image_pdfimage_print

Di Giovanni Tessicini – 29 Marzo 2020

Minimo di Maunder tra passato e futuro? Puntata precedente, 21a parte

Ormai tra gli astrofisici c’è accordo generale sul fatto che stiamo per entrare in un grande minimo solare. 

Pubblicità

Nessuno per adesso è in grado di prevederne le proporzioni con precisione, ma dal 2020 con tutta probabilità inizieremo a vedere gli effetti globali sul meteo e sul clima di quello che potrebbe essere il più profondo minimo solare degli ultimi secoli.

Infatti alcuni anni fa si prevedeva un minimo che potrebbe assomigliare al Dalton, cioè quel minimo non troppo profondo che si verificò dal 1790 al 1830 d.C. circa.

Ma più recentemente si sta facendo strada l’ipotesi che l’incombente Minimo di Eddy potrebbe essere in realtà molto più simile a un Maunder (1645-1715 d.C. circa), il più profondo tra tutti i minimi solari che si sono susseguiti nella PEG (Piccola Era Glaciale, 1350-1850 d.C. circa), o addirittura a un Omerico (800-600 a.C. circa), il minimo più profondo e lungo di cui si abbia traccia.

Quindi a questo punto, come facciamo a sapere quali condizioni meteo possiamo aspettarci nei prossimi anni?

La risposta è semplice: guardando indietro ai resoconti storici dell’epoca corrispondente a questi minimi solari. Infatti la storia si ripete, pertanto ciò che è successo in passato ci dovrebbe servire da insegnamento per prevedere cosa potrebbe avvenire in futuro.

E visto che del lontano Minimo Omerico conosciamo assai poco, prenderemo in esame il più recente Minimo di Maunder.

Quindi ogni domenica e fino alla sua conclusione, andremo a pubblicare in ordine cronologico, anno per anno, alcuni resoconti storici del Minimo di Maunder, con testimonianze e cronache dell’epoca.


 

1694 d.C.


In Italia nel 1694 fu un’estate calda e secca, durante la quale trascorsero cinque mesi senza una goccia di pioggia. Poi venne la pioggia nell’ottobre 1694 e il tempo non divenne di nuovo normale prima dell’aprile 1695.


Nel 1689, La Hire (Philippe de la Hire) in Francia iniziò a prendere osservazioni usando gli indicatori di precipitazione. La pioggia a Parigi nel 1694 fu di 12,5 pollici (318 millimetri). L’anno 1694 si classificò subito dopo il 1689 come l’anno più secco per trent’anni.


Il 20 giugno 1694 si verificò una grandinata a Lohja e Siuntio, in Finlandia (circa 60° 10′ N, 24° 10′ E). I vetri delle finestre erano in frantumi. A quei tempi il vetro della finestra era spesso, quindi le pietre di grandine non avrebbero potuto essere piccole. Le grandinate hanno distrutto il raccolto interamente in 3 allevamenti, 2/3 del raccolto in un’altra fattoria, 1/2 del raccolto in altre 2 fattorie e 1/3 del raccolto in un’altra fattoria.


Nel 1694, il prezzo del grano in Inghilterra era in media 64 scellini al quarto di tonnellata.
Il 1° agosto 1694, un tornado colpì Warrington nel Northamptonshire, in Inghilterra. Il tornado portò per aria 80 o 100 covoni di grano fuori dalla vista, a una distanza di uno, quattro e cinque miglia.
Nel 1694 a Topsham ed Exeter, in Inghilterra, ad Acremont Close, vi fu una tromba d’acqua. Durò per 30 minuti e 3 o 4 carri carichi di grano erano nell’aria contemporaneamente.

 
Il 7 agosto 1694 a Exeter, in Inghilterra, si verificò un tornado come quelli in mare (tromba marina).

Il 27 settembre 1694, un uragano colpì le Barbados al largo delle Piccole Antille causando più di 1.000 morti.
Tre settimane prima del 4 novembre 1694, un uragano colpì le Barbados nelle Piccole Antille che trascinò a terra la maggior parte delle navi.


La forte tempesta di sabbia ha colpito la Scozia il 2 novembre 1694. Il villaggio di Culbin è stato coperto e perduto per 230 anni. (Culbin è ora Culbin Sands sul fiume Findhorn, sulla riva meridionale del Moray Firth nella Scozia settentrionale.)


Dal 1694 al 1699 in Scozia, vi fu una carestia.

In Inghilterra, ci fu una grande carenza di piogge, freddo, gelate, nevicate e maltempo.

 
Nel 1694, nel periodo tra l’8 agosto e l’8 novembre, una siccità inghiottì Kiangsi (ora provincia del Jiangxi) nella Cina meridionale a Hsing-kuo e Hupeh (ora provincia dell’Hubei) nella Cina centrale a Wuchang, Huang-kang, Ch’i-shui , Huang-an, Kuang-chi, Ao-ch’êng e Ta-yeh.
Nel 1694, ci fu una grande siccità nelle vicinanze di Shanghai, in Cina. Ciò ha comportato un cattivo raccolto e un anno scarso.

Inverno del 1694-1695 d.C.
La Hire (Philippe de la Hire) ha misurato il freddo dall’inverno del 1694-95 nella Francia settentrionale come tra i più intensi.
L’inverno del 1695 fu molto rigido. Il termometro di La Hire ha resistito per tutto il tempo al gelo a una temperatura compresa tra -12,1° e -8,5° C (15° -20° F), tranne il 7 febbraio, quando è sceso a -17,9° C (7° F).


Nel 1694, il gelo in Inghilterra fu così intenso che molti alberi forestali e querce furono divisi dal gelo. Durante l’inverno del 1694-95 a Londra, in Inghilterra, il gelo ebbe una durata di 7 settimane.
Il ghiaccio marino circondò completamente l’intera isola dell’Islanda.

L’Inghilterra ha vissuto un inverno freddo. C’è stata neve continua per 5 settimane. In Boemia (ora Repubblica Ceca occidentale) a giugno l’estate è stata molto fredda e si sono verificate 3 gelate intense che hanno portato alla carestia.

Ad Ausburg, Germania, dalla metà di dicembre 1694 all’11 marzo 1695, il vento era prevalentemente est e estremamente freddo e nuvoloso. La raccolta e l’inizio dell’inverno erano molto umidi.
A Ulm, nella Germania meridionale, l’inverno del 1694/1695 fu intensamente freddo e secco. Il gelo è continuato fino alla primavera, poi all’improvviso c’è stato un disgelo nuvoloso e piovoso verso la fine di marzo.

Durante l’inverno del 1694, c’era ghiaccio nel Whangpu (fiume Huangpu, Cina).

Negli anni dal 1694 ai primi del 1697, inverni freddi e primavere e autunni freschi e umidi hanno portato all’estrema carestia nel nord Europa, in particolare in Finlandia, Estonia e Livonia. Si stima che in Finlandia sia morto circa il 25–33% della popolazione e in Estonia-Livonia circa il 20%. Le carestie in misura minore interessarono anche la Svezia (specialmente nella regione settentrionale), la Norvegia e la Russia nordoccidentale. La carestia decimò la popolazione della Finlandia e dell’Estonia-Livonia attraverso la fame prolungata, epidemie e altre malattie promosse dalla denutrizione, o la dipendenza da cibi non salutari o indigeribili e la contaminazione delle risorse idriche.

L’estate del 1693 fu secca in Finlandia e poi un gelo distrusse il magro raccolto, in particolare il raccolto di orzo. I raccolti del 1693 e del 1694 erano al di sotto del normale.
In Finlandia, l’inizio del 1695 fu l’inverno più freddo dell’anno 1658. I lupi attaccarono le persone nelle loro case. La primavera era in ritardo e generalmente fredda. La semina dei semi non poteva essere terminata prima dell’estate, lasciando un tempo troppo breve per far maturare le colture. Anche l’estate era fredda. I cereali non potevano maturare prima che arrivasse un gelo mortale. L’autunno era piovoso e nella maggior parte delle regioni era impossibile piantare i semi per il raccolto invernale. Nella regione di Uusimaa, in Finlandia, la segale non è fiorita prima della fine di luglio e un gelo a settembre ha distrutto il cereale mezzo maturo.

 

1695 d.C.

L’estate in Estonia nel 1695 fu molto piovosa. Ha piovuto dal Johann’s Day (24 giugno) fino al Michael’s Day (29 settembre). Di conseguenza, le pianure furono allagate e distrussero fieno e raccolto.
In Finlandia, l’inizio del 1696 fu ingannevolmente mite. Lo straordinario inverno innevato del 1695-96 fermò il lavoro e il traffico nella foresta. Ma questo è stato interrotto da un disgelo a gennaio. La primavera è arrivata molto presto e i campi sono diventati verdi. Ma il 7 marzo, l’inverno è tornato indietro con una vendetta. Laghi e baie si gelarono completamente, e il gelo era tanto spesso che le persone furono in grado di attraversarli con i carri. Quando finalmente tornò la primavera era molto tardi e l’estate era piovosa. Il raccolto rimase indietro nella maturazione. Durante la notte del 17/18 agosto si è verificato un gelo. Al mattino i cereali erano ricoperti da uno spesso strato di ghiaccio. Si è verificato un secondo gelo che ha distrutto il resto delle colture.


L’Estonia ha avuto un andamento meteorologico simile nel 1696. La prima parte dell’inverno del 1695-96 era molto fredda e la neve era molto alta. Ma all’inizio del 1696, arrivò un disgelo. Questo schema è avvenuto anche in Svezia. L’inverno tornò con una vendetta a marzo ed era impossibile seminare i semi fino alla fine di maggio. Le forti piogge dell’estate hanno rovinato i raccolti. Il raccolto ammontò a circa un quarto dei semi seminati.

Poco dopo l’estate, non c’era fieno a nessun prezzo.
In Estonia, nel 1696, i proprietari terrieri non potevano più dare da mangiare ai loro contadini e servi e cominciarono a licenziarli. Molti di questi recentemente disoccupati insieme a contadini poveri e indigenti hanno iniziato a chiedere l’elemosina. Perfino alcuni membri della nobiltà furono ridotti a questo stato. Nell’autunno del 1696, la carestia divenne terribile. C’è stato un forte aumento dei tassi di mortalità. “I contadini sono morti come mosche.” I corpi dei morti giacevano dappertutto. L’inverno del 1696-97 fu estremamente rigido. La neve era molto alta, quindi i cadaveri furono lasciati intatti fino alla primavera e poi collocati in fosse comuni. In Estonia sono stati segnalati casi di cannibalismo.


In Finlandia, nel 1697, seguirono da vicino carestie, morti ed epidemie. Questa carestia era così orribile da provocare casi di cannibalismo. Ad Ostrobotnia, in Finlandia, “i genitori hanno mangiato i cadaveri dei loro figli e i figli dei loro genitori, fratelli e sorelle. Nella Carelia settentrionale, in Finlandia, i documenti giudiziari descrivono casi di cannibalismo. In una cittadina della Carelia c’erano così tanti funerali che la campana della chiesa si spezzò. I magazzini e le case padronali furono saccheggiati.
1695 d.C. In Irlanda, nella primavera e nell’estate del 1695, c’erano molte nebbie puzzolenti a Limerick e Tipperary.
Negli anni della fame umida del 1695-99, la Scozia perse tra il 5% e il 15% della popolazione.
In Inghilterra, nell’aprile del 1695, il tempo era straordinariamente bello per la maggior parte e quasi senza nuvole. Maggio è stato straordinariamente umido, per la distruzione di tutti i frutti. Tutti i giorni dei cani (dell’estate) erano estremamente freddi, come l’inverno. L’inverno è stato caldo e normale, tranne due o tre giorni di forte gelo alla fine di dicembre.

Il 24 luglio 1695 si verificò un violento temporale con grandine ad Aberdeen, in Scozia.


Nel 1695, il prezzo del grano in Inghilterra era in media 53 scellini al quarto di tonnellata.


A Lappee (l’attuale Lappeenranta, Finlandia a 61° N, 27° 35′ E) nel giorno di Petersmas nel 1695, si verificò un’insolita grandinata che abbatté rapidamente i raccolti in tutti i campi.
In Italia ci furono intensi diluvi nel 1695.
Nel 1695 il fiume Po, nel nord Italia, invase prati, campi e colture distruggendole, portando a una grave carestia nella zona.

Il lago di Zurigo in Svizzera, il lago di Costanza in Germania, Svizzera e Austria e il lago di Neuchâtel in Svizzera si sono congelati completamente e si poteva camminare su di loro mentre si attraversava un ponte.

C’erano lingue di ghiaccio nel Tamigi in Inghilterra.


Nel 1695 un violento uragano ha colpito l’isola Mauritius nell’Oceano Indiano al largo della costa dell’Africa.


A Poson, (Poznań, Polonia), l’estate e il raccolto del 1695 furono un inverno continuo di pioggia fredda, gelate grezze, muffa, ecc.

 
Ad Ulm, in Germania, per tutto agosto e 1 settembre, faceva freddo e pioveva. Settembre e ottobre sono stati molto nuvolosi e eccessivamente freddi.


Il 4 ottobre 1695, un uragano ha colpito le Florida Keys negli Stati Uniti. L’uragano ha causato la perdita di una nave da guerra da 933 tonnellate al largo.

 
Nell’ottobre del 1695, un uragano colpì al largo l’isola caraibica della Martinica causando oltre 600 morti.


A Poson, (Poznań, Polonia), l’estate iniziò il 10 settembre e durò fino al 10 dicembre. I fiumi in gran parte dell’Europa causarono gravi alluvioni nel 1695-1697. Molti dei fiumi e dei laghi rimase congelato per periodi relativamente più lunghi e non si scongelò fino alla tarda primavera.


Nel 1695, inondazioni colpirono diverse regioni della Cina, tra cui:
– Durante il periodo tra il 15 gennaio e il 12 febbraio, inondazioni hanno colpito Hopei (ora provincia di Hebei) nella Cina settentrionale a Tung-ming e Kiangsu (ora provincia di Jiangsu) sulla costa orientale della Cina a Suchow, Wu-chin e Kao-yu.

– Durante il periodo tra il 12 giugno e il 10 luglio, le inondazioni hanno colpito Chekiang (ora provincia dello Zhejiang) sulla costa orientale della Cina a Hu-chou e T’ung-hsiang; Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Kung-an; Shantung (ora provincia dello Shandong) sulla costa orientale della Cina a Kuang-jao; Provincia di Kiangsu a Wu-chiang; e Kwangtung (ora provincia del Guangdong) sulla costa meridionale della Cina di fronte al Mar Cinese Meridionale a Ch’ên-hai e San-shui.


Nel 1695 durante la nona luna, vi furono grandi piogge; improvviso aumento di fiumi e calamità (danni da alluvione) nelle vicinanze di Shanghai, in Cina. Poi durante la dodicesima luna (inverno), ci sono stati tuoni e fulmini di notte con grande pioggia.
Nel 1695, nel periodo tra il 6 maggio e l’8 agosto, una siccità inghiottì Szechwan (ora provincia del Sichuan) nella Cina sud-occidentale a Ch’ang-ning e Shansi (ora provincia dello Shanxi) nella Cina settentrionale a Shuo. Durante il periodo tra l’8 agosto e l’8 novembre, una siccità ha travolto la provincia di Shansi a Li-shih e Lin.

Inverno del 1695/1696 d.C.
Durante l’inverno del 1695 e la primavera del 1696, una strana rugiada cadde sull’Irlanda. “Abbiamo fatto tardi nella contea di Limerick e Tipperary, piogge di una specie di materia come burro o grasso; se lo si strofina sulla mano si scioglierà, ma lo stenderà accanto al fuoco e si asciugherà e diventerà duro, con un odore molto forte e acre. In parte cadde qui a Kilkenny il 14 novembre 1695, cosa che mi vidi la mattina dopo. Avendo indagato molto diligentemente riguardo a un fenomeno molto strano che è stato osservato in molte parti di Munster e Leinster, il miglior resoconto che posso raccoglierne è il seguente: per buona parte dell’inverno del 1695, e la primavera successiva, cadde in diversi luoghi una sorta di densa rugiada che la gente di campagna chiamava burro, dalla consistenza e dal colore di esso, essendo morbida, umida e di un giallo scuro; cadeva sempre di notte, e principalmente nei terreni moreschi, in cima all’erba e spesso sul tetto di paglia delle capanne; veniva raramente osservato nello stesso posto due volte, si trovava comunemente sulla terra per quasi due settimane senza cambiare il suo colore, ma poi si asciugava e diventava nero.

All’inizio del 1969, il freddo in Inghilterra, nei Paesi Bassi e nella Germania settentrionale era eccessivo. Il dottor Derham riferì al Gresham College di Londra, Inghilterra che il termometro indicò una temperatura pari a -16,9° C (1,6° F).
Il 26 gennaio 1696 si verificò un intenso gelo a Londra, in Inghilterra. La temperatura è scesa a 9 gradi sotto zero.
A Poson, (Poznań, Polonia), l’inverno continuò fino al 10 marzo 1696.
A Poson, dopo il 10 dicembre 1695, arrivò una grande neve e un forte gelo, che
non ebbe disgelo o remissione fino al 10 marzo 1696. Tutto il mais e le erbe morirono e marcirono sotto la neve.
A Hildesheim, nella Germania centrale, fino al 10 marzo il clima invernale fu mite e umido. Successivamente ci sono state alcune settimane di rigido clima invernale.

 

1696 d.C.

In Inghilterra, nel 1696, le prime tre settimane di gennaio furono come un’estate, limpide con delicate tempeste; nessun gelo o pioggia. Gocce di neve, margherite e primule la prima settimana. I cespugli di rose in fiore e alberi in foglie. A febbraio le uva spina a Londra iniziano ad avere frutti. A marzo, freddo, rigido e cupo, fa seccare tutti i germogli e rovina la primavera. Da Pasqua al 26 giugno, ci sono state piogge eccessive fredde, bagnate e grandi inondazioni. Le piogge hanno marcito il fieno. La primavera fino a quel momento era ferma. A maggio si è verificata un’alluvione straordinaria. Dal 26 giugno al 6 luglio, il tempo è stato bello e poi sono tornate le piogge. Dal 10 luglio ha piovuto incessantemente 36 ore. Dal 12 al 17 luglio il tempo è stato bello. Dal 17 luglio al 14 agosto, sia di giorno che di notte, ogni giorno cadevano forti piogge che abbatterono le spighe di orzo e avena. Il 23 agosto il tempo era bello. Il resto di agosto è stato per lo più piovoso. Alla fine dell’anno, il tempo era variabile. Il 24 dicembre ci furono tre maree nel fiume Tamigi in un giorno. Dal 1 all’11 c’è stato un forte gelo. Poca neve questo inverno, solo due pollici di profondità.


Il 3 febbraio 1696 sull’Isola di Portland nel Canale della Manica, ci fu una frana. Il grande molo fu demolito e molti danni furono fatti, a causa della pioggia eccessiva.
Nel giugno del 1696 vi fu un’inondazione del fiume Nyne nel Northamptonshire, in Inghilterra.
Negli anni della fame umida del 1695-99, la Scozia perse tra il 5% e il 15% della popolazione.
Nel 1696 fu un anno negativo per le colture e il cibo era molto scarso in Inghilterra.
Nel 1696, il prezzo del grano in Inghilterra era in media 71 scellini al quarto di tonnellata.
In Inghilterra, c’è stata una grande tempesta sulla costa orientale; 200 navi costiere più altre navi, e la maggior parte dei loro equipaggi, vennero persi.

Nel 1696, un uragano ha colpito Cuba nord-occidentale. Una nave non identificata è stata demolita a Playa de Sabarimala, 7 leghe ad est dell’Avana in 35 piedi di acqua durante la tempesta.

L’inverno del 1696 fu più freddo di quanto fosse noto nel New England negli Stati Uniti, dal primo arrivo degli inglesi. Durante gran parte dell’inverno, carri e slitte caricate passarono sul ghiaccio da Boston fino a Nantasket (Hull, Massachusetts). Una scarsità di cibo così grande, in seguito durante l’anno successivo, non era mai stata conosciuta; né il grano è mai stato a un prezzo più elevato.

A Poson, (Poznań, Polonia) il 1696 passò senza pioggia, quindi ci fu una grande scarsità nel 1697.

I fiumi su gran parte dell’Europa subirono inondazioni nel 1695-1697. Molti dei fiumi e dei laghi rimase congelato per periodi relativamente più lunghi e non si scongelò fino alla tarda primavera.


Nel 1696, una siccità ha travolto diverse regioni della Cina, tra cui:
– Durante il periodo 1-30 maggio, una siccità ha travolto Chekiang (ora provincia dello Zhejiang) sulla costa orientale della Cina a Taichow.
– Durante il periodo tra il 31 maggio e il 28 giugno, una siccità ha travolto la provincia di Chekiang a Ch’ü e Shansi (ora provincia dello Shanxi) nella Cina settentrionale a Ching-yüeh.
– Nel periodo tra l’8 agosto e l’8 novembre, una siccità ha travolto Kwangsi (ora provincia del Guangxi) nella Cina meridionale lungo il confine con il Vietnam a Mêng-shan, P’ing-yüeh e Ts’ang-wu.
Nel 1696, inondazioni colpirono diverse regioni della Cina, tra cui:
– Durante il periodo tra il 29 giugno e il 28 luglio, le inondazioni hanno colpito Shantung (ora provincia dello Shandong) sulla costa orientale della Cina a Chi-mo e Hopei (ora provincia di Hebei) nella Cina settentrionale a Kao-ch’êng e An-hsin.
– Durante il periodo tra il 29 luglio e il 26 agosto, inondazioni hanno colpito Huang-t’u e Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Wuchang, P’u-ch’i, Chiang-ling e Chih-chiang . A Chih-chiang, la maggior parte delle case è stata danneggiata dalle acque alluvionali.
– Durante il periodo tra il 27 agosto e il 25 settembre, inondazioni hanno colpito la provincia di Hupeh a Huangkang; Provincia di Hopei a Jao-yang e Ch’ien-an; Kansu (ora provincia di Gansu) nel nord-ovest della Cina a T’ien-shui; Anhwei (ora provincia dell’Anhui) nella Cina orientale a Hsi; e Kiangsu (ora provincia di Jiangsu) sulla costa orientale della Cina a Pei. Durante il periodo tra il 26 settembre e il 25 ottobre, inondazioni hanno colpito la provincia di Hopei a Shen-tsê e Jung-ch’êng.
Nel 1696 durante l’estate ci furono lunghe piogge che danneggiarono i raccolti nelle vicinanze di Shanghai, in Cina.


Inverno del 1696/1697 d.C.
In Inghilterra, il gelo era grave.
A Poson, (Poznań, Polonia), dalla fine dell’estate del 1696, fino alla fine di marzo del 1697, vi furono piogge fredde di giorno e neve gelata e freddo intenso di notte.

1697 d.C. Negli Stati Uniti, l’inverno è stato intensamente freddo nel nord-est americano. Il porto di Boston era ghiacciato fino a Nantucket. Il fiume Delaware è rimasto chiuso con ghiaccio denso per più di tre mesi in modo che le slitte passassero da Trenton a Filadelfia e da Filadelfia a Chester sul ghiaccio.


A Mansfeld, nella Germania centrale, gennaio e febbraio sono stati intensamente freddi. Marzo e parte di aprile sono stati instabili, nuvolosi, nevosi, piovosi e gelidi. Il 1° aprile e maggio sono iniziati con il caldo clima estivo, ma sono seguiti da grandi tempeste di grandine, in particolare il 21, che ha causato molti danni. Il 27 nevischio nevoso e un vento da est fino alla fine. L’estate era spesso fredda con piogge frequenti e venti molto mutevoli. Agosto è stato sereno, ma molto freddo. Dal 10 settembre a ottobre, grandi piogge e venti mutevoli. Novembre è stato nuvoloso e nevoso. Dicembre è stato mite e piovoso, ma si è concluso con il freddo.

Negli anni della fame umida del 1695-99, la Scozia perse tra il 5% e il 15% della popolazione.

A Londra, in Inghilterra, dal 15 gennaio all’11 febbraio, c’è stato un forte gelo con alcune piccole remissioni. Da marzo all’11 aprile si sono verificati venti freddi da nord-est. Il 13 aprile c’era pioggia e entro il 18 aprile c’erano alberi verdi con foglie, anche se non prima della primavera. Dal 29 aprile al 4 maggio, ci sono state giornate calde, intollerabili, afose, torride e calde. Il caldo era sia di giorno che di notte. Dal 4 al 25 maggio, faceva freddo. Dal 4 al 19 maggio era bagnato. Il 19 maggio è stata una notte gelida. Il resto di maggio è stato bello e caldo fino alla fine, con un vento da nord. Giugno è stato abbastanza normale. Il 20 giugno si sono verificati forti venti e pioggia. Il 21 giugno c’è stato un freddo eccessivo. Il 16 e 17 luglio gelo e muffa hanno fatto imputridire il mais. Fino al 10 agosto, ancora calmo; poi pioggia quotidiana fino a quando il mais è cresciuto nella spiga così com’era. Dal 12 agosto al gelo fino al 10 settembre sole secco clima splendente, raccolto eccellente. Il 28 settembre c’è stata grande grandinata nella notte. Ottobre è stato un mese piacevole. L’8 ottobre si è verificato un forte vento.

Il 22 marzo 1697, il fiume vicino a Noordwyck (ora una città abbandonata) sull’isola Mauricius (Mauritius) si gonfiava nello spazio di 15 minuti a grandi altezze. Lo zuccherificio e gli impianti di zucchero e la maggior parte del terreno sono stati inondati. La maggior parte delle canne da zucchero sono state strappate dalle radici dalla violenza delle correnti. Quindi quindici minuti dopo, l’acqua era tornata al suo livello normale. La causa di questo diluvio era sconosciuta. All’epoca c’era solo una leggera pioggia e nessun terremoto.

Fonte: Grand Solar Minimum

 

Pubblicità