image_pdfimage_print

Di Paul Matthews – 5 Novembre 2019

Il rapporto IPCC AR5 includeva questo diagramma, che mostra come i modelli climatici hanno ampiamente esagerato il recente riscaldamento:

Se vuoi visionarlo lo puoi trovare nella figura 11.25, ripetuta anche nel riepilogo tecnico come nella figura TS-14. Il problema è anche discusso nel riquadro TS3:

Pubblicità

“Tuttavia, un’analisi dell’intera suite di simulazioni storiche CMIP5 (aumentata per il periodo 2006-2012 dalle simulazioni RCP4.5) rivela che 111 previsioni realizzate su 114 mostrano una tendenza GMST nel periodo 1998-2012 che è superiore all’intera tendenza di HadCRUT4 ensemble (Riquadro TS.3, Figura 1a; l’andamento medio dell’insieme CMIP5 è di 0,21 ° C per decennio). Questa differenza tra tendenze simulate e osservate potrebbe essere causata da una combinazione di (a) variabilità climatica interna, (b) RF mancante o errato e (c) errore di risposta del modello.”

Bene, ora esiste una nuova generazione di modelli climatici, immaginariamente conosciuta come CMIP6. Per una notevole coincidenza, sono appena apparsi due nuovi articoli, provenienti da team indipendenti, che danno risultati molto simili e pubblicati lo stesso giorno nello stesso diario. Uno è UKESM1: Description and evaluation of the UK Earth System Model, con un lungo elenco di autori, per lo più del Met Office, annunciato anche come “New flagship climate model” sul sito web del Met Office. L’altro è la Structure and Performance of GFDL’s CM4.0 Climate Model, di un team di GFDL e Princeton. Entrambi i documenti sono con libero accesso.

Ora potresti pensare che i nuovi modelli sono migliori di quelli precedenti. Questo è il modello matematico 101: se un modello non si adatta bene ai dati, si migliora il modello per adattarlo meglio. Ma tale logica elementare non si applica nel campo della scienza del clima.

La “caratteristica” principale (bug?) dei nuovi modelli è la loro elevata sensibilità climatica. Ricordiamo che l’IPCC afferma che la sensibilità all’equilibrio è compresa tra 1,5 e 4,5 ° C, un intervallo che non è cambiato da 30 anni. Il documento del Met Office presenta una cifra di 5,4 ° C e il gruppo GFDL parla di 5 ° C, quindi sono entrambi al di fuori della gamma dell’IPCC. Ovviamente, gli inutili idioti dei media lo stanno dicendo e stanno dicendo che la terra si sta scaldando più rapidamente di quanto si pensi, il che ovviamente non è nemmeno ciò che sostengono i giornali.

Dato che i modelli precedenti risultavano troppo caldi, come mostrato nel grafico dell’IPCC sopra, e quelli nuovi hanno una sensibilità molto più elevata, la domanda ovvia è: come fanno i nuovi modelli a riprodurre il 20 ° secolo? Bene, devi sfogliare il documento UKESM1 per trovare la risposta alla domanda, ma alla fine puoi arrivare a questa risposta nella figura 29, che mostra il nuovo modello rispetto a HadCRUT4 dal 1850 al periodo presente:

(La carta GFDL ha un grafico molto simile nella figura 12). Il modello mostra un riscaldamento recente che è di gran lunga maggiore delle osservazioni. Chiaramente il modello è troppo sensibile. Cosa dicono gli autori dell’articolo su questo aspetto? Che ci crediate o no, lo affermano, proprio nella parte superiore della carta nella sezione “punti chiave”:

*UKESM1 si comporta bene, avendo uno stato preindustriale stabile e mostrando un buon accordo con le osservazioni in un’ampia varietà di contesti.

Ripetono quindi questa falsità in astratto, rivendicando un buon accordo esattamente dove l’accordo è particolarmente negativo:

Nel complesso il modello funziona bene, con uno stato preindustriale stabile e un buon accordo con le osservazioni nell’ultimo periodo delle sue simulazioni storiche.

Per poi ripeterlo ancora una volta nel “riassunto del linguaggio semplice” di seguito. Presumibilmente questa menzogna è stata progettata per essere rigurgitata dai media ignari.

Anche lo scienziato climatico allarmista BDS-sufferer James Annan si fa beffe delle affermazioni del documento, suggerendo che dovrebbe dire che “UKESM1 fa un ottimo lavoro in qualsiasi cosa diversa dalla sua funzione primaria”.

Questi imbarazzanti del clima di Met Office sono davvero così auto-illusi da pensare che si mostri un buon accordo? Ancora una volta, Feynman merita le ultime parole:

Fonte: Climate Scepticism

Pubblicità