image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard -20 Aprile 2020

Gli scienziati ora riconoscono che i cambiamenti della copertura nuvolosa “controllano il ciclo idrologico della Terra”, “regolano il clima della Terra” e “dominano il segnale di fusione” per la calotta glaciale della Groenlandia attraverso la modulazione della radiazione a onde corte assorbita. La CO2 non viene citata come fattore di contributo.

Image Source: Hahn et al., 2020

La modellistica climatica ha errato al 100% sui fattori che influenzano il riscaldamento della Groenlandia e il conseguente scioglimento della propria superficie.

Pubblicità

Alcuni anni fa gli scienziati hanno riconosciuto “una grande disparità nelle tendenze tra i modelli del Coupled Model Intercomparison Project 5 (CMIP5) e le osservazioni degli ultimi 20-30 anni” (Hanna et al., 2018).

Tutti e 36 i modelli climatici che simulavano il blocco sulla Groenlandia sono risultati errati. Nessuno dei modelli ha mostrato risultati corretti.

Le prestazioni con differenze abissali dei modelli rispetto alle osservazioni sono visibili negli ultimi 20-30 anni.

In tutti gli altri settori scientifici, un tasso di insuccesso del 100% in corso per decenni avrebbe provocato da tempo una rivalutazione dei parametri dei modelli. Apparentemente la scienza del clima si trova in un regno a sé stante.

Image Source: Hanna et al., 2018

Le nubi – una forzante che domina nell’Artico

Nel giro di poche ore, gli effetti della forzante radiativa delle nubi può variare di ± 40 W/m² nell’Artico. Di anno in anno, gli effetti radiativi delle nubi possono variare di 70 W/m² e gli effetti radiativi delle nubi complessivamente possono raggiungere i 360 W/m² (Ebell et al., 2020).

Al contrario, la variazione totale accumulata nell’impatto netto della forzante di CO2 è solo 1,82 W/m² dal 1750 (Feldman et al., 2015).

In poche parole, la forzante delle nubi domina radialmente nell’Artico. La CO2 viene definita al massimo come piccola forzante.

Image Source: Hanna et al., 2018

Le nuvole regolano il clima della Groenlandia … e i modelli non riescono a simularlo

Secondo un nuovo studio (Lenaerts et al., 2020), le nuvole “controllano il ciclo idrologico della Terra”, “regolano il clima della Terra” e guidano lo scioglimento dei ghiacci polari.

Inoltre, “il clima di fusione superficiale è fortemente dipendente dalla rappresentazione delle nubi e dai relativi flussi di radiazioni“.

Gli effetti dei modelli sulle nuvole della Groenlandia sono distorti – o errati – di 25-50 W/m².

Image Source: Lenaerts et al., 2020

Il declino della copertura nuvolosa dal 1994-2017 “domina” la tendenza al riscaldamento e allo scioglimento del ghiaccio

Un altro nuovo studio (Hahn et al., 2020) ha scoperto che la riduzione della copertura nuvolosa dal 1994-2017 ha portato a una maggiore radiazione delle onde corte (+7,3 W/m²) guidando il riscaldamento dagli anni ’90 a metà degli anni 2000.

Questa tendenza nel forzare le nuvole a onde corte è ciò che “domina” la fusione per la Groenlandia e dei ghiacci in generale.

La tendenza al riscaldamento della Groenlandia si è assottigliata in una pausa o in una leggera tendenza al raffreddamento dal ~ 2005.

Allo stesso modo, la tendenza allo scioglimento dei ghiacci ha registrato un picco nel 2012, ma è stata complessivamente piatta (o in calo) anche questa da circa il 2005.

Non vi è quindi alcuna chiara indicazione nella letteratura scientifica che i cambiamenti della concentrazione di CO2 nell’atmosfera possano persino competere a distanza con gli effetti radiativi delle nuvole come fattori trainanti delle tendenze climatiche sulla Groenlandia.

Image Source: Hahn et al., 2020

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità