image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 27 Dicembre 2021

La criosfera non riesce a cooperare con la narrativa del riscaldamento globale antropogenico secondo cui l’aumento delle emissioni di gas serra dovrebbe fondere catastroficamente il ghiaccio artico.

Gli scienziati (O’Regan et al., 2021) riferiscono che il ghiacciaio Ryder nel nord della Groenlandia è avanzato di 2.881 m dal 1948 al 2015 data la sua velocità di avanzamento di 43 m/anno -1. La sua moderna estensione di ghiaccio è di circa 50 km superiore a 6.300 anni fa.

Nelle vicinanze, il ghiacciaio Petermann, con una lingua di circa 60 km, non esisteva nemmeno durante il periodo caldo romano. Come mostra il grafico in basso a destra dell’immagine qui sotto, non c’era ghiaccio in questa regione per tutti tranne che per pochi secoli dell’Olocene prima di 2000 anni fa. La dimensione nel periodo della Piccola Era Glaciale del Petermann era simile alla sua condizione moderna.

Pubblicità
Fonte immagine: O’Regan et al., 2021

Un altro glaciologo (Winker, 2021) afferma che non ci sono “prove” che il Jostedalsbreen, un ghiacciaio della Norvegia meridionale, sia esistito anche durante le prime migliaia di anni dell’Olocene, o quando la CO2 si aggirava intorno a 260 ppm. Il ghiacciaio ha raggiunto la sua massima fase avanzata durante la Piccola Era Glaciale, che aveva concentrazioni di CO2 nell’intervallo da 275 a 280 ppm.

“Il ‘Massimo termico dell’Olocene’ o ‘Ipsitermico’ a Jostedalsbreen non fornisce alcuna prova di alcuna attività glaciale sostanziale e può essere caratterizzato come un periodo prolungato di quasi (forse anche completa) scomparsa del ghiacciaio… Al contrario, l’input glaciale più alto è datato a 600 e 200 cal. un BP che indica il massimo locale della “Piccola Era Glaciale”.

È interessante notare che, dopo aver perso rapidamente ghiaccio durante gli anni ’30 e ’40, il ghiacciaio si è stabilizzato. Dagli anni ’50 agli anni ’80, c’è stato un “leggero progresso generale” nell’estensione del ghiaccio. Ciò corrisponde a un modello di fusione simile al ghiacciaio Nigardsbreen.

Fonte immagine: Winker, 2021

Diversi mesi fa abbiamo evidenziato un altro nuovo studio che documenta un primo e medio olocene molto più caldo di oggi nella Groenlandia orientale. Le calotte glaciali erano “assenti” o molto meno estese di quanto non lo siano attualmente durante questo periodo.

Ciò che potrebbe sorprendere è che i resti di piante datate al carbonio sepolti sotto i ghiacciai in ritirata nella Groenlandia orientale affermano che queste località non erano ricoperte da ghiacciai da 400 a 500 anni fa, o durante il periodo freddo della Piccola Era Glaciale.

Fonte immagine:  Medford et al., 2021

Gli autori riconoscono anche che durante l’Olocene ci sono stati occasionalmente brevi “stadi freddi” quando l’estensione del ghiacciaio della Groenlandia è avanzata ai livelli odierni.

“… La calotta glaciale di Renland ha raggiunto brevemente [ed] estensioni durante le fasi fredde che potrebbero essere state simili a oggi.”

Naturalmente, questo afferma che anche le temperature e i volumi di ghiaccio moderni rientrano nell’intervallo di una “fase fredda”.

Quindi, ancora una volta, non ci sono prove a sostegno delle affermazioni allarmistiche secondo cui le moderne estensioni dei ghiacciai sono senza precedenti o addirittura insolite rispetto agli ultimi 10.000 anni, compresi gli ultimi secoli.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità