image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 29 Agosto 2019

La NASA ha ammesso che i modelli climatici mancano della precisione richiesta per fare proiezioni climatiche a causa dell’incapacità di modellare accuratamente le nuvole.

Le nuvole hanno la capacità di influenzare drammaticamente i cambiamenti climatici sia nell’onda lunga radiativa (“effetto serra”) che nell’onda corta.

Dominante della copertura nuvolosa nelle radiazioni ad onde lunghe

Pubblicità

Nell’onda lunga, le nuvole sminuiscono completamente l’influenza del clima a causa della CO2. Secondo Wong and Minnett (2018):

• Il segnale nell’onda lunga in entrata è di 200 W/m² per le nuvole nel corso delle ore. Il segnale ammonta a 3,7 W/m² per la CO2 raddoppiata (560 ppm) dopo centinaia di anni.

• Sulla superficie dell’oceano, le nuvole generano un segnale radiativo 8 volte maggiore della CO2 triplicata (1120 ppm).

• La radiazione superficiale assorbita per le nuvole è ~ 9 W/m². È solo 0,5 W/m² per la CO2 triplicata (1120 ppm).

• La CO2 può avere effetti solo sui primi 0,01 mm dell’oceano. La forzante a onde lunghe delle nuvole penetra 9 volte più in profondità, circa 0,09 mm.

Fonte immagine: Wong and Minnett, 2018

Dominante della copertura nuvolosa nelle radiazioni ad onde corte

Nella sua capacità di albedo ad onde corte, la copertura nuvolosa modula la quantità di radiazione solare che riscalda l’oceano. I cambiamenti nel bilancio delle radiazioni terrestri “sono causati da cambiamenti nella nuvolosità media tropicale” (Wielicki et al., 2002).

Quando la copertura nuvolosa aumenta, meno radiazioni ad onde corte raggiungono la superficie, portando al raffreddamento. Quando la copertura nuvolosa diminuisce – come è avvenuto dagli anni ’80 – viene assorbita più radiazione solare.

La diminuzione della copertura nuvolosa negli ultimi decenni può quindi spiegare il riscaldamento del 1979-2017 (Herman et al., 2013Poprovsky, 2019Loeb et al., 2018).

Fonte immagine: Herman et al., 2013

Fonte immagine: Poprovsky, 2019

Fonte immagine: Loeb et al., 2018

IPCC e NASA riconoscono che non possiamo modellare le nuvole con la precisione necessaria

L’IPCC ha ammesso che esiste una grande “incertezza continua” nel segno e nella grandezza dell’influenza della nuvola. La maggior parte dei modelli indica un feedback positivo (più riscaldamento), ma questo “non è ben compreso” e gli scienziati dell’IPCC “non sono sicuri che sia realistico”.

Fonte immagine: IPCC (2013)

La NASA è stata ancora più sincera sulle enormi incertezze associate alla climatologia delle nuvole.

Alcune nuvole “raffreddano più di quanto riscaldano” e altre nuvole “riscaldano più di quanto raffreddino”.

In alcuni modelli “le nuvole diminuiscono l’effetto serra netto, mentre in altri lo intensificano”.

Poiché le incertezze sono così pervasive, la NASA conclude che “i modelli di oggi devono essere migliorati con una precisione di circa cento volte” se vogliamo fare proiezioni climatiche credibili.

Fonte immagine: NASA

Le incertezze negli effetti della forzante delle nuvole sono di 20-40 volte più grandi del previsto riscaldamento dei gas serra per il prossimo secolo

A causa delle enormi incertezze associate ai cambiamenti della copertura nuvolosa, gli scenari di emissioni di CO2 dell’IPCC utilizzati per calcolare il riscaldamento sono ridotti al regno di una presunzione quasi priva di prove.

Utilizzando gli scenari di emissione dell’IPCC, ad esempio, il riscaldamento indotto dai gas serra previsto nel 2100 è di 3,7 ° C. A causa di errori di forzanti delle nuvole, l’incertezza in questa proiezione è di ± 130 ° C!

Quando si lasciano accumulare incertezze sia delle nuvole che della forzante, dopo 5 anni lo scenario A2 [indotto dai gas serra] include una Terra più calda di 0,34 ° C ma un’incertezza di ± 8,8 ° C. A 10 anni questo diventa 0,44 ± 15 ° C e 0,6 ± 27,7 ° C in 20 anni. Entro il 2100, la proiezione è di 3,7 ± 130 ° C.

Fonte immagine: Frank, 2008

A meno che non possiamo rendere preciso il modello delle nuvole, non possiamo modellare il clima con precisione.

A causa dell’influenza dominante della copertura nuvolosa nel facilitare i cambiamenti climatici, è necessario e fondamentale migliorare drasticamente la nostra insufficiente capacità di modellare le nuvole.

La scienza del clima dovrebbe rispondere alla sfida piuttosto che continuare a sorvolare o addirittura respingere il profondo problema della modellizzazione delle nuvole che mina le proiezioni climatiche.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità