30 maggio 2018 - 19:05 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 30 maggio 2018

Questi sono tempi difficili per i cacciatori di catastrofismo climatico negli Stati Uniti, che amano usare ogni evento meteorologico estremo come un segno inviato da Dio. Il clima sta andando all’inferno con il cestino in mano.

Tornado AWOL, i modelli si contraddicono

Ma anche gli eventi meteorologici estremi non stanno collaborando con le previsioni e con i modelli climatici. Per esempio, ieri l’esperto meteorologo Joe Bastardi di Weatherbell ha notato che l’attività dei tornado negli Stati Uniti è vicino, fino a questo momento, al minimo storico del 2018.


L’attività dei tornado statunitensi del 2018 è “ben al di sotto del normale” e “vicino al minimo storico”. Grafico: NWS.

E nonostante le affermazioni di alcune agenzie allarmistiche statunitensi che hanno registrato anno dopo anno temperature globali record, l’attività dei tornado negli ultimi decenni è stata di fatto in calo, e quindi si trova in netto contrasto con l’isteria allarmistica dei media e dell’isteria climatica sempre più frequente ed estrema.


Fonte: www.ncdc.noaa.gov/climate-information/extreme-events/us-tornado-climatology/trends

La stagione degli uragani del 2018 sembra smorzata

Inoltre un certo numero di meteorologi stanno anche suggerendo che la stagione degli uragani del 2018 potrebbe essere più debole del normale, a causa delle insolite e fresche temperature superficiali tropicali dell’Atlantico, specialmente al largo della costa occidentale dell’Africa, dove vengono generati molti uragani.

Ad esempio su Twitter Levi Cowan di Tropical Tidbits ha recentemente commentato come l’anomalia della temperatura superficiale del mare al largo delle coste dell’Africa occidentale risultino “brutalmente” fredde.

Le temperature superficiali tropicali del mare Atlantico (SST) sono estremamente basse al largo delle coste dell’Africa, che possono
di fatto smorzare la formazione degli uragani. Fonte: Tropical Tidbits.

Joe Bastardi ha anche osservato nel suo più recente riassunto del sabato come il modello attuale abbia previsto una stagione sotto tono come negli anni ’70, ’80 e ’90, e aggiunge che “la maggior parte di quelle stagioni non sono state grandi stagioni per gli uragani”.

Quando la Madden-Julian-Oscillation entra nella fase 5 e 6 in giugno con temperature fredde della superficie del mare al largo dell’Africa occidentale, è indicativo di una minore energia del ciclone di accumulo di energia (ACE) per la prossima stagione, suggerisce Bastardi.

Attualmente Bastardi ha la sua proiezione ACE dal 65 all’85% del normale. Il veterano meteorologo avverte, tuttavia, di uno sviluppo “in-close”, in cui le tempeste possono formarsi non lontano dalla costa degli Stati Uniti. In effetti sarà interessante vedere come
l’imminente stagione degli uragani esploderà rispetto allo scorso anno, quando le condizioni nell’Atlantico erano piuttosto diverse.

Artico “spirale di morte” in agonia

E ci sono altre cattive notizie per i cacciatori di catastrofismo climatico – nel loro amato Artico.

La blogger scettica del clima giapponese Kirye (foto sotto) su Twitter ha recentemente twittato che il volume di ghiaccio marino
dell’Artico in tarda primavera è al 2° livello più alto in 11 anni!

Poiché l’Artico ha visto temperature superficiali molto calde durante lo scorso inverno, l’attuale volume elevato di ghiaccio marino ci dice che c’è molto più dietro al ghiaccio rispetto alle temperature superficiali. Questo è qualcosa che abbiamo cercato di far capire agli allarmisti per anni.

La Groenlandia aggiunge 600 miliardi di tonnellate di ghiaccio nuovo

Inoltre, la Groenlandia ha aggiunto 600 miliardi di tonnellate di ghiaccio nuovo, mostra Kirye.

Quindi, per riassumere, al momento gli allarmisti climatici dovranno accontentarsi di aneddoti insignificanti per mantenere vivo il loro allarmismo e la ciarlataneria.

Fonte: No Tricks Zone

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(20 voti, media: 4,95 su 5)
Loading...