image_pdfimage_print

Di Francis Menton – 9 Febbraio 2015

Poche settimane fa, a metà gennaio, avresti avuto difficoltà perdere le grandi grida e festeggiamenti nel campo allarmistico del riscaldamento globale del 2014 essendo risultato “l’anno più caldo di sempre”. Alcuni esempi, Scientific American il 5 gennaio (“2014 Officially Hottest Year On Record“); la BBC il 16 gennaio (“2014 anno più caldo mai registrato, dicono i ricercatori statunitensi“); o il New York Times il 16 gennaio (“Il 2014 batte il record di calore, sfidando gli scettici sul riscaldamento globale“). Ma ne ho trovati molti altri come questi.

Se leggi tutti questi articoli, senza dubbio ti verrà una domanda lampante, vale a dire: cosa hanno mostrato i satelliti? Nessuno di questi articoli, o del resto nessuno dei tanti altri del campo allarmista che ho esaminato, tanto quanto menzionano i dati satellitari. Ma chiunque segua anche un po’ questa questione sa che a partire dal 1979 il governo degli Stati Uniti, a grandi spese dei contribuenti, ha installato satelliti con strumenti sofisticati per ottenere misurazioni delle temperature mondiali molto più accurate di quelle disponibili in precedenza. Le reti alternative di termometri a terra esistono ancora, ma hanno una copertura ampiamente sparsa e sono soggette a grandi imprecisioni (come la crescita di città intorno a loro o lo spostamento dei loro siti nel corso degli anni). Quindi SA, BBC, NYT:

Pubblicità

Fortunatamente non è troppo difficile capire cosa dicono i satelliti: i loro dati vengono pubblicati mensilmente da due fonti, UAH e RSS. Ecco un articolo che riassume i risultati di entrambi. Ovviamente è esattamente quello che sapevi che sarebbe accaduto non appena hai visualizzato che i bugiardi di SA, BBC e NYT non ti avrebbero detto i dati da satellite: il 2014 non è stato l’anno più caldo, né ci è andato vicino, ma piuttosto risultato al 6°/7° posto nel record di 36 anni da RSS, 0,3 gradi C più freddo dell’anno più caldo, che risulta il 1998 — 16 anni fa. Ora 0,3 gradi C potrebbero non essere molti, ma non sono nemmeno pochi in un record che varia solo di circa 1,2 gradi C dall’anno più freddo a quello più caldo.

Ma c’è di peggio. I lettori abituali di questo blog sanno che esiste un problema gigantesco sulla misura in cui ci si può fidare dei record del termometro a terra perché i guardiani dei dati (che sono le stesse persone che pubblicano i comunicati stampa sul fatto che il 2014 è stato “l’anno più caldo di sempre”) ​​hanno sistematicamente manomesso i dati per rendere più freddi gli anni precedenti e quindi far sembrare più caldo il presente. In precedenza ho scritto su questo problema il 3 luglio 2014 (“Qual è la più grande frode scientifica di tutti i tempi – Parte II“) e il 19 luglio 2013 (“Qual è la più grande frode scientifica di tutti i tempi?“)  Questi due articoli fanno i nomi, sia dei falsi scienziati pagati dal governo degli Stati Uniti corrotti che “aggiustano” i dati grezzi dei termometri senza spiegazioni per adattarli alla narrativa desiderata dell'”anno più caldo di sempre”, e anche dei ricercatori indipendenti che rintracciano faticosamente i vecchi record di temperatura archiviati per scoprire la manomissione.

Proprio oggi questo problema sta iniziando a esplodere. Oggi era in cima a Drudge, anche se ora sta gradualmente tirandosi indietro. Drudge si è collegato a un articolo di Christopher Booker sul Telegraph britannico di sabato intitolato “Il giocherellare con i dati sulla temperatura è il più grande scandalo scientifico di sempre“. (Aspetta, mi stanno rubando i titoli dei giornali? OK, non del tutto.) Booker discute il lavoro di Paul Homewood, riportato sul suo blog notalotofpeopleknowthat. Esempio (da Booker):

Homewood ha ora rivolto la sua attenzione alle stazioni meteorologiche in gran parte dell’Artico, tra il Canada (51 gradi O) e il cuore della Siberia (87 gradi E). Anche in questo caso, in quasi tutti i casi, sono state apportate le stesse regolazioni unidirezionali, per mostrare un riscaldamento fino a 1 grado C o più superiore a quello indicato dai dati effettivamente registrati. Questo non ha sorpreso nessuno più di Traust Jonsson, che è stato a lungo responsabile della ricerca sul clima per l’ufficio del meeting islandese (e con il quale Homewood è in contatto). Jonsson è rimasto stupito nel vedere come la nuova versione “faccia sparire” completamente gli “anni di ghiaccio marino” dell’Islanda intorno al 1970, quando un periodo di estremo raffreddamento ha quasi devastato l’economia del suo paese.

Homewood ha anche scoperto massicce manomissioni del Paraguay. John Hinderaker di Power Line include numerose GIF animate di Homewood che dimostrano la manomissione dei dati dal Paraguay. Homewood aggiunge il suo lavoro alla vasta produzione di Tony Heller (che blogga sotto il nome di Steven Goddard) di realscience. Heller ha scoperto e segnalato la manomissione dei dati in dozzine di siti. Proprio oggi scrive su Addison, New York. In ogni caso, che si tratti della Siberia, del Paraguay o dello stato di New York, è sempre la stessa storia: il passato è stato raffreddato per rendere il presente in confronto più caldo. Ma come è possibile che il passato in qualche modo si sia improvvisamente raffreddato, 50, 80 o 100 anni dopo il fatto?

Molte, molte persone hanno chiesto spiegazioni ai ragazzi dell’NCDC/GISS che hanno pubblicato i dati modificati/manomessi e poi hanno affermato “l’anno più caldo di sempre”. Non ne daranno alcuna giustificazione.

Quindi, Scientific American, BBC, New York Times e tutti voi che denunciate acriticamente la più grande frode scientifica di tutti i tempi come se fosse la verità: quando ci racconterete la verità?

Fonte: MANHATTAN CONTRARIAN

Pubblicità