image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard  – 6 ottobre 2022

Ancora un nuovo studio indica che l’ipotesi che l’impatto climatico della CO2 non sia oscurato dall’impatto del vapore acqueo (perché non si sovrappongono spettralmente) è incoerente con le osservazioni della NASA e HITRAN.

Smirnov, 2022

“Vengono analizzati i cambiamenti nell’atmosfera terrestre che influenzano la sua energia. Vengono presentati i risultati dei programmi della NASA sul monitoraggio dell’anidride carbonica nell’atmosfera e l’evoluzione della temperatura globale, nonché i dati sulle misurazioni dell’evoluzione della temperatura locale in passato. I processi energetici globali sono analizzati sulla base di informazioni contemporanee sia per: processi naturali che quelli derivanti dall’attività umana. Vengono considerati i canali di stabilire un equilibrio tra la variazione della massa di anidride carbonica atmosferica e quella della temperatura globale. Includono la diminuzione del tasso totale di fotosintesi a seguito della deforestazione, della combustione di combustibili fossili e dell’effetto serra. Sulla base delle informazioni attuali, è dimostrato che nessuno di questi canali spiega l’accumulo osservato di anidride carbonica nell’atmosfera. È stata dimostrata l’incoerenza dei modelli climatologici dei cambiamenti della temperatura globale a seguito di un aumento della concentrazione di anidride carbonica, che sono alla base degli accordi di Parigi sul clima. L’uso di questi modelli si basa sul presupposto che gli spettri delle molecole di anidride carbonica e acqua non si sovrappongano, il che contraddice sia i dati risultanti dalle misurazioni con i programmi della NASA sia i calcoli basati sui parametri spettroscopici delle molecole della banca dati HITRAN. Viene presentato il concetto di Pauling, che si basa sull’equilibrio termodinamico tra le molecole di CO2 atmosferica libera nell’atmosfera e il carbonio legato sulla superficie terrestre. Sulla base di questo concetto, viene mostrata la diversa natura dell’equilibrio passato e attuale. Così, in passato, il processo più lento di ossidazione del carbonio legato sulla superficie terrestre era l’evaporazione delle molecole di anidride carbonica disciolte nell’oceano, mentre il processo limitante attualmente è l’ossidazione dei carbonati negli oceani.

La supremazia spettrale/effetto serra del vapore acqueo rispetto alla CO2 è nota e riconosciuta fin dal 1970 (Newell e Dopplick, 1979).

Pubblicità
“Venti degli intervalli spettrali sono dominati dal vapore acqueo e gli altri due contengono CO2 (~ 15 μm) e O3 (9,6 μm).”
Fonte immagine: Newell e Dopplick, 1979

Fonte : No Tricks Zone

Pubblicità