image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 20 Giugno 2021

Analizzando la natura ciclica dell’attività solare, i principali scienziati suggeriscono che il minimo solare è destinato a persistere fino al 2050.

È importante stimare le caratteristiche del prossimo ciclo solare perché servono a migliorare la preparazione nell’esplorazione dello spazio e a ridurre al minimo i rischi nelle attività tecnologiche e sociologiche.

Pubblicità

La capacità di comprendere i parametri magnetici solari storici in modo più accurato, oltre il ciclo di 11 anni altamente dominante, è una chiave per stimare la variabilità solare, affermano i ricercatori. Inoltre, numerosi scienziati ritengono che esista un chiaro legame tra l’attività solare e i modelli climatici in termini di precipitazioni e temperatura in tutto il mondo.

Un nuovo studio prevede una debole attività solare fino al 2050

Un nuovo studio apparso sul Journal Advancing in Space Research di Herrera et al prevede che il prossimo ciclo solare 25 (SC 25) sarà debole con un numero di macchie solari massimo annuale (SSN) di 95 e un probabile intervallo di 80-115 tra il 2023 e il 2025.

Gli autori hanno applicato algoritmi e analisi di Machine Learning (ML) alla serie temporale annuale delle macchie solari del World Data Center (1700-2019; versione 2.0), che ha permesso di approfondire la dinamo magnetica del Sole che guida i massimi e i minimi dell’attività solare.

Fig. 1. Risultati dell’analisi spettrale wavelet tempo-frequenza. (a) Record annuali delle serie temporali delle macchie solari dal 1700 al 2019. (b) Il periodo wavelet medio globale (pannello di sinistra). (c) La densità spettrale di potenza wavelet di Morlet (MWPSD) in unità arbitrarie che adottano le scale di colore rosso-verde-blu. (d) Variazioni periodiche del ciclo solare di 11 anni (es. il ciclo di Schwabe). (e) Variazioni periodiche del ciclo solare di 22 anni (ciclo di Hale). (f) Le variazioni periodiche del ciclo solare di 60 anni (il ciclo Yoshimura-Gleissberg). (g) Variazioni periodiche del ciclo solare di 120 anni. I numeri romani ”I”, ”II” e ”III” nei pannelli (a) e (d) indicano il ciclo di Wolf discusso nel testo principale. Immagine: progressi nella ricerca spaziale. 

“Abbiamo scoperto che la variabilità nel ciclo solare ~11-anni è strettamente correlato con le variazioni di attività magnetica oscillatoria di 120 anni”, hanno riassunto gli autori. “Inoltre, il nostro modello ML prevede una nuova fase di minimi solari estesi che è iniziata prima del ciclo solare 24 (ca. 2008-2019) e durerà fino al ciclo delle macchie solari 27 (ca. 2050 circa).”

“Conseguenze meteorologiche e climatiche sgradite”

Ciò significa che c’è un’alta probabilità che scopriremo se i cambiamenti climatici della Terra sono davvero in gran parte legati all’attività solare, come affermano numerosi scienziati in tutto il mondo.

Il Dr. Willie Soon, un coautore del nuovo studio, ha commentato via e-mail che sebbene il loro articolo non si proponesse di affrontare la questione della connessione sole-clima, due conseguenze sarebbero imminenti se l’attività solare dovesse rimanere debole come previsto:

Innanzitutto la buona notizia è che possiamo essere a minor rischio che eventuali grandi tempeste solari interrompano le comunicazioni elettromagnetiche e persino la generazione e la trasmissione di elettricità.

Tuttavia, un Sole persistentemente più debole e più fioco porterà probabilmente anche a conseguenze meteorologiche e climatiche sgradite a cui l’umanità deve essere completamente preparata».

Il legame tra attività solare e clima terrestre è confermato da centinaia di documenti scientifici

Guardando la storia dell’attività solare e il cambiamento climatico della Terra, le probabilità sono persino migliori che questi scienziati si dimostrino corretti. Questo è stato dimostrato da centinaia di documenti. Vedi anche qui.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità