image_pdfimage_print

Di Giovanni Tessicini – 22 Dicembre 2019

Minimo di Maunder tra passato e futuro? Puntata precedente 7a parte

Ormai tra gli astrofisici c’è accordo generale sul fatto che stiamo per entrare in un grande minimo solare. 

Pubblicità

Nessuno per adesso è in grado di prevederne le proporzioni con precisione, ma dal 2020 con tutta probabilità inizieremo a vedere gli effetti globali sul meteo e sul clima di quello che potrebbe essere il più profondo minimo solare degli ultimi secoli.

Infatti alcuni anni fa si prevedeva un minimo che potrebbe assomigliare al Dalton, cioè quel minimo non troppo profondo che si verificò dal 1790 al 1830 d.C. circa.

Ma più recentemente si sta facendo strada l’ipotesi che l’incombente Minimo di Eddy potrebbe essere in realtà molto più simile a un Maunder (1645-1715 d.C. circa), il più profondo tra tutti i minimi solari che si sono susseguiti nella PEG (Piccola Era Glaciale, 1350-1850 d.C. circa), o addirittura a un Omerico (800-600 a.C. circa), il minimo più profondo e lungo di cui si abbia traccia.

Quindi a questo punto, come facciamo a sapere quali condizioni meteo possiamo aspettarci nei prossimi anni?

La risposta è semplice: guardando indietro ai resoconti storici dell’epoca corrispondente a questi minimi solari. Infatti la storia si ripete, pertanto ciò che è successo in passato ci dovrebbe servire da insegnamento per prevedere cosa potrebbe avvenire in futuro.

E visto che del lontano Minimo Omerico conosciamo assai poco, prenderemo in esame il più recente Minimo di Maunder.

Quindi ogni domenica e fino alla sua conclusione, andremo a pubblicare in ordine cronologico, anno per anno, alcuni resoconti storici del Minimo di Maunder, con testimonianze e cronache dell’epoca.


 

Inverno 1657/1658 d.C.

Il re Carlo X Gustavo di Svezia era in guerra con la Danimarca. Un’intensa ondata di freddo calò sulla Piccola Cintura a metà dicembre 1657 e sembrò che il Mar Baltico potesse congelarsi. Carlo X trasferì il suo esercito dalla Polonia e si avvicinò a Copenaghen da sud. Arrivò ad Haderslev nello Jutland meridionale il 28 gennaio 1858. Il freddo nella notte del 29 gennaio fu molto intenso. Il mattino seguente, impartì gli ordini e il suo esercito attraversò la Piccola Cintura ghiacciata a piedi e invase e conquistò l’isola di Funen. Quindi viaggiò sulla Grande Cintura ghiacciata e saltò attraverso le isole di Langeland, Lolland, Falster, e infine il suo esercito raggiunse la Zelanda l’11 febbraio. (La Piccola Cintura è lo stretto tra l’isola danese di Funen e la penisola dello Jutland. La Grande Cintura è lo stretto tra le principali isole danesi della Zelanda e Funen.)

Nel 1658, Carlo X, re di Svezia, attraversò la Cintura con il suo esercito, artiglieria, cannoni, carri, ecc.

Nel 1658, le baie e le insenature del Nord Europa si congelarono all’inizio di dicembre.

Durante l’inverno del 1657-58 in Francia, si verificò un gelo ininterrotto dal 24 dicembre 1657 all’8 gennaio 1658. Quindi il freddo si attenuò. Ma poi si scatenò un’ondata di freddo estremo e la Senna in Francia fu completamente chiusa alla navigazione a causa del ghiaccio. L’8 febbraio si è verificato un leggero disgelo, ma il gelo si è ripresentato ed è continuato dall’11 al 18 febbraio.

L’Europa ha vissuto un inverno freddo. C’era molta neve a Roma, in Italia, il 27 febbraio 1658.

Nel 1658, la Senna in Francia fu completamente congelata dai primi giorni del 21 gennaio. I fiumi d’Italia si sono congelati abbastanza in profondità da sopportare i carri più pesanti.

L’inverno del 1658 in Francia distrusse gli ulivi. L’inverno è stato accompagnato da forti nevicate. In Inghilterra, dal 1 dicembre al 10 marzo si è verificata una brina con un vento da nord fino a gennaio.
Durante l’inverno del 1658, faceva troppo freddo in Inghilterra e il prezzo del grano raddoppiò.

In Inghilterra, l’inverno era molto freddo. Dal 1 dicembre 1657 all’Equinozio (intorno al 20/21 marzo), la terra fu coperta di neve. C’erano venti del nord per tutto il tempo. È continuato fino al 1 giugno come un inverno.

L’inverno del 1657-58 fu molto severo in Europa.

In Italia, i fiumi erano congelati abbastanza in profondità da trasportare il carro più pesante. A Roma c’era un’enorme quantità di neve.

L’inverno a Parigi, in Francia: “faceva freddo, dal 24 dicembre 1657 al 20 gennaio 1658, ma il freddo a quel tempo non era molto acuto. Il 20 gennaio, tuttavia si alzò un violento vento del nord insolitamente acuto; pochissime persone potrebbero ricordare di aver visto un freddo così penetrante. Era tutto congelato. Questo intenso freddo è durato fino al 26 gennaio. Il 27 gennaio il tempo è diventato un po’ più mite e si sperava in un disgelo nell’aria. Ma il 28 gennaio, è riapparso un freddo molto profondo e penetrante fino all’8 febbraio. Il 9 e 10 febbraio, il ghiaccio e la neve caduti in abbondanza hanno iniziato a sciogliersi. Ma alle 2 del mattino di lunedì 11, il vento veniva di nuovo da nord e nord-est e congelava nuovamente le acque e il gelo era insolitamente grave. All’alba non si vedeva traccia del disgelo precedente. Questo grave raffreddamento è durato fino al 18 febbraio. Finalmente il 19 i venti cambiarono a nord-ovest, e poi i venti iniziarono a soffiare da ovest. La neve e il ghiaccio iniziarono di nuovo a scongelarsi e continuarono senza interruzioni. Il 22 il fiume cominciò a gonfiarsi. Il 27 e 28 il fiume Senna uscì dalle sue sponde e l’inondazione fu più grande di quanto chiunque potesse ricordare. Dalle 6 di sera del 27 febbraio a mezzogiorno del 28, l’acqua ha lavato le pareti della chiesa di St. Andre-des Arcs. Uno aveva bisogno di assi di legno per attraversare la strada. A mezzogiorno del 28, l’acqua cominciò a ritirarsi. A causa del freddo molte persone sono state uccise, altre hanno sofferto per la perdita di familiari. Durante la notte tra il 28 febbraio e l’1 marzo fu portata via gran parte del Marienbrücke (il ponte di Maria) dal fiume, e diverse persone furono uccise. Il giorno seguente, l’acqua portò via l’edificio sul lungomare insieme alle case sul lungomare.

In Francia, c’è stata un’alluvione causata dallo scioglimento di primavera. Il 1° marzo 1658, la Senna a Parigi, in Francia, sul ponte “Pont de la Tournelle” raggiunse un’altezza di 8,8 metri (28,9 piedi) sopra il segno zero (il marchio di bassa marea dell’anno 1719).”

 

1658 d.C.

Nel 1658, vi fu una pestilenza a Londra, in Inghilterra.
Tuttavia, il 22 agosto 1658 a Feversham, nel Kent, in Inghilterra, nel pomeriggio ci furono grandi inondazioni, il vento soffiava da sud e soffiava molto forte.

Il 3 settembre 1658, il giorno della morte di Cromwell, ci fu un uragano in tutta Europa, che causò danni considerevoli.

In Inghilterra, durante la primavera, il vento e il freddo del nord sono continuati in modo così rigoroso e lungo che gli agricoltori hanno perso la speranza che il loro grano fosse in crescita o in maturazione. Ma dal 1° agosto arrivò un calore eccessivo.

A Modena, nel nord Italia, c’era un eccessivo calore e siccità. Ad Abdera in Tracia, c’è stata un’estate eccessivamente calda. In Danimarca e Copenaghen vi furono siccità e calore eccessivo. (Abdera in Tracia era una città-stato sulla costa della Tracia, 17 chilometri a est-nord-est della foce del Nestos e quasi di fronte a Thasos. Il sito ora si trova nell’unità periferica Xanthi della moderna Grecia continentale.)

L’estate del 1658 in Inghilterra fu straordinariamente calda, specialmente verso la fine della stagione. A Digione, in Francia, la vendemmia è iniziata il 30 settembre.

Il 3 settembre 1658, una tempesta molto allarmante e distruttiva colpì l’Inghilterra in cui molte case furono abbattute e altre senza tetto. Chiese, campanili e interi boschi furono danneggiati. Tra le molte altre navi che furono perse con la maggior parte dei loro equipaggi, c’erano otto fregate e navi di linea, e morirono duemila tra ufficiali e marinai.

“Fu una notte terribile a Londra e gli abitanti non avevano mai visto niente di simile. Gli alberi furono strappati dalle loro radici nel parco, i camini abbattuti e le case rimasero senza tetto in città. Cromwell è morto quella notte. ”C’era un’altra grande tempesta immediatamente prima di questa, che ha colpito l’Europa.

Nel 1658, il prezzo del grano in Inghilterra era in media di 65 scellini al quarto di tonnellata.

Nel 1658, inondazioni colpirono molte regioni della Cina, tra cui:
– Durante il periodo tra il 3 aprile e il 1 maggio, le inondazioni hanno colpito Chekiang (ora provincia dello Zhejiang) sulla costa orientale della Cina a Taichow.
– Durante il periodo tra il 6 maggio e il 6 agosto, alluvioni hanno colpito la provincia di Chekiang a Chêêng; Kiangsi (ora provincia del Jiangxi) nel sud della Cina a Hsia-chiang; e Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Tzŭ-kuei, I-ch’ang, Sung-tzŭ, Ao-ch’êng, Huang-kang, Hanyang, An-lu, Kung-an, I-ch’êng , Tang-yang e Ching-mên. A I-ch’êng, i campi furono danneggiati dalle acque alluvionali. A Tang-yang, le mura della città, dighe, case e campi sono stati danneggiati dalle acque alluvionali e innumerevoli persone sono annegate. A Ching-mên, i raccolti e le case furono danneggiati.

– Nel periodo tra l’8 agosto e l’8 novembre, inondazioni hanno colpito Kiangsu (ora provincia del Jiangsu) sulla costa orientale della Cina a Soochow; Anhwei (ora provincia dell’Anhui) nella Cina orientale a Shu-ch’êng, Wu-ho, Shih-tai e Wu-yüan; e provincia di Hupeh a Ch’ien-chiang e Chung-hsiang. A Chung-hsiang, le dighe sono state danneggiate.

Nel 1658, nel periodo tra il 29 maggio e il 26 settembre, una grave siccità travolse Shantung (ora provincia dello Shandong) sulla costa orientale della Cina a Ch’ang-yüeh.

Durante l’inverno del 1658-1659 in Europa non vi furono né gelo né neve. Nel 1659 vi fu una grande grandinata nello Staffordshire, nelle Midlands occidentali dell’Inghilterra, che uccise diversi animali tra i quali pollame e lepri. I chicchi di grandine erano grandi come le uova di pollastre.

Fonte: Grand Solar Minimum

Pubblicità