image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 7 Ottobre 2020

Professore tedesco, co-fondatore del moderno movimento ambientalista, afferma che la scienza del clima è esagerata, piena di favole e crede che l’Accordo di Parigi sia “già morto”. 

In un’intervista con il pubblicista Roland Tichy, il Prof. Fritz Vahrenholt – uno dei fondatori del moderno movimento ambientalista tedesco – ha affermato che abbiamo in realtà tre generazioni di tempo per rinnovare il sistema di approvvigionamento energetico mondiale in uno più pulito e sostenibile.

Pubblicità

Respinge l’affermazione di Fridays For Future secondo cui mancano solo 12 anni.

La catastrofe climatica non è in atto

Nell’intervista, il moderatore Tichy ha ricordato che la civiltà è iniziata 7.000 anni fa, un periodo di “3 ° C più caldo di oggi”, e Vahrenholt ha risposto dicendo che si aspetta che la civiltà continui per altri 7.000 anni. Non c’era alcun punto di svolta allora, perché dovrebbe essercene uno oggi? “Il calore e l’umidità sono sempre stati un bene per l’umanità”, ha affermato Vahrenholt. “Il freddo è stato ed è il peggior nemico dell’uomo.”

Tanto tempo per muoversi razionalmente

Il professore tedesco ha anche affermato che la presunta catastrofe “non è in atto” e che i politici stanno cercando di utilizzare “panico e paura per convincere le persone ad agire”. Gran parte del riscaldamento misurato dal 1850 è il risultato del riscaldamento naturale che si è verificato a causa della fine della piccola era glaciale, ha spiegato.

La fantasia verde della Germania

Più tardi il professore tedesco di chimica chiama con la parola “fantasticando” la convinzione che il vento e il sole siano in grado di sostituire i combustibili fossili e che la Germania, con la sua quota del 2,3% delle emissioni globali di CO2, possa salvare il clima globale “una favola”.

Nel frattempo, posso affermare che il riscaldamento degli ultimi 150 anni è in gran parte causato dai cicli naturali. “Nel 20 ° secolo il sole è rimasto più attivo che in qualsiasi altro momento degli ultimi 2.000 anni.”

Economicamente, Vahrenholt crede che una corsa frenetica alle energie rinnovabili porterà a conseguenze economiche “orribili” dall’industrializzazione europea.

Sul tema del consenso scientifico, il professore tedesco afferma che si tratta di un’affermazione dell’IPCC, che è gestita dall’ONU con un’agenda alle spalle.

Le auto elettriche una “idea pazzesca”

Vahrenholt crede anche che le auto elettriche alimentate a batterie non siano una tecnologia fattibile e che altri esperti la chiamino tranquillamente “un’idea pazzesca” e non si esprimano per paura di perdere i fondi per la ricerca. La stragrande maggioranza dei finanziamenti proviene dal governo tedesco.

“L’accordo di Parigi è già morto”

Il professore di chimica, coautore di un recente bestseller, descrive anche la Germania come un paese che nega quando si tratta del più ampio dibattito globale in corso sulla scienza del clima, e ha dichiarato che l’Accordo di Parigi è “già morto”.

“L’Accordo è già morto. Putin dice che non ha senso. […] Gli americani sono fuori. I cinesi non devono fare niente. È tutto concentrato su una manciata di paesi europei. La Commissione europea ne è ampiamente coinvolta. E prevedo che raggiungeranno gli obiettivi solo se distruggeranno le industrie europee ”, ha detto Vahrenholt.

Egli caratterizza la recente spinta dell’Europa verso obiettivi di riduzione delle emissioni ancora più severi verso una follia simile alla pianificazione centrale sovietica che è destinata a fallire in modo spettacolare.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità