26 gennaio 2018 - 14:00 pm Pubblicato da

di David Wojick, Ph.D – 02.01.2018

Fa molto freddo qui negli Stati Uniti orientali e il presidente sta scherzando sulla mancanza di riscaldamento globale. Di gran lunga più interessante è il fatto che non sembra esserci stato alcun riscaldamento indotto da CO2 negli ultimi 40 anni, che è il periodo massimo nelle misurazioni satellitari.

Che questo fatto incredibilmente sia passato inosservato è dovuto principalmente alla fissazione della comunità scientifica sul riscaldamento mostrato dai modelli statistici della temperatura in superficie. Ma come spiegato qui, questi complessi modelli di computer sono completamente inaffidabili come già più volte dimostrato.

Inoltre, le misurazioni satellitari mostrano un certo riscaldamento globale, che le persone hanno erroneamente ipotizzato in qualche modo di supportare l’ipotesi del riscaldamento indotto dalla CO2 antropica.

Un attento controllo mostra che questa ipotesi è falsa. In effetti, non vi sono prove di riscaldamento data dalla CO2 nell’intera registrazione satellitare.

Per rendercene conto dobbiamo guardare in dettaglio ai record satellitari. Per capire questo, tieni presente che la scienza riguarda esclusivamente i dettagli specifici di un’osservazione. Questi dettagli possono rovesciare grandi teorie ampiamente accettate.

Ad esempio, il risultato negativo dell’esperimento di Michelson-Morley ha portato alla teoria rivoluzionaria della relatività speciale. Quando si parla di riscaldamento globale, le misurazioni satellitari da 40 anni forniscono un forte risultato negativo per l’ipotesi di riscaldamento dato dalla CO2. Il riscaldamento da CO2 non esiste.

Per renderci conto di questo risultato negativo, dobbiamo guardare da vicino questo grafico.

Il grafico fornisce le letture mensili quasi globali della temperatura dell’atmosfera inferiore. I satelliti non coprono l’intero globo, solo la maggior parte di esso. C’è anche una linea rossa che mostra una temperatura mediata di 13 mesi.

Notate come sulla scala verticale le temperature sono indicate come quelle che vengono chiamate anomalie, non come temperature effettive. Un’anomalia è la differenza in gradi Celsius tra la temperatura effettiva e la temperatura media scelta arbitrariamente. Quella temperatura media definisce la linea zero nel grafico. Perché è adottato questo sistema non è importante per la nostra discussione.

Per iniziare, guardiamo il periodo dall’inizio al 1997. La linea rossa mostra che questo è quello che viene chiamato un oscillatore aperiodico. È un oscillatore perché va costantemente su e giù, su e giù, ecc. È aperiodico, al contrario di periodico, perché gli alti e bassi sono alquanto irregolari.

Dovrebbe essere chiaro, controllando, che c’è ben poco riscaldamento generale durante tutto il periodo. Cioè, la linea rossa oscilla intorno alla linea di -0.1 gradi.

Quando hai un oscillatore aperiodico con queste poche oscillazioni, non ha senso cercare di essere estremamente preciso, perché la prossima oscillazione potrebbe cambiare un po’ le cose. In particolare, bisogna essere molto attenti nel fare analisi di tendenza lineari, perché il risultato sarà molto sensibile a dove si avvia e si arresta la tendenza.

Quindi diciamo che non c’è alcun o comunque poco riscaldamento durante tutto questo periodo. All’epoca era ben noto ed era un tema importante nel dibattito sui cambiamenti climatici.

Poi arriva quello che viene spesso chiamato il gigante El Nino, anche se in realtà è un gigantesco ciclo di El Nino-La Nina in circolazione oceanica. Prima le temperature salgono, poi scendono, prima di stabilizzarsi in un oscillatore aperiodico naturale.

Il ciclo di El Nino-La Nina strong inizia a metà del 1997, interrompendo un’oscillazione aperiodica in movimento verso il basso. Finisce nel 2001, seguito da una nuova oscillazione aperiodica. Tuttavia, questa oscillazione è più calda, centrata all’incirca sulla linea +0.15. La nuova oscillazione continua fino a quando arriva un’altra grande oscillazione El Nino-La Nina, intorno al 2015. Ciò che questo ultimo ciclo El Nino farà resta da vedere.

Quindi il grafico sembra avere fondamentalmente quattro periodi distinti. Prima il periodo di riscaldamento dal 1979 fino al 1997. Secondo il ciclo strong El Nino-La Nina dal 1997 al 2001. Terzo, il più caldo periodo di riscaldamento dal 2001 al 2015. Quarto il nuovo ciclo di El Nino-La Nina ancora in corso.

Sì, abbiamo avuto un po’ di riscaldamento, ma sembra essere quasi completamente coincidente con il ciclo di El Nino-La Nina. La spiegazione più semplice è che il secondo periodo aperiodico piatto è più caldo del primo a causa dell’effetto El Nino. Forse è stato iniettato del calore nell’atmosfera che è rimasta, aumentando così la linea di base per il prossimo oscillatore aperiodico.

Ma in nessun caso ci sono prove di riscaldamento indotto dalla CO2, né di alcun riscaldamento causato dall’uomo per quella materia. Queste cause produrrebbero un riscaldamento relativamente costante nel tempo, non il singolo riscaldamento episodico che vediamo chiaramente qui. In particolare, per quanto ne so non c’è modo noto che il graduale aumento della CO2 potrebbe aver causato questo ciclo strong di El Nino-La Nina.

Quindi il piccolo riscaldamento che c’è stato negli ultimi 40 anni sembra essere più o meno del tutto naturale. In qualsiasi scienza normale questo risultato sarebbe sufficiente per invalidare l’ipotesi che l’aumento della concentrazione di CO2 sta causando il riscaldamento globale.

Circa l’autore: David Wojick, Ph.D.

David Wojick è un giornalista e analista politico.  Ha conseguito un dottorato in epistemologia, specializzandosi nel campo della logica matematica e dell’analisi concettuale.

Fonte: CFACT

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(14 voti, media: 4,71 su 5)
Loading...