image_pdfimage_print

DI CHRIS MORRISON – 31 OTTOBRE 2022

Gli scienziati continuano ad affollarsi per firmare la Dichiarazione Mondiale sul Clima (WCD) che afferma che non esiste alcuna emergenza climatica. Oltre 200 persone hanno firmato la Dichiarazione Mondiale sul Clima nelle ultime settimane, tra cui 20 professori universitari. Un certo numero di professori e altri accademici che firmano la dichiarazione sono esperti in campi scientifici puri come la chimica e la fisica. Oltre 300 scienziati e professionisti hanno firmato il WCD dal 18 agosto, quando il Daily Sceptic ha evidenziato il progetto e l’interesse è salito alle stelle sui social media. I firmatari totali, guidati dal premio Nobel norvegese per la fisica Professor Ivar Giaever, sono ora oltre 1.400.

Non sarebbe esagerato notare che la recente pubblicità data al WCD ha seminato il terrore nei ranghi della comunità climatica consolidata e in gran parte pseudoscientifica, il cui treno di scienza “stabile” è alimentato da quantità quasi illimitate di denaro e fornisce la narrativa politica per l’agenda Net Zero di comando e controllo. Sono stati lanciati controlli dei fatti e attacchi personali sui social media, ma la portata dello scetticismo scientifico sta diventando sempre più difficile da negare. Quasi 300 professori da soli hanno firmato la dichiarazione.

Pubblicità

Il WCD afferma che la scienza del clima è degenerata in una discussione basata su credenze, non su una solida scienza autocritica. E continua: “Dovremmo liberarci dalla credenza ingenua nei modelli climatici immaturi. In futuro, la ricerca sul clima dovrà dare molta più enfasi alla scienza empirica”. Si dice che i modelli climatici abbiano molte carenze, “e non sono lontanamente plausibili come strumenti di politica globale”. Si dice che esagerano o “esplodono” l’effetto dei gas serra come l’anidride carbonica e “ignorano il fatto che arricchire l’atmosfera con CO2 è benefico”. Non ci sono prove statistiche che il riscaldamento globale stia intensificando i disastri naturali e non vi è alcuna emergenza climatica. Pertanto, osserva il WCD, non vi è motivo di panico e allarme.

Gli ultimi firmatari di queste dichiarazioni includono molti illustri scienziati e accademici:

  • Yonatan Dubi, professore di fisica teorica e chimica presso l’Università Ben-Gurion. Il recente lavoro del Professor Dubi include un articolo su “Photothermal non linearity plasmon-assisted photocatalysis”. È il co-fondatore dell’Israeli Forum for Rational Environmentalism.
  • A. E. (Ted) Dixon, professore Emerito, Dipartimento di Fisica e Astronomia presso l’Università di Waterloo in Ontario. La carriera di ricerca del Dr. Dixon si è concentrata sullo sviluppo e l’applicazione commerciale della tecnologia di scansione laser-imaging.
  • Eric Verrecchia, professore all’Università di Losanna, cattedra di biogeochimica presso l’Istituto di dinamica della superficie terrestre, noto per essere un esperto del ciclo del carbonio terrestre delle zone tropicali e temperate.
  • Majed Chergui, professore Emerito di chimica e fisica, è un’autorità pionieristica pluripremiata sull’uso e l’applicazione della spettroscopia a raggi X ultraveloce. Ha fatto parte di numerosi comitati svizzeri e internazionali ed è il caporedattore fondatore di Structural Dynamics, pubblicato dall’American Institute of Physics.
  • Jozinus Ploeg è il vicepresidente in pensione di ingegneria e tecnologia presso il Consiglio Nazionale delle ricerche in Canada. Si dice che il suo campo di competenza sia il trasferimento di energia dall’atmosfera alla superficie dell’oceano e la meccanica delle onde.
  • Alain Preat, PhD geologia, professore Emerito all’Università di Bruxelles.
  • Paul Goddard, professore in pensione di radiologia presso l’Università dell’Inghilterra occidentale.
  • Olav Martin Kvalheim, professore Emerito, chimica, Università di Bergen.
  • Jan de Jager, professore Emerito di geologia, Università di Amsterdam.
  • Gleb Evgenev, professore di ambiente, Università tecnica statale di Mosca.
  • Duncan Veasey, uno psichiatra canadese con un particolare interesse per l’isteria di massa, l’autoritarismo e la conformità sociale.
  • Anthony Janio, ex leader conservatore britannico nel Consiglio di Brighton e Hove. Ora indipendente. Dottorato di Ricerca in Fisica.

Come ho notato prima, i critici della lista sottolineano la mancanza di ciò che chiamano “scienziati del clima”. Questo termine è un’invenzione abbastanza recente. La comprensione delle complessità del clima e dell’atmosfera richiede il contributo di molte discipline scientifiche e osservative individuali. Tutte queste discipline sono rappresentate nell’elenco WCD.

Avendo dichiarato la scienza attuale “stabilita”, la maggior parte del lavoro che viaggia sotto il termine scienza del clima si occupa in realtà di impatti putativi e osservazioni geografiche. La maggior parte delle conclusioni e delle previsioni sono prodotte da modelli che tentano l’impossibile nel tentativo di prevedere le complessità dell’atmosfera non lineare. Poche, se non nessuna, previsione si sono mai dimostrate corrette, in particolare sulla temperatura. La maggior parte delle narrazioni catastrofiche rimangono frutto di immaginazioni iperattive. C’è una tendenza per coloro che sono coinvolti in tale lavoro a definirsi “scienziati del clima”, suggerendo un sacerdozio chiuso che squalifica tutti i non credenti. L’ultimo problema è il tentativo di “attribuire” singoli eventi meteorologici negativi ai cambiamenti climatici a lungo termine.

In vista della COP27, questa immaginazione iperattiva è stata in pieno flusso. Il Guardian ci informa che il mondo è vicino al collasso climatico “irreversibile”. Uno dei “principali scienziati del clima” del mondo ci dice che il clima ha raggiunto un “momento davvero cupo”. L’azione collettiva è necessaria per evitare “punti critici” e, inutile dirlo, il tempo sta per scadere “molto, molto velocemente”.

Roba di routine, ovviamente, in vista di una COP, e questa volta è fornita dal Professor Johan Rockstrom, professore di Scienze del Sistema Terra e direttore dell’attivista verde Potsdam Institute for Climate Impact Research. Ha affermato che il collasso della calotta glaciale della Groenlandia potrebbe aver già superato un cosiddetto punto critico, anche se recenti notizie da quella zona suggeriscono che la calotta glaciale potrebbe essere aumentata di dimensioni negli ultimi tempi. Anche sulla base di modelli annuali pessimistici fino all’agosto 2022, la fusione dei 2,85 quadrilioni di tonnellate potrebbe richiedere circa 100.000 anni per essere completato.

La prima educazione del Professor Rockstrom è stata fornita da due college agricoli. Il suo dottorato di ricerca presso l’Università di Stoccolma era su “Ecologia dei sistemi e gestione delle risorse naturali”. Tutta roba buona, ma è un po’ una richiesta di prendere la sua parola, e quelle di migliaia di altri attivisti climatici, che il clima sta cambiando a causa di complesse interazioni scientifiche. Alcuni potrebbero pensare che tali interazioni siano comprese in modo più dettagliato da specialisti di scienze pure come chimici e fisici.

Chris Morrison è l’Environment Editor del Daily Sceptic

Pubblicità