image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 22 Novembre 2022

Il sistema climatico terrestre è insondabilmente complesso. Solo una piccola percentuale delle variabili è stata presa in considerazione nei modelli finanziati dalle Nazioni Unite.

Un nuovo studio ha trovato differenze di temperatura del “mondo reale” nell’Oceano Pacifico orientale che variano ampiamente da ciò che i modelli climatici dicono che dovrebbe accadere.

Pubblicità

Lo studio suggerisce anche che La Niña – la controparte più fredda di El Niño – potrebbe continuare a presentarsi, aggiungendo ai problemi climatici che il fenomeno offre, vale a dire inverni più rigidi per gran parte dell’emisfero settentrionale e forti precipitazioni per zone come l’Australia.

L’ipotesi del riscaldamento globale favorisce El Niño, lo ha sempre fatto.

I modelli decretavano che El Niño sarebbe stato il modello dominante dell’ENSO in futuro, correlato all’aumento delle temperature globali; ci si aspettava che le acque oceaniche fredde e profonde al largo del Sud America salissero in superficie, incontrassero aria più mite e calore più velocemente dell’oceano più caldo al largo dell’Asia; questo, a sua volta, ridurrebbe la differenza di temperatura attraverso il Pacifico tropicale e alleggerirebbe i venti superficiali che soffiano verso l’Indonesia – aka, una configurazione di El Niño.

Le registrazioni climatiche storiche confermano che durante i precedenti periodi caldi, il clima della Terra era più simile a El Niño.

Negli ultimi anni, tuttavia, La Niña è stata la configurazione dominante. In effetti, l’emisfero settentrionale sta per sopportare il suo terzo inverno consecutivo con La Niña, qualcosa che si è verificato solo quattro volte dal 1900 e solo due volte dal 1950.

Quindi cosa sta succedendo? La Terra si sta raffreddando?

Il recente studio“Systematic Climate Model Biases in the Large-Scale Patterns of Recent Sea-Surface Temperature and Sea-Level Pressure Change”, ha esaminato le temperature sulla superficie dell’oceano registrate da navi e boe dal 1979 al 2020.

Si è scoperto che l’Oceano Pacifico al largo del Sud America si era effettivamente raffreddato in quel periodo, insieme alle regioni oceaniche più a sud. Questo non può essere spiegato dai modelli climatici. Per dirla delicatamente, mancano grandi pezzi del puzzle.

Il risultato di questa realtà “inaspettata” è che la differenza di temperatura tra il Pacifico orientale e occidentale è cresciuta, invece di ridursi come era stato ipotizzato; i venti superficiali che soffiano verso l’Indonesia si sono rafforzati, non indeboliti; e i residenti del Nord Emisfero stanno sopportando il loro terzo inverno consecutivo con La Niña, invece della sua controparte più calda, El Niño.

I modelli climatici – su cui i nostri “migliori” basano le loro decisioni politiche che rimodellano il mondo – sono andati completamente indietro.

I ricercatori ammettono apertamente di non sapere perché questi dati oggettivi stiano avvenendo. L’autore principale Robert Wills, uno scienziato ricercatore della UW in scienze atmosferiche, ha detto che il suo team sta ora esplorando possibili collegamenti con l’Oceano Antartico, che si sta anch’esso raffreddando.

“C’è qualcosa nella variazione regionale, il modello spaziale del riscaldamento negli oceani tropicali, si è spento”, ha detto Wills. “Se si rivelano essere cicli naturali a lungo termine, forse possiamo aspettarci che cambi nei prossimi cinque-dieci anni, ma se si tratta di una tendenza a lungo termine dovuta ad alcuni processi che non sono ben rappresentati nei modelli climatici, allora sarebbe più lungo. Alcuni meccanismi hanno un cambiamento che avverrà nei prossimi decenni, ma altri potrebbero durare un secolo o più”, ha aggiunto.

Lascia che affondi in…

Si noti inoltre che lo studio è stato condotto solo fino al 2020, quindi non ha avuto i dati per i due inverni più recenti di La Nina in cui è stata notata un’ulteriore intensificazione del raffreddamento.

Gli scienziati del clima onesti ammettono che ci sono seri problemi con i modelli, il più grande dei quali sono le “nuvole” – semplicemente non li hanno adeguatamente spiegati/non li capiscono.

“Tutti i modelli sono errati, ma alcuni modelli sono utili”, così dice la citazione. Bene, finora, i modelli climatici sono apparentemente utili solo per spingere agende distorte, antiumane e globaliste – hanno dimostrato di aver fallito sotto ogni aspetto.

Fonte : ELECTROVERSE

Pubblicità