Ultimi articoli

La pausa della temperatura globale continua smentendo tutti i record diramati aprile 13, 2017 20:15 pm

 Di Enzo Ragusa Da alcuni anni sentiamo parlare di temperature a livello globale più alte di sempre, quindi, puntuale come ogni mese arriva la notizia dall’ente statunitense della NOAA che l’ultimo mese trascorso è risultato il più caldo di sempre, e come al solito dobbiamo prodigarci nello smentire che ciò corrisponde a verità, aggiungendo che a causare il tutto non sono le emissioni di CO2 prodotte dalle attività umane. Nel grafico poco sotto, viene rappresentata la temperatura con rilevamento da satellite RSS (Remote Sensing System) da quando sono iniziate le rilevazioni, e cioè da circa il 1979 fino ai giorni nostri. Come potete osservare, si sono verificati 2 grandi picchi che hanno alzato in modo considerevole la temperatura, che corrispondono ai due grandi eventi naturali di El Niño del 1998 e del 2015. A dimostrazione, possiamo notare come la temperatura è in grado di modificare un vasto fenomeno naturale come El Niño (riscaldamento della superficie del Pacifico centrale) e non u aumento dovuto alla CO2. Infatti le temperature, terminati questi due grandi eventi, hanno iniziato il loro repentino calo, riportando così le temperature medie del periodo esattamente come in origine. Inoltre possiamo affermare che le temperature satellitari, molto più precise ed affidabili... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 12 Aprile 2017 aprile 13, 2017 14:00 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 12 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2650 (N10E27, Cso/beta) è rimasta per lo più invariata e insignificante. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (13-15 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e due in aprile. Ventisette giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2650    N10E27    193     20     7     CSO    3      B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 12 aprile è risultato a 71.4 – (74.6) La media mensile del flusso solare ad... Mostra articolo

» Pubblicato da
il crudo inverno 2005 aprile 13, 2017 7:00 am

 Dicembre 2004 fu contrassegnato da alcune irruzioni artiche che portarono temperature rigide ma cieli sereni .Queste irruzioni erano pilotate da un Anticiclone delle Azzorre in una posizione insolita che faceva scorrere sul suo bordo orientale aria fredda. In seguito, dopo una prima parte di gennaio tranquilla, a metà del primo mese dell’anno, lo scenario italiano ed europeo cambiò drasticamente. A seguito di ripetuti riscaldamenti stratosferici, il vortice polare si suddivise in due tronconi; il primo investì l’Atlantico prospiciente le coste canadesi, il secondo andò a colpire la Russia, portando una importante irruzione d’aria artica, che fece precipitare le temperature fino a-32°C a Mosca. Ma il freddo non rimase confinato sulla Russia, difatti ben presto sconfinò verso Ovest; Svezia e Norvegia, a causa del contrasto tra l’avanzante aria gelida e l’aria atlantica più mite, subirono autentici blizzard. Oslo venne seppellita da una coltre di oltre mezzo metro di neve in 24 ore, mentre a Helsinki si registrò una temperatura minima di -22,8°C e una massima di -19°C. Viceversa, come spesso accade in questi casi, le isole Svalbard e l’Islanda si trovarono esposte al flusso particolarmente mite proveniente dall’Atlantico. Infine, l’Anticiclone delle Azzorre dopo l’ennesima espansione verso nord-est, si unì all’Anticiclone russo-siberiano rinforzato dal precedente riscaldamento... Mostra articolo

» Pubblicato da
Eppur si muove…la crosta terrestre! aprile 12, 2017 7:00 am

 La maggior parte di noi, vuoi per consuetudine, vuoi per insegnamenti scolastici di base, è abituata a considerare la crosta terrestre tendenzialmente ferma. Sì, poi ci sono quelle piccole (o grandi, a volte) crepe nei muri, le cosiddette crepe di assestamento. I grandi fenomeni naturali – terremoti ed eruzioni vulcaniche – ci fanno entrare violentemente in contatto con la vera realtà delle cose: la crosta terrestre non è ferma. E’ in continuo e costante movimento, anche se non ce ne accorgiamo. C’è un altro fenomeno, che mi lascia sempre a bocca aperta: quello dei buchi che si aprono, sembra improvvisamente, sulla superficie delle strade e inghiottono qualunque cosa trovino. Qui, un esempio di quanto successo in una zona dell’India pochi giorni fa. D’altra parte, se vi mettete a seguire una delle tante app che segnalano scosse di terremoto di ogni intensità, in ogni parte del mondo, vi rendereste conto che la Terra è in un continuo e costante movimento. Aggiungiamo il fatto che ogni movimento impatta su quello delle altre zone: pensare che la Terra sia ferma sotto i nostri piedi è soltanto un’approssimazione della realtà – utile sicuramente per il benessere psicologico di ciascuno di noi 😉 Sara Maria... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 11 Aprile 2017 aprile 12, 2017 0:15 am

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 11 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2650 (N09E50, Cao/beta) un flare di classe B3 alle ore 0300 UTC. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (12-14 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e due in aprile. Ventisette giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2650 N09E56 190 40 6 CAO 3 B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 11 aprile è risultato a 74.6 – (73.6) La media mensile del flusso solare... Mostra articolo

» Pubblicato da
Scienza + Credibilità = Realtà….? aprile 11, 2017 7:00 am

 Uno degli argomenti su cui ci capita piuttosto spesso – purtroppo, a dire il vero – di scrivere riguarda la credibilità delle informazioni diramate dagli Enti competenti in ambito climatico. Solo qui nel sito trovate molti articoli, l’ultimo proprio di pochi giorni fa, in cui inizia ad emergere che gli interessi politici e/o economici sovrastano la veridicità dei dati. E’ di un mesetto fa circa questo pezzo – nelle prime 9 parole (11 nella mia versione tradotta), dice come stanno le cose: La scienza, oggi, in tutti i campi, è invasa dalla corruzione (corsivo mio, ndr). L’articolo punta l’attenzione sull’uso scorretto che viene fatto della dicitura “peer-reviewed” associata a quanto viene pubblicato in campo scientifico: l’autore fa notare che la sua mancanza potrebbe indurre le persone a scartare ricerche scientifiche serie, soltanto perché manca tale etichetta. Rischio ancora più grande se si tratta di qualcosa che mette in discussione le credenze e le convinzioni, così ben vivificate dal marketing di massa,.. Di nuovo, senza mezzi termini, si legge: Purtroppo, sta diventando sempre più evidente che ci vengo dette bugie (corsivo mio, ndr) riguardo i prodotti e i farmaci che utilizziamo quotidianamente. Vengono poi analizzati diversi ambiti in cui ciò è valido: la scienza del clima, la scienza che... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 10 Aprile 2017 aprile 10, 2017 23:51 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 10 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La nuova e unica Regione 2650 (N08E64, Cro/beta) presente sul disco solare è rimasta stabile come è ruotata sul lato visibile. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (11-13 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e due in aprile. Ventisette giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2650 N08E71 188 20 4 CRO 3 B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 10 aprile è risultato a 73.6 –... Mostra articolo

» Pubblicato da
La Terra si raffredda: le temperature globali scendono al livello Pre-El Nino aprile 10, 2017 20:02 pm

 By: Marc Morano – Clima Depot Il recente fenomeno di El Nino si è stemperato, come mostrato chiaramente in entrambe le temperature superficiali marine e delle temperature dell’aria nella bassa troposfera. I rilevamenti dei due set di dati sono le UAH v.6 e le HadSSTv3.1 che hanno fornito le medie per il mese di marzo 2017.   Il modello di raffreddamento continua nei mari tropicali mentre le temperature oceaniche nell’emisfero settentrionale (NH) sono piatte.  La discesa verso il basso delle temperature dell’aria è chiara dopo un rialzo nel NH nel mese di febbraio.   Il modello di raffreddamento continua nei mari tropicali, mentre le temperature oceaniche nell’emisfero settentrionale (NH) sono piatte.   Fonte: Le temperature globali scese a livello del Pre-El Nino   Attività Solare

» Pubblicato da
El Niño si ritira aprile 10, 2017 7:00 am

 I dati parlano chiaro… l’ENSO è NEUTRO. Nessun El Niño, almeno per ora. L’unica zona nella quale il valore superava il +1 e che quindi faceva pensare alla formazione di un El Nino moderato, si sta raffreddando molto velocemente.     Anche le zone più centrali all’Oceano Pacifico, però, i valori stanno scendendo. Convenzionalmente si parla di El Niño solo se il valore supera +1… e si parla di La Niña quando il valore scende sotto il -1.     In questo caso, quindi, nessuna delle 4 regioni ha valori superiori a +1, pertanto si ha ENSO neutro. Niente El Nino e quindi niente estate torrida come qualcuno aveva già previsto. Anche perché servono eventualmente alcuni mesi per vedere gli effetti di un ENSO positivo! Buona giornata Bernardo Mattiucci Attività Solare

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 9 Aprile 2017 aprile 10, 2017 0:10 am

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 9 aprile è rimasta a livelli molto bassi. Il sole è risultato spotless per la ventisettesima volta in questo 2017. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (10-12 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e due in aprile. Ventisette giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio.   Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile non presentava regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class Visible sunspot regions spotless L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 9 aprile è risultato a 74.4 – (73.1) La media mensile del flusso solare ad oggi risulta di... Mostra articolo

» Pubblicato da
Uno dei grafici più fraudolenti della NOAA/EPA aprile 9, 2017 16:00 pm

 Pubblicato 8 aprile 2017 da Tony Heller La NOAA, la NASA e l’EPA sono specializzati nel generare grafici sul clima fraudolenti, ma pochi sono quelli più facili da smentire o più fraudolenti di quello qui sotto, il che dimostra che l’area degli Stati Uniti, che secondo questo grafico sta sperimentando delle estati molto calde e che sono in aumento, starebbero raggiungendo livelli record. Questo grafico è soltanto una falsità e deriva da un falso Climate Extremes Index del NOAA. Climate Change Indicators: High and Low Temperatures | Climate Change Indicators in the United States | US EPA Il grafico è eccezionalmente impreciso e mostra l’esatto contrario di ciò che sta accadendo. Le estati degli Stati Uniti sono sempre molto più fresche. Il numero di stazioni che raggiungono i 95F durante l’anno è precipitato. Il numero di stazioni che hanno dieci giorni con oltre 95F di un determinato anno è precipitato. Il numero delle stazioni che hanno venti giorni oltre i 95F di un determinato anno è precipitato. La percentuale media dei giorni sopra i 95F sta precipitando. Ma questi truffatori del clima non sono però molto bravi a nascondere le loro prove. Lo stesso sito web della EPA ha un altro grafico che mostra gli... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 8 Aprile 2017 aprile 9, 2017 12:00 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata dell’8 aprile è rimasta a livelli molto bassi. Il sole è risultato spotless per la ventiseiesima volta nel 2017. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (09-11 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e uno ad aprile. Ventisei giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio.   Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile non presentava regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class Visible sunspot regions spotless L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 8 aprile è risultato a 73.1 – (73.9) La media mensile del flusso solare ad oggi risulta di 90.2 –... Mostra articolo

» Pubblicato da
Vulcani attivi nel mondo: Periodo 22 Marzo – 28 Marzo 2017 aprile 9, 2017 7:00 am

 Di Enzo Ragusa Nel periodo osservato, 7 vulcani hanno iniziato una nuova attività vulcanica, mentre quella tuttora in corso è stata rilevata per 16 vulcani. La presente relazione fa riferimento ai vulcani attivi nel mondo registrata nel periodo 22 Marzo – 28 Marzo 2017 in base ai criteri Smithsonian/Usgs. Quello descritto, non è un elenco completo di tutti i vulcani in eruzione sulla Terra durante il periodo in questione, ma piuttosto una sintesi di attività vulcanica che soddisfa i criteri illustrati in dettaglio nel paragrafo “Criteri e Dichiarazioni di non Responsabilità”. Attentamente monitorati i report sui vari vulcani vengono pubblicati mensilmente nel Bollettino Vulcanismo Rete Globale.   Nuova attività – in subbuglio: Aira, Kyushu (Japan) Bezymianny, Central Kamchatka (Russia) Cerro Azul, Isla Isabela (Ecuador) Chirinkotan, Kuril Islands (Russia) Kambalny, Southern Kamchatka (Russia) Manam, Papua New Guinea Nevados de Chillan, Chile Attività in corso: Bagana, Bougainville (Papua New Guinea) Bogoslof, Fox Islands (USA) Cleveland, Chuginadak Island (USA) Colima, Mexico Dukono, Halmahera (Indonesia) Ebeko, Paramushir Island (Russia) Fuego, Guatemala Kilauea, Hawaiian Islands (USA) Klyuchevskoy, Central Kamchatka (Russia) Nevado del Ruiz, Colombia Pacaya, Guatemala Sabancaya, Peru Sheveluch, Central Kamchatka (Russia) Sinabung, Indonesia Suwanosejima, Ryukyu Islands (Japan) Turrialba, Costa Rica   Il Report di... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 7 Aprile 2017 aprile 8, 2017 7:00 am

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 7 aprile è rimasta a livelli bassi. La Regione 2645 (S10W86, EKC/beta-gamma) ha prodotto due brillamenti di classe C; il primo, un C2.7 alle 00:27 UTC, il secondo, un C4.3 alle 19:49 UTC. Un lieve decadimento è stato osservato nella Regione 2645 nel suo transito verso l’arto ovest. La Regione 2648 (S03W01, BXO/beta) è diventata plage.   Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (07-09 aprile). ************************************************************ Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi. Venticinque giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 4 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in formazione: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2645 S10W79 18 380 15 EKC 14 BG 2648 S03E07 292 20 4 BXO 4 B L’immagine del Sole di... Mostra articolo

» Pubblicato da
Ancora in aumento la neve in Siberia aprile 7, 2017 20:00 pm

 Di Enzo Ragusa Invece di sciogliersi, il manto nevoso aumenta. L’altezza del manto nevoso a nord del 60° parallelo risulta ancora con una media di 50-70 cm (da 20 a 34 pollici) e ancora più alta in alcuni luoghi come nella zone dello Yenisei, dove la neve supera gli 80 cm (32 pollici). Ma un nuovo ciclone in arrivo nelle prossime 24 ore porterà ancora bufere di neve e nevicate sparse. La nuova tempesta si muoverà dalla zona di Yamal in direzione di Taymyr. I venti soffieranno fino a 54-72Km/h nella zona orientale della Siberia, mentre in altre zone arriverà a soffiare fino a 86 km/h. http://hmn.ru/index.php?index=1&ts=170405123719 Si ringrazia Martin Siebert per questo link  Fonte: iceagenow Attività Solare

» Pubblicato da
Terranova – Canada: “Condizioni di ghiaccio senza precedenti” aprile 7, 2017 14:00 pm

 Di Enzo Ragusa L’Isola di Terranova è situata sulla costa orientale del Canada. Adesso viene segnalato che lo spessore del ghiaccio presente attualmente è di 4 piedi (122 cm) in alcune zone. Da Lunedi scorso, i venti orientali avevano spinto il ghiaccio nella parte occidentale nella Baia di Conception e nella Baia di Trinity nelle vicinanze di St. Johns. Il mare ghiacciato a Terranova – 4 Apr 2017 – Foto per gentile concessione della Guardia Costiera canadese Gran parte del ghiaccio nei pressi di St. John’s e lungo la riva orientale dell’isola sono spesse più di 4 piedi, ha detto Rebecca Acton-Bond, sovrintendente per quanto riguarda le operazioni di ghiaccio per la Guardia Costiera canadese. Il ghiaccio marino nei porti non è anormale, eventi simili si sono verificati nel 1993, 2008 e 2014. Tuttavia, lo spessore del ghiaccio di quest’anno è molto più alto del normale, ha detto Acton-Bond. All’inizio di questa settimana una balena è deceduta dopo essere rimasta intrappolata nel ghiaccio al largo di Terranova e un traghetto che trasportava 209 passeggeri, 85 veicoli commerciali e altri 65 veicoli è rimasto bloccato nel ghiaccio poco fuori Cape Breton. “Il ghiaccio è ora presente in modo massiccio nel porto”, ha riferito Hunter Mark Robinson. Una coppia di anziani, hanno riferito che non hanno più... Mostra articolo

» Pubblicato da
Se Lo Dice La NOAA… aprile 7, 2017 7:00 am

 Posted By Guido Guidi Data di pubblicazione: 6 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44170 Beh, lo dice e basta. E ve lo riporto pari pari: In conclusione, né le nostre proiezioni modellistiche per i 21° secolo, né le nostre analisi dei trend del numero degli uragani e delle tempeste tropicali in Atlantico negli ultimi 120 e più anni, supportano l’idea che il riscaldamento indotto dai gas serra possa portare ad un significativo aumento nel numero totale delle tempeste tropicali o degli uragani in Atlantico. I nostri studi modellistici prevedono un importante (circa 100%) aumento degli uragani atlantici di categoria 4-5 nel 21° secolo, ma stimiamo che questo aumento possa non essere distinguibile fino alla seconda metà del secolo. Un interessante presa di posizione questa della NOAA. Lo spauracchio del clima (e del tempo ad esso correlato) già impazzito può, evidentemente attendere. E dovrà farlo almeno per qualche altra decade, se non per buona parte di questo secolo. In particolare, c’è da sottolineare il fatto che in quanto osservato sin qui, negli anni del global warming ruggente, non è possibile distinguere alcun segnale di cambiamento che abbia un’ampiezza tale da non essere compreso nella normale variabilità di origine naturale di questi eventi, sia... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 6 Aprile 2017 aprile 6, 2017 23:16 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 6 aprile è rimasta a livelli bassi. Regione 2645 (S12W72, EKC/beta-gamma) è leggermente decaduta, ma è rimasta per lo più invariata. La Regione 2648 (S03E13, BXO/beta) è leggermente decaduta ed è rimasta inattiva per tutto il periodo. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa con la possibilità di brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (07-09 aprile) e piccole possibilità di classe M (R1-R2 blackout/Radio minore-moderata). ************************************************************ Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi. Venticinque giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 4 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in formazione: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2645 S10W67 18 500 16 FKC 12 BGD 2648 S02E22 288 50 7 BXO 5 B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 5 Aprile 2017 aprile 6, 2017 14:23 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 5 aprile ha avuto livelli bassi. La Regione 2645 (S10W67, Fkc/beta-gamma-delta) è rimasta stabile nel numero di spot e nella crescita complessiva. La regione ha prodotto diversi deboli brillamenti di classe B e due di basso livello di classe C durante tutto il periodo preso in esame. La Regione 2648 (S02E22, BXO/beta) ha mostrato un decadimento rimanendo inattiva. .Forecast … L’attività solare dovrebbe essere basso, con una possibilità di razzi classe M (R1-R2 / blackout radiofonici Minore-moderati) e una piccola possibilità di X-class razzi (R3 / strong blackout radio) sul primo giorno (06 aprile), principalmente a causa il potenziale riacutizzazione continuato dei servizi Regione 2645. L’attività solare è previsto ad essere bassa con una piccola possibilità per brillamenti di classe M il secondo giorno (07 aprile). Il terzo giorno (08 aprile) dovrebbe essere a livelli bassi con una possibilità di razzi C-classe come Regione 2645 ruota oltre l’arto. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare moderata con la possibilità di brillamenti di classe M (R1-R2 / radio blackout minori-moderati) nei prossimi giorni (06-08 aprile). ************************************************************ Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di... Mostra articolo

» Pubblicato da
La Riconnessione Magnetica Svelata aprile 6, 2017 7:00 am

 Grazie a uno studio sperimentale realizzato presso il Magnetic Reconnection Experiment, un team internazionale di scienziati ha scoperto un meccanismo responsabile della velocità con cui si verifica il fenomeno della riconnessione magnetica. I risultati potranno aiutarci nella previsione delle tempeste solari di Elisa Nichelli lunedì 3 aprile 2017 @ 16:28 La riconnessione magnetica, il processo responsabile dell’esistenza dei brillamenti solari, si verifica molto più rapidamente di quanto previsto dalla teoria. Uno studio condotto da un team internazionale di scienziati ha scoperto un meccanismo responsabile per questa maggiore velocità. I risultati, pubblicati su Physical Review Letters, potranno portare a previsioni più accurate per le tempeste solari, e quindi a campagne più efficaci di protezione dei sistemi di telecomunicazione e delle reti elettriche. Per parlare di riconnessione magnetica occorre che le linee di campo magnetico presenti all’interno di un plasma si riconfigurino, convertendo energia magnetica in movimento delle particelle. Il plasma è composto da atomi e particelle cariche, tra cui gli elettroni, che con la loro pressione hanno un ruolo fondamentale nell’innescarsi del processo. Rappresentazione artistica di una tempesta magnetica. Crediti: NASA I ricercatori hanno scoperto che, durante la fase di riconnessione, lungo le linee di campo magnetico si sviluppa una variazione... Mostra articolo

» Pubblicato da
Com’era la situazione nell’Artico? aprile 5, 2017 17:17 pm

   Qualcuno… ma non ricordo chi, sosteneva qualche tempo fa, che la situazione ghiacci nell’Artico era  una prova palese del Riscaldamento Globale Antropico e che ormai i ghiacci in artico si stavano sciogliendo a ritmi mai visti prima. E come prova di ciò c’erano le temperature sopra il Polo Nord notevolmente più alte della media… chiaro sintomo che il mondo si sta riscaldando. A quanto pare, però, al mondo non gliene frega nulla di ciò che sostengono i fedelissimi dell’AGW… perché, a quanto pare, la situazione è differente! Lo SnowCover del 2017 è maggiore rispetto a quello del 2016 e 2014… ma di poco inferiore a quello del 2015. L’estensione dei ghiacci artici del 2017, invece, nel comparto Atlantico è maggiore rispetto al 2016 e 2015 mentre è simile al 2014. Nel comparto del Pacifico, invece, è minore rispetto al 2015 e 2016 e simile al 2014.   Alla fine, tirando le somme… non c’è tutta questa ENORME differenza sbandierata ai 4 venti dai soliti noti.   Le immagini e i dati parlano chiaro. Buona serata Bernardo Mattiucci Attività Solare

» Pubblicato da
Tendenza senza tendenza…. aprile 5, 2017 12:00 pm

 El Niño si o El Niño no? Per molti la prossima estate sarà torrida, con temperature molto sopra la media… E questo a causa di un El Niño che, prepotentemente, si sta concretizzando sempre di più nelle acque dell’Oceano Pacifico. Ma è veramente così? La risposta è NO! Nel modo più assoluto! Il termine El Niño viene dato ad un evento che comporta il riscaldamento delle acque dell’Oceano Pacifico equatoriale centrale. In realtà El Niño è il nome dato ad una fase positiva dell’indice ENSO. Quando tale indice supera la soglia positiva di +1, si ha El Niño, quando supera quella negativa di -1, si ha La Niña. Vi sono 4 regioni principali che determinano gli eventi ENSO…   ….ma finché non si hanno valori significativamente importanti nelle regioni 4 e 3.4, gli effetti sono limitati a pochissime aree del pianeta. In più, per avere effetti alle medie latitudini (come la nostra), è necessario che i venti Alisei siano belli forti… ovvero che ci sia un poderoso trasporto di calore dall’equatore verso i tropici e le aree subpolari. E questo, attualmente, non sta avvenendo!   Ad ogni modo, attualmente, l’unica zona che si sta riscaldando delle 4 qui sopra, è... Mostra articolo

» Pubblicato da
Hai capito…?!? aprile 5, 2017 7:00 am

 Autore: Guido Guidi Data di pubblicazione: 04 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44160   Di “settled“, ovvero definito, nella scienza del clima c’è solo il fatto che trattasi di scienza, che malgrado tutto continua a progredire. Leggete qua, qualche spunto di riflessione. Sun’s impact on climate change quantified for first time Per la prima volta pare sia stata data una dimensione all’impatto delle oscillazioni dell’attività solare sul clima. La volete sapere la novità? Quando l’attività solare declina, il pianeta volge al raffreddamento. Secondo quanto leggerete al link, questo è quello che ci aspetta nelle prossime decadi, in cui sembra consolidato un trend di diminuzione delle dinamiche solari. A robust empirical seasonal prediction of winter NAO and surface climate Vuoi prevedere come sarà l’inverno in Europa? Devi conoscere quale sarà l’andamento della NAO (North Atlantic Oscillation). Vuoi prevedere la NAO? Dimentica i modelli dinamici, c’è n’è uno empirico che pare faccia molto meglio, tracciando l’andamento della circolazione nella bassa stratosfera, l’estensione del ghiaccio artico e la temperatura di superficie del mare. E la previsione stagionale (del passato) è servita. Cosmic Rays Increase Cloud Cover, Earth’s Surface Cools Ancora Sole, ancora fresco in arrivo. Un altro lavoro che attribuisce all’attività solare in diminuzione... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 4 Aprile 2017 aprile 4, 2017 23:08 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 4 aprile ha avuto livelli moderati. La Regione 2644 (N12W86, EAC/beta-gamma-delta) è rimasta magneticamente complessa e instabile in quanto ruotata nella zona dell’arto ovest. Risultata anche leggermente meno attiva, questa regione ha ancora prodotto svariati brillamenti di classe C. La Regione 2645 (S10W46, Fkc/beta-gamma-delta) ha continuato a mostrare una crescita e il consolidamento in entrambe le sue macchie. Però, nonostante la dimensione e la complessità magnetica, è riuscita a produrre soltanto un paio di brillamenti di classe C. La Regioni 2648 (S03E44, Cso/beta) e la Regione 2649 (N14W54, Cso/beta) sono rimaste per lo più stabili per tutto il periodo. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare moderata con la possibilità di brillamenti di classe C-M e occasionali possibili di classe X (R3 strong) nei prossimi giorni (05-06 aprile) mentre per il 7 aprile è prevista in calo. ************************************************************ Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi. Venticinque giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X... Mostra articolo

» Pubblicato da