image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 10 Novembre 2020

Nonostante decenni di profezie di sventura, la calotta glaciale della Groenlandia sta attualmente GUADAGNANDO quantità record di “massa”, e lo fa dal 2016.

Utilizzando l’output giornaliero di un modello di previsione meteorologica combinato con un modello che calcola lo scioglimento della neve e del ghiaccio, il DMI calcola il “budget di massa superficiale” (SMB) della calotta glaciale. Questo budget tiene conto dell’equilibrio tra la neve aggiunta alla calotta glaciale, lo scioglimento della neve e il ghiaccio del ghiacciaio che scivola in oceano nel corso di un anno (dal 1 settembre al 31 agosto).

Pubblicità

La calotta glaciale perde anche ghiaccio per la rottura, o “distacco”, di iceberg dal suo bordo, ma questo non è incluso in questo tipo di bilancio. Gli eventi di distacco di solito si verificano quando una calotta di ghiaccio si espande, e non quando si ritira. Inoltre, gli iceberg che si staccano da un ghiacciaio non sono necessariamente “persi” nell’oceano, possono continuare a esistere come un’estensione dell’isola della lastra – che serve come ad esempio l’iceberg A68 dell’Antartide che è attualmente su un “percorso di collisione con la Georgia”.

Sulla scia dei notevoli guadagni delle PMI negli ultimi anni, la calotta glaciale della Groenlandia sembra destinata a continuare questa tendenza nel 2020-21. La crescita mostruosa di ieri nella parte meridionale dell’isola (mostrata sotto come linea blu) non ha precedenti per novembre, o quasi senza precedenti, poiché il picco record di ieri è rivaleggiato con quello dell’anno scorso, avvenuto pochi giorni dopo, a metà novembre 2019 (mostrato sotto come linea grigia).

Guadagni SMB (Gt / giorno) Groenlandia [polarportal.dk].


Il 9 novembre 2020, l’isola più grande del mondo ha aggiunto 10 miliardi di tonnellate davvero sbalorditive alla sua calotta glaciale (o 10 gigatonnellate). Per metterlo in prospettiva, 10 miliardi di tonnellate corrispondono a 10 chilometri cubi (km3) di acqua – 10 km3 è un cubo con lati che misurano 10 km di lunghezza.

Secondo gli allarmisti climatici, questo tipo di crescita semplicemente non dovrebbe avvenire in un mondo in via di riscaldamento. Anche se, a dire il vero, potrebbe anche non succedere: fatti come questo non ricevono mai l’attenzione dei media mainstream, il che significa che gli allarmisti non sono MAI al corrente del quadro completo e non allarmante.

Contrariamente alla miriade di profezie sullo scioglimento dei MSM, le condizioni hanno portato l’SMB di quest’anno comodamente al di sopra della media 1981-2010 (vedi grafico in basso).

Bilancio della massa superficiale giornaliero (grafico superiore) e cumulativo (inferiore) della calotta glaciale della Groenlandia, rispettivamente in miliardi di tonnellate al giorno e in miliardi di tonnellate. Le linee blu mostrano l’anno 2020-21 SMB. Le linee grigie mostrano la media 1981-2010 e la linea rossa nel grafico inferiore mostra l’anno record SMB del 2011-12 [DMI Polar Portal].


I guadagni si aggiungono alla crescita impressionante registrata dal 2016:

2016-17

Per l’ anno PMI 2016-17, la calotta glaciale della Groenlandia ha guadagnato 544 miliardi di tonnellate di ghiaccio (rispetto alla media 1981-2010 di 368 miliardi di tonnellate). La stagione è stata la quinta più alta nei libri risalenti al 1981 (con il massimo dei 619 miliardi di tonnellate guadagnate nel 1995-96: minimo solare del ciclo 22). Anche tenendo conto del distacco, l’anno si è concluso con un Total Mass Budget (TMB) positivo.

2017-18

Per il 2017-18, il DMI ha calcolato una SMB totale di 517 miliardi di tonnellate, che è quasi 150 miliardi di tonnellate al di sopra della media 1981-2010, classificandosi appena dietro la stagione 2016-17 come sesta più alta mai registrata (al contrario, la SMB più bassa nel record era il 2011-2012 con appena 38 miliardi di tonnellate).

2018-19

DMI stima che la superficie della calotta glaciale abbia guadagnato 169 miliardi di tonnellate durante il 2018-19. Questo totale è certamente nella fascia bassa, ma ancora all’interno della media 1981-2010 e comodamente al di sopra dei 38 miliardi di tonnellate del 2011-12.

2019-20

L’anno PMI 2019-20 (che si è concluso il 31 agosto 2020) ha invertito i guadagni relativamente bassi del 2018-19. Un totale di 349 miliardi di tonnellate è stato aggiunto alla calotta glaciale, livelli prossimi alla media 1981-2010 di 368 miliardi di tonnellate. Il DMI ha descritto l’anno come “normale” e i guadagni sembrano aver rimesso le cose in linea con il trend di crescita post 2012.

2020-21

Mancano appena dieci settimane alla stagione 2020-21 ma, come accennato in precedenza, i guadagni delle PMI sono iniziati in modo record. Guardando avanti al 31 agosto 2021 – e quindi alla fine della stagione – i guadagni di 500 miliardi di tonnellate, come è avvenuto nel 2016-17 e nel 2017-18, sono una possibilità reale.

Hai sentito prima qui.

Vale anche la pena notare che il periodo 2003-2011 ha visto perdite di calotta glaciale con una media di 234 miliardi di tonnellate all’anno in Groenlandia. Da allora, però, la marea ha iniziato a cambiare, la tendenza sta cambiando, il  clima è ciclico, dopotutto, mai lineare.

Ulteriore supporto a questa posizione è il grafico “Runoff” di Watson River (mostrato sotto). L’acqua di fusione da circa 12.000 km 2 della calotta glaciale defluisce nel fiume Watson, rendendolo un buon barometro per la “salute” del ghiacciaio.

Dal 2006, l’acqua che scorre attraverso il Watson è stata misurata ogni ora. Nella figura seguente, lo scarico orario viene convertito in scarico annuale. I punti blu mostrano la quantità di acqua in km 3 e le linee nere indicano l’incertezza delle misurazioni.

Come è chiaramente visibile, il deflusso (o “scarico”) dalla calotta glaciale è diminuito dal 2010 circa.

Il fiume Watson scorre dalla calotta glaciale della Groenlandia, oltre Kangerlussuaq (ex Søndre Strømfjord) e nel mare [DMI].

TEMPI FREDDI stanno per tornare, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nuclearizzano le nuvole e un flusso di corrente a getto più meridionale.

Sia la NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, la NOAA afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare “in piena regola” dalla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti minimi solari a periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi studi scientifici che affermano l’immenso impatto che il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Preparati di conseguenza : impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: Electroverse

Pubblicità