image_pdfimage_print

Di Julie Celestial – 14 Agosto 2020

Una nuova ricerca della Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI) ha scoperto che una componente chiave della Corrente del Golfo, una calda corrente dell’Oceano Atlantico che si estende fino alla punta della Florida, è costantemente rallentata ed è ora più debole degli ultimi 110 anni. La connessione tra il livello del mare costiero e la forza delle correnti near-shore è stata analizzata per tracciare l’evoluzione della Corrente della Florida e giungere ad una conclusione.

“Nell’oceano, quasi tutto è connesso”, ha detto l’autore della ricerca Christopher Piecuch, assistente scienziato del dipartimento di oceanografia fisica dell’OMS.

Pubblicità

“Possiamo usare queste connessioni per guardare nel passato o lontano dalla riva, dandoci una visione più completa dell’oceano e di come cambia nello spazio e nel tempo”. 

Piecuch è specializzato nel cambiamento del livello del mare costiero e regionale e ha utilizzato una connessione tra il livello dell’oceano costiero e la forza delle correnti vicino alla riva per seguire l’evoluzione della corrente della Florida.

La Corrente del Golfo scorre a nord lungo la costa sud atlantica degli Stati Uniti e infine a est nel Nord Atlantico, trasportando proprietà che influenzano il clima terrestre come calore, sale e quantità di moto.

Poiché le registrazioni quasi costanti del livello dell’acqua risalgono a più di un secolo lungo la costa atlantica della Florida, Piecuch è stato in grado di utilizzare modelli matematici e fisici per ampliare la portata delle misurazioni dirette della Corrente del Golfo.

Ciò lo ha portato alla conclusione che la corrente si è indebolita costantemente ed è più debole ora che negli ultimi 110 anni.

florida-corrente-ago-2020
Image credit: Carol Anne Clayson, Woods Hole Oceanographic Institution

Tuttavia, una delle maggiori incertezze nei modelli climatici è il comportamento delle correnti che guidano o rispondono ai cambiamenti nel clima del mondo. Uno dei più significativi di questi è l’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), un grande sistema o nastro trasportatore di correnti oceaniche nell’Atlantico che aiuta a bilanciare il clima globale.

Lo studio di Piecuch concorda con le relazioni mostrate nei modelli tra i rami più profondi dell’AMOC e la Corrente del Golfo. Verifica altri studi che suggeriscono che i rami più profondi dell’AMOC hanno rallentato negli ultimi anni. Il suo metodo fornisce anche il potenziale per monitorare le correnti oceaniche come la Corrente del Golfo dalla costa, integrando strumenti ormeggiati e costose navi da ricerca.

“Se possiamo monitorare qualcosa all’orizzonte effettuando misurazioni dalla riva, allora è una vittoria per la scienza e potenzialmente per la società”, ha affermato l’autore.

Riferimento

“Probabile indebolimento della corrente della Florida durante il secolo scorso rivelato dalle osservazioni a livello del mare” – Piecuch, CG – Nature Communications –  https://doi.org/10.1038/s41467-020-17761-w

Abstract

La Corrente della Florida segna l’inizio della Corrente del Golfo nalla Florida Straits e svolge un ruolo importante nel clima. Misurazioni quasi continue dell’attuale trasporto della Florida sono disponibili a 27 ° N dal 1982. Questi dati sono troppo brevi per valutare possibili tendenze multidecadali o centenarie. Qui ricostruisco il trasporto della Corrente della Florida durante il 1909-2018 utilizzando metodi probabilistici e principi della fisica oceanica applicati ai dati di trasporto disponibili e registrazioni più lunghe del livello del mare costiero. L’attuale trasporto della Corrente della Florida è probabilmente diminuito costantemente nel secolo scorso. I trasporti dal 1982 sono stati probabilmente più deboli in media rispetto al periodo 1909-1981. Il trasporto medio decennale più debole negli ultimi 110 anni probabilmente si è verificato negli ultimi due decenni. I risultati confermano l’ipotesi che il ramo profondo del ribaltamento della circolazione sia diminuito nel recente passato, e le relazioni di supporto osservate nei modelli climatici tra il ribaltamento e il trasporto della corrente superficiale al confine occidentale su scale temporali multidecadali e più lunghe.

Credito immagine in primo piano: Carol Anne Clayson, Woods Hole Oceanographic Institution

Fonte: The Watchers

Pubblicità