Per oltre 40 anni (1961-2002) la calotta glaciale della Groenlandia si è raffreddata addensata e ha guadagnato massa proprio mentre le emissioni antropogeniche di CO2 aumentavano rapidamente.

Di Kenneth Richard – 31 Ottobre 2019

Fonte immagine: Mikkelsen et al., 2018

Secondo i record strumentali della calotta glaciale della Groenlandia, si è verificata una drammatica tendenza al raffreddamento durante i mesi estivi dalla fine degli anni ’80 ai primi anni 2000 (Chylek et al., 2004).

“La temperatura media del mese più caldo e la temperatura media estiva (giugno, luglio e agosto) mostrano un andamento decrescente di 3,0 e 2,2 ° C/decennio tra il 1987 e il 2001.”

Fonte immagine Chylek et al., 2004

La Groenlandia ha guadagnato oltre 40 Gt (gigatoni) di ghiaccio all’anno nel periodo 1961-1990 (Fettweis et al., 2017).

In coincidenza con il raffreddamento, la calotta glaciale ha visto ancora addensarsi guadagnando massa, oltre 11 Gt all’anno – fino al 1992-2002 (Zwally et al., 2005).

Le percentuali annuali di emissioni di CO2 antropogeniche sono triplicate durante questo periodo di 41 anni e la CO2 atmosferica è aumentata di quasi 60 parti per milione (da 317 ppm a 375 ppm).

Dopo il 2002, la calotta glaciale della Groenlandia ha iniziato a perdere massa a causa del riscaldamento delle temperature della calotta glaciale.

Questa tendenza al riscaldamento e alla perdita di massa è stata spesso attribuita all’aumento delle emissioni di CO2 da parte di coloro che promuovono il riscaldamento globale guidato dalle emissioni antropiche (AGW).

Ma se l’aumento delle emissioni di CO2 è il meccanismo causale per il riscaldamento post-2002 e la conseguente perdita di massa, perché la calotta glaciale della Groenlandia si è raffreddata e ha guadagnato circa 1,35 trilioni di tonnellate di ghiaccio per la durata di 41 anni con un tasso di emissioni di CO2 triplicato da ~ 2,5 GtC/anno (gigatoni di carbonio all’anno) a ~ 7,5 GtC/anno?

In breve, perché una calotta glaciale dovrebbe perdere e guadagnare massa con l’aumento della CO2?

Fonte immagine (in basso): HHanna et al., 2011

Fonte: No Tricks Zone