image_pdfimage_print

Gli ultimi studi scientifici mostrano che la temperatura in Europa scenderà per i prossimi 15-20 anni. Ciò è dovuto all’indebolimento dell’oscillazione del Nord Atlantico e al raffreddamento del Nord Atlantico. La prossima fase di riscaldamento è previsto intorno al 2050. Questo ciclo naturale non ha nulla a che vedere con la CO2. Come spiega il Professor Fritz Vahrenholt, il riscaldamento globale si fermerà mentre il Nord Atlantico si raffredda. Perché l’imminente raffreddamento in Europa non viene riportato dai media? Il Prof. Vahrenholt è l’ex presidente della German Wildlife Foundation. Dal 1991 al 1997 è stato senatore per l’ambiente della città-stato di Amburgo.

Esperto tedesco di energie rinnovabili: il riscaldamento globale si fermerà con il raffreddamento del Nord Atlantico

Di P. Gosselin – 8 Gennaio 2023

Pubblicità

Del Prof. Fritz Vahrenholt, Klimanachrichten

Il clima insolitamente mite di fine anno in Europa centrale ha rafforzato la convinzione di molti in Germania che il riscaldamento globale indotto dalla CO2 sia in pieno svolgimento. A livello globale – e questa è l’unica cosa che conta – le temperature si stanno sviluppando in una direzione diversa. Se prendiamo la media degli ultimi anni, la temperatura globale è rimasta costante per 8 anni e 4 mesi. A dicembre, la deviazione della temperatura globale dalla media trentennale delle misurazioni satellitari dell’Università dell’Alabama (UAH) è scesa di nuovo, a 0,05 gradi Celsius. A dire il vero, c’è un aumento della temperatura a lungo termine fino al 2015. Ma dal 1979 la media è stata di soli 0,13 gradi Celsius per decennio.

Indebolimento dell’oscillazione del Nord Atlantico

Ma va ancora meglio: gli ultimi studi scientifici mostrano per l’Europa che prima andrà leggermente in discesa per 15-20 anni.

Grafico del Dr. Roy Spencer

Alcuni pesi massimi della scienza del clima hanno recentemente suscitato scalpore nella rivista Nature “Climate and Atmospheric Science”. Katja Matthes, direttrice del GEOMAR Helmholtz Center for Ocean Research di Kiel, Johann Jungclaus del Max Planck Institute for Meteorology di Amburgo e Nour-Eddine Omrani del Norwegian Bjerknes Center for climate research hanno pubblicato uno studio che mostra che siamo di fronte a un indebolimento dell’oscillazione del Nord Atlantico, un raffreddamento del Nord Atlantico e un relativo sviluppo della temperatura globale tra il 1950 e il 1970 (dicono gli autori nel loro riassunto). Il grafico mostra il calo delle temperature del Nord Atlantico entro il 2040, ma a causa della tendenza al riscaldamento globale, le temperature non torneranno ai livelli del 1950-1970, spiega uno degli autori, Eddine Omrani. L’attesa pausa nel riscaldamento ci dà il tempo, dice Omrani, di elaborare soluzioni tecniche, politiche ed economiche prima della prossima fase di riscaldamento, che riprenderà a partire dal 2050 circa.

Perché il prossimo raffreddamento in Europa non viene segnalato?

È sorprendente che finora nessun quotidiano tedesco abbia riportato questo incoraggiante messaggio. Trova invece ampio spazio e giudici benevoli l’apocalittico delirio della “ultima generazione” finanziata con i soldi delle fondazioni americane. Quasi nessuno mette in discussione la falsa narrazione delle persone che si incollano in strada per protestare. Coloro che sopprimono tali notizie di imminente raffreddamento sono complici della distruzione politicamente indotta della nostra società. Cosa ha detto di recente il ministro dell’Economia Robert Habeck (Verdi) in Qatar? Ha bisogno di gas naturale nei prossimi anni, ma tra 7 anni non ne avrà più bisogno, perché a quel punto la Germania uscirà comunque dal gas. Perché vuole uscire se nei prossimi 20 anni in Europa non diventerà più caldo, ma piuttosto freddo? Non avremo bisogno di ancora più gas di oggi se si raffredda?

La pubblicazione dei ricercatori sul clima di Kiel, Amburgo, Bergen, Venezia e Houston ci porta un’altra importante intuizione. Il riscaldamento degli anni dal 1980 al 2015 è stato significativamente influenzato dalla fase calda dell’Oceano Atlantico. Possiamo stimare che una parte significativa del riscaldamento possa essere attribuita a questo ciclo naturale. Questo periodo viene utilizzato, tra l’altro, per fare previsioni di temperatura nel futuro. Tuttavia, i modelli attribuiscono il contributo del riscaldamento naturale all’effetto della CO2. Questo effetto di CO2 calcolato in modo errato e più elevato viene riportato nel futuro. I modelli che non tengono conto delle influenze cicliche naturali – e i modelli non sono ancora in grado di farlo – arrivano quindi a previsioni di riscaldamento troppo alte. Non va dimenticato che ci sono un certo numero di pubblicazioni (come questa che coinvolge Matthes e Omrani, La forzatura solare sincronizza la variabilità climatica decadale del Nord Atlantico) che considerano probabile un accoppiamento della forza dei cicli solari con l’Oscillazione del Nord Atlantico. L’ultimo ciclo solare dal 2008 al 2019 è stato il più debole degli ultimi 100 anni. Il ciclo attuale finora si preannuncia altrettanto debole. L’unidimensionalità del dibattito sul clima e l’energia, culminata con l’affermazione che le sole emissioni di CO2 determinano il nostro clima, è piuttosto spaventosa.

Conferenza ad Amburgo

Il 19 gennaio 2023 si terrà presso l’hotel Elysee di Amburgo il congresso “Salviamo la nostra industria”. I partecipanti includeranno Michael Shellenberger, Prof. Patzelt, Prof. Koch, Dr. Pillkahn, Prof. Mayer, Roland Tichy e il sottoscritto. L’evento è consultabile qui. Sfortunatamente, era già al completo due settimane dopo l’annuncio; ne sono in programma altri. Tuttavia, l’evento di Amburgo può essere seguito qui. Inoltre, vorrei sottolineare che il mio nuovo libro: Die Grosse Energiekrise – und wie wir sie bewältigen können (La grande crisi energetica – e come possiamo gestirla) sarà pubblicato il 17 febbraio. Il libro sarà presentato a una conferenza stampa al German Press Club di Berlino insieme a Otto Schily, ex ministro federale. Il libro ha 207 pagine e costa 22 €. Il libro è pubblicato da LangenMüller Verlag. Auguri, Prof. Fritz Vahrenholt

Fonte : No Tricks Zone

Pubblicità