image_pdfimage_print

Il NOAA dichiara: “tra gli otto Februarys più caldi mai registrati”

Di Tony Heller – 19 Marzo 2019

La NOAA afferma che il mese passato è stato “tra gli otto Februarys più caldi mai registrati” in gran parte della Terra.

Secondo l’analisi regionale dell’NCEI, il Sud America, l’Europa e l’Oceania hanno avuto una temperatura di febbraio che si è classificata tra gli otto Februarys più caldi mai registrati.

Non esiste una parola come “Februarys” – il plurale per febbraio è
Februaries. Ma oltre al fatto che sono analfabeti, stanno mentendo. Questa è la mappa che usano per giustificare le loro affermazioni:

Pubblicità

Sembra che il mondo stia bruciando, con solo alcune aree leggermente fresche. C’è un sigillo ufficiale del governo su questo, quindi deve essere preciso, giusto?

La mappa sotto mostra come la NOAA ha effettivamente registrato le temperature superficiali nel mese di febbraio.

201902.gif (1052×743)

La mappa non assomiglia a quella che la NOAA presenta al pubblico. Per numero di pixel, il 51% della superficie è di colore grigio “dati mancanti“, il 16% è al di sotto della temperatura normale e il 33% è al di sopra del normale. L’animazione qui sotto mostra come hanno creato uno degli otto “Februarys” più caldi del Sud America, semplicemente creando dati, incluso il calore dei record in Brasile in luoghi senza dati effettivi di misurazione.

Si noti anche come hanno smorzato il freddo in Asia e in alcune zone dell’Australia facendole addirittura sparire.

E in gran parte hanno fatto sparire il freddo quasi record in gran parte del Nord America.

Montana e Dakota erano 20 gradi sotto la norma, come del resto gran parte del Canada. Ecco come le descrive il Washington Post:

Le escursioni termiche di febbraio sono risultate normali. Diverse località climatiche principali sono risultate in media dai 27 ai 28 gradi sotto la media, 48 le temperature più estreme nelle minime per un mese intero dal gennaio 1969.

Montana just endured one of the nation’s most exceptional cold spells on record – The Washington Post

46 below zero in Elk Park, Montana, could be new statewide record for March | Local | mtstandard.com

Le temperature negli Stati Uniti nel mese di febbraio sono state ben al di sotto del normale di circa 10 gradi in più rispetto al febbraio 1954.

I dati degli Stati Uniti sono estremamente importanti, perché NOAA ha in realtà pochi dati storici al di fuori degli Stati Uniti, dell’Europa occidentale e parti dell’Australia.

ftp://ftp.ncdc.noaa.gov/pub/data/ghcn/daily/figures/station-counts-1891-1920-temp.png

NOAA ha anche affermato di non avere quasi nessun dato di febbraio per la Groenlandia, dove le temperature sono state estremamente fredde negli ultimi mesi.

summit:status:weather

I dati di terra della NOAA sono falsi e una riscrittura orwelliana del freddo record sono stati modificati. Ma anche i dati sulle temperature dell’oceano sono persino falsi.

la temperatura superficiale globale oceanica era di 0,70 ° C (1,26 ° F) sopra la media e il secondo febbraio più caldo da quando i record globali sono iniziati nel 1880

Sostengono di avere documenti sulla temperatura oceanica risalenti al 1880 – che è palesemente falso. Prima di circa 15 anni fa, nessuno aveva mai preteso di avere dati sull’oceano globale pre-1950. E come ha detto Phil Jones al CRU, molti dei dati che stanno usando sono “inventati”.

Per gran parte del SH tra 40 e 60S le temperature medie sono per lo più omogeneizzate in quanto vi sono pochissimi dati delle navi.

di2.nu/foia/foia2011/mail/2729.txt

Le temperature superficiali del mare sono ben al di sotto della norma in gran parte dell’emisfero meridionale.

anomnight.3.18.2019.gif (1174×640)

L’animazione sotto lampeggia tra la mappa di partenza della temperatura NOAA e la mappa del percentile della temperatura. Puoi vedere come scompaiono le zone di colore blu e il rosa diventa rosso.

Il prossimo passo del processo è la generazione di propaganda come questa:

NOAA finds two-month stretch from January through February was FOURTH warmest in 140 years | Daily Mail Online

L’estensione del ghiaccio marino artico è molto vicina al margine medio del 1981-2010. Il ghiaccio non mente, ma lo fanno gli scienziati del clima.

Index of /DATASETS/NOAA/G02135/north/daily/images/2019/03_Mar/

La mappa rovente della NOAA non ha basi scientifiche, che è una pratica standard per gli allarmisti del clima con un’agenda da tenere piena.

Fonte: Real Climate Science

Pubblicità