image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 14 Marzo 2019

La pausa post-1998

Plods On … Regionally

Fonte immagine: Gan et al., 2019

Il Nord America (180-0° N, 15-60° N) è stato caratterizzato come un “importante centro di raffreddamento” dagli autori di un nuovo studio (Gan et al., 2019) pubblicato su Earth and Space Science.

Il continente, secondo i dati rilevati, si è riscaldato dal 1982 al 1998, ma una tendenza al raffreddamento dal 1998 ha quasi eliminato tutto il precedente riscaldamento.

Nel complesso, dal 1982 non si sono verificati cambiamenti significativi di temperatura nel Nord America.

Le tendenze di riscaldamento e raffreddamento, in particolare il minimo giornaliero di temperatura (Tmin), sono ben correlate (r = 0,71) con il percorso dell’Oscillazione multidecadale atlantica (AMO) durante il 1950-2014, portando gli autori a concludere che l’andamento della temperatura in questo periodo di 32 anni è “il risultato di” cambiamenti naturali nell’AMO.


Gan et al., 2019

Il ruolo chiave dell’oscillazione multidecadal atlantica della temperatura minima sul Nord America durante il rallentamento del riscaldamento globale

“La temperatura minima giornaliera (Tmin) è una variabile importante nei cambiamenti climatici globali e regionali e la sua variabilità può influire notevolmente sul sistema ecologico. All’inizio del XXI secolo, il rallentamento del riscaldamento si osserva nell’emisfero nord e il Nord America è uno dei principali centri di raffreddamento”.

In questo studio, abbiamo rilevato che le Tmin hanno subito un evidente declino nel Nord America durante il periodo di rallentamento del riscaldamento. Tale declino della Tmin è strettamente correlata all’Ocillazione Multidecadal Atlantica (AMO), la correlazione tra le componenti decennali della Tmin e AMO ha raggiunto lo 0,71 durante il 1950-2014 .”

“Secondo l’analisi composita, l’AMO nella fase positiva (negativa) richiede due sistemi a bassa pressione (alta pressione) nel nord-est del Pacifico e nel Nord Atlantico di notte, accompagnati da circoli ciclonici (anticiclonici) e da un’avvertimento caldo (freddo) in Nord America. Pertanto, le analisi concludono che il declino della Tmin durante il periodo di rallentamento del riscaldamento è il risultato della diminuzione sincrona dell’AMO. I risultati sottolineano il ruolo chiave dell’AMO sulla variazione decennale della Tmin nel Nord America.”

Fonte immagine: Gan et al., 2019


Un altro nuovo documento rinnova il dibattito sul “surriscaldamento” del riscaldamento globale e documenta una tendenza al raffreddamento del XXI secolo nel nord della Cina, che ha anche efficacemente attenuato i decenni precedenti di riscaldamento per la regione.


Li et al., 2019

Riscaldamento regionale basato sui satelliti con la pausa in Cina e le sue implicazioni

Riscaldamento globale” in stallo o “in pausa” per il periodo 1998-2012, come sostenuto dal quinto rapporto di valutazione (ARCC) del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC ) (IPCC, 2013). Tuttavia, le prime bozze dell’IPCC AR5 non hanno una spiegazione dettagliata di questa “interruzione” poiché 111 dei 114 modelli climatici del modello di sistema terrestre CMIP5 non hanno verificato questo fenomeno di aumento. … Nel 2017, dopo un’ondata di pubblicazioni scientifiche e dibattito pubblico, i modelli climatici riportati dall’IPCC rimangono dibattiti, tra cui definizioni di “hiatus” e dataset (Medhaug et al., 2017).”

Fonte immagine:  Li et al., 2019

“Il rallentamento del riscaldamento globale dal 1998, spesso definito lo iato del riscaldamento globale. La riconciliazione dello “hiatus” è un obiettivo principale della conferenza sui cambiamenti climatici del 2013. La caratterizzazione accurata degli andamenti spaziotemporali nella temperatura dell’aria superficiale (SAT) aiuta a comprendere meglio lo “iato” durante il periodo. Questo articolo presenta una simulazione di riscaldamento regionale basata su satellite per diagnosticare la “sospensione” per il periodo 2001-2015 in Cina. I risultati mostrano che il riscaldamento rapido è principalmente nella Cina occidentale e meridionale, come lo Yunnan (media ± deviazione standard: 0,39 ± 0,26 ° C (10 anni) -1), Tibet (0,22 ± 0,25 ° C (10 anni) -1) , Taiwan (0,21 ± 0,25 ° C (10 anni) -1) e Sichuan (0,19 ± 0,25 ° C (10 anni) -1). Al contrario, c’è una tendenza al raffreddamento di 0,29 ± 0,26 ° C (10 anni) -1 nel nord della Cina negli ultimi 15 anni, dove un tasso di riscaldamento di circa 0,38 ± 0,11 ° C (10 anni) -1 si è verificato per il 1960- 2000. Complessivamente, la simulazione satellitare mostra che la velocità di riscaldamento è ridotta a -0,02 ° C (10 anni) -1. I cambiamenti della superficie sottostante, dell’orbita terrestre, della radiazione solare e della radiazione atmosferica (USEOSRACR) causano un aumento della temperatura della Cina di circa 0,02 ° C (10 anni) -1. Una combinazione di gas a effetto serra (GHG) e altre forzanti naturali (ONAT, attività prevalentemente vulcanica, e atmosfera e circolazione oceanica) spiegano un’altra parte dell’andamento della temperatura di circa -0,04 ° C (10 anni) -1. Concludiamo che vi è una pausa di riscaldamento regionale, una pausa o un rallentamento in Cina, e implicano che il riscaldamento indotto dai gas serra è soppresso dall’ONAT [altra forzatura naturale] all’inizio del XXI secolo.”

Fonte immagine: Li et al., 2019

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità