circa 1790, seguito da raffreddamento fino al 1810, poi da un graduale trend di riscaldamento che si estende fino al 1950 e un notevole periodo di freddo che continua fino al presente. Non ci sono evidenze di una tendenza costante del riscaldamento nel corso del secolo scorso o due che si presentano comunemente in latitudini più alte, è stata trovata nella presente ricostruzione”-


Etien et al., 2008


Box, 2002

“La variabilità temporale e spaziale è analizzata nei record di temperatura strumentale della Groenlandia di 24 località costiere e tre posizioni di ghiaccio. … Il periodo standard 1961-90 è stato segnato da un raffreddamento statisticamente significativo di 1-2° C “.


Bhattacharyya and Chaudhary, 2003


Moore et al., 2001

“Le temperature estive del lago di Donard [Artico canadese] negli ultimi 1250 anni hanno raggiunto una media di 2,9° C. All’inizio del XIII secolo, il lago di Donard ha vissuto una delle più grandi transizioni climatiche in oltre un millennio. Le temperature estive dell’estate sono aumentate rapidamente di quasi 2° C a partire da 1195-1220 AD [+0,80 C per decade], terminando nel decimo più caldo del record (~ 4,3° C).”


Fettweis et al., 2008

“Il tasso di riscaldamento nel 1920-1930 è il più spettacolare come sottolineato da Chylek et al. (2006). Infine, il clima della Groenlandia era più freddo intorno al 1920 e negli anni ’70 e ’80. La temperatura minima (o massima) sembra avvenuta nel 1992 dopo l’eruzione del Monte Pinatubo (rispettivamente nel 1931). Le estati calde degli ultimi anni (1998, 2003, 2005), associate a grandi aree di fusione (Fettweis et al., 2007), sembrano essere meno calde di quelle degli anni Trenta, come sottolineato anche da Hanna et al. (2007). … Il minimo assoluto [equilibrio di massa superficiale] si è verificato intorno al 1930 con un’anomalia SMB vicino a -300 km3 anno-1. I minimi SMB secondari (minori) sembrano aver avuto luogo nel 1950 e nel 1960, pari ai tassi di perdita di massa superficiale degli ultimi anni (1998, 2003, 2006). … Dopo gli anni Novanta, la Gris SMB diminuisce lentamente per raggiungere le anomalie negative degli ultimi anni, anche se le estati degli anni 2000 non sono state eccezionali rispetto a 70 anni fa”.


Goodkin et al., 2008



Huguet et al., 2006


Andersen et al., 2004


Richey et al, 2007


Jiang et al., 2005


Sepúlveda et al., 2009


Kim et al., 2007


Viau and Gajewski, 2009


Dupont et al., 2004


Masson-Delmotte et al., 2004


Weldeab et al, 2005


Birks and Seppä, 2004


Heiri and Lotter, 2005


Richter et al., 2009


Li et al., 2009

“La temperatura più alta di 22,7° C è stata registrata a 1,01 cal ka BP. … Periodo di raffreddamento da 0,85 cal. Ka BP per presentare. Le SST sono ovviamente diminuite in questo periodo, con la massima ampiezza di diminuzione di 2°C. … Nessun riscaldamento globale del clima a causa dell’effetto serra dopo la rivoluzione industriale si è verificato nell’area di studio”.


Tarasov et al., 2009



Yadav et al., 1997

“La caratteristica più interessante della presente ricostruzione è l’assenza di una tendenza al riscaldamento del 20° secolo”


Dahl-Jensen et al., 1998

Fonte: notrickszone

Enzo
Attività Solare

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(6 voti, media: 3,67 su 5)
Loading...
  • Giuseppe Daniele

    i grafici sono belli ed interessanti, ma senza voler far polemica, sarebbe gradito un commento CHIARO E COMPRENSIBILE AI PIù, per orientarsi sulle affermazioni di un farfallinato e predicante guru e gli interessi dei contadini ad avere la dichiarazione di calamità.
    Insomma, come siamo combinati REALMENTE?