image_pdfimage_print

Di Giovanni Tessicini – 23 Febbraio 2020

Minimo di Maunder tra passato e futuro? Puntata precedente, 16a parte

Ormai tra gli astrofisici c’è accordo generale sul fatto che stiamo per entrare in un grande minimo solare. 

Pubblicità

Nessuno per adesso è in grado di prevederne le proporzioni con precisione, ma dal 2020 con tutta probabilità inizieremo a vedere gli effetti globali sul meteo e sul clima di quello che potrebbe essere il più profondo minimo solare degli ultimi secoli.

Infatti alcuni anni fa si prevedeva un minimo che potrebbe assomigliare al Dalton, cioè quel minimo non troppo profondo che si verificò dal 1790 al 1830 d.C. circa.

Ma più recentemente si sta facendo strada l’ipotesi che l’incombente Minimo di Eddy potrebbe essere in realtà molto più simile a un Maunder (1645-1715 d.C. circa), il più profondo tra tutti i minimi solari che si sono susseguiti nella PEG (Piccola Era Glaciale, 1350-1850 d.C. circa), o addirittura a un Omerico (800-600 a.C. circa), il minimo più profondo e lungo di cui si abbia traccia.

Quindi a questo punto, come facciamo a sapere quali condizioni meteo possiamo aspettarci nei prossimi anni?

La risposta è semplice: guardando indietro ai resoconti storici dell’epoca corrispondente a questi minimi solari. Infatti la storia si ripete, pertanto ciò che è successo in passato ci dovrebbe servire da insegnamento per prevedere cosa potrebbe avvenire in futuro.

E visto che del lontano Minimo Omerico conosciamo assai poco, prenderemo in esame il più recente Minimo di Maunder.

Quindi ogni domenica e fino alla sua conclusione, andremo a pubblicare in ordine cronologico, anno per anno, alcuni resoconti storici del Minimo di Maunder, con testimonianze e cronache dell’epoca.


 

1675 d.C.

In Inghilterra il 24-25 maggio si è verificata una terribile tempesta di tuoni e fulmini.
In Inghilterra ci furono tempeste il 24-25 maggio (tuoni e fulmini) e il 26-27 dicembre (con forte vento).

Il 10 settembre 1675, un uragano colpì le Barbados nelle Piccole Antille causando più di 200 morti.

In Borgogna, in Francia, nel 1675, la vendemmia iniziò il 14 ottobre.

Nel novembre del 1675, una tempesta così violenta colpì l’Olanda (Paesi Bassi) e causò diverse brecce nelle grandi dighe vicino a Enchusen e altre tra Amsterdam e Harlem (ora Haarlem).

Quarantasei navi furono trascinate via a Texel e quasi tutti gli uomini affogarono.

Queste tempeste hanno causato una grande inondazione, che ha causato molti danni. Molte persone, bestiame e case andarono perse.

In Inghilterra l’estate è stata estremamente piovosa. La raccolta è stata molto disuguale, un’estate come i mesi di marzo e aprile, a volte con cielo sereno a volte nuvoloso o piovoso.

L’inverno di quest’anno non è stato così severo. Non c’era né pioggia né neve. Un vento da nord in primavera ha reso il tempo molto variabile.

Nel 1675, il prezzo del grano in Inghilterra era in media 61 scellini 6 pence al quarto di tonnellata.

I fulmini possono cambiare la polarità dei magneti. “Verso l’anno 1675 due navi inglesi andarono insieme in viaggio da Londra alle Barbados. Vicino alle Bermuda, un fulmine spezzò l’albero di una di loro e strappò le vele, l’altra non subì alcun danno. Il capitano della seconda nave, avendo notato che la prima si voltò e sembrò desiderare di tornare in Inghilterra, chiese la causa di questa improvvisa decisione e apprese, non senza stupore, che il suo compagno pensava che stesse seguendo la rotta decisa all’inizio. Un attento esame delle bussole della nave che era stata colpita ha mostrato loro che il fleur de lys (fiore di giglio in francese), o punta di freccia, che di solito si trova sulla bussola per indicare il nord, ora indicava il sud; quindi se ne deduce che i poli siano stati completamente invertiti dal fulmine. Questo problema continuò per tutto il resto del viaggio.” 

Nel 1675, nel periodo compreso tra il 23 luglio e il 20 agosto, le inondazioni hanno colpito Anhwei (ora provincia dell’Anhui) nella Cina orientale a Wu-ho e Hopei (ora provincia dell’Hebei) nella Cina settentrionale a Hsin-ch’êng, Su-ning e Li. Nello stesso periodo di tempo, una siccità ha travolto Chekiang (ora provincia dello Zhejiang) sulla costa orientale della Cina a Hai-ning. Nel periodo tra il 21 agosto e il 18 settembre, una siccità ha travolto Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Huang-an e Lo-t’ien. Poi, nel periodo tra il 19 settembre e il 18 ottobre, alluvioni hanno colpito Kwangsi (ora provincia del Guangxi) nella Cina meridionale lungo il confine con il Vietnam a Ts’ang-wu.

Nel 1675 durante la sesta luna, ci fu un grande vento e un alluvione nelle vicinanze di Shanghai, in Cina. Poi durante la decima luna, ci furono piogge prolungate.

Inverno del 1675-1676 d.C.

L’inverno del 1675-1676 in Irlanda fu molto bello o per niente invernale. Ci sono state solo 5 o 6 mattinate con gelo questo inverno e il gelo è durato non più di mezzogiorno. Ha nevicato solo 3 volte. La prima neve si è verificata prima di Natale, la seconda l’11 gennaio e la terza il 17 gennaio. L’ultima nevicata è stata la più lunga; ha continuato per meno di 48 ore ma la neve si è sciolta. Ci sono stati solo 2 o 3 giorni di pioggia durante l’inverno. Il 14 marzo c’è stata una caduta di pioggia e grandine.

 

1676 d.C.

Il 23 maggio 1676, la nave francese Le Vansour naviga lungo la costa dell’isola di Tristan da Cunha, situata a metà strada tra l’Africa e il Sud America, e osserva che il picco sull’isola principale era coperto di neve.

Nel 1676, il prezzo del grano in Inghilterra era in media di 38 scellini al quarto di tonnellata.

Il 16 giugno 1676, una grandinata ha colpito Dunstall nello Staffordshire, in Inghilterra. L’area della grandinata era lunga 2,4 chilometri e larga 0,4 chilometri in estensione. I chicchi di grandine erano 4 pollici circa in circonferenza e di forme disuguali e varie.

In Inghilterra il 19 giugno c’è stata una terribile tempesta di tuoni e fulmini.

In Inghilterra il 9 agosto, c’è stata una tempesta con vento forte e alte maree.

In Inghilterra l’estate è stata estremamente fredda.
A Digione, in Francia, nel 1676, la vendemmia iniziò il 9 settembre.

Il 20 settembre 1676, una violenta tempesta colpì la costa del New England in quello che sarebbero diventati gli Stati Uniti. Detta tempesta fa affondare le navi e danneggiare la costa. Una delle navi messe in pericolo dalla tempesta era un ketch, di circa diciassette tonnellate di peso, comandato dal capitano di mare Ephraim Howe. Durante la tempesta, la nave perse il timone e di conseguenza qualsiasi mezzo per controllare la nave. Galleggiava senza meta in mare per tre mesi. Oltre la metà dei passeggeri e dell’equipaggio sono morti di assideramento. La nave ha finalmente colpito una scogliera al largo della costa di Cape Sable in Nuova Scozia. I sopravvissuti si diressero verso un’isola desolata disabitata. Furono infine salvati e restituiti a Salem, in Massachusetts, l’8 luglio 1677, dieci mesi dopo aver lasciato Boston.

Nel 1676, inondazioni colpirono molte regioni della Cina, tra cui:
– Durante il periodo tra il 14 febbraio e il 13 marzo, inondazioni hanno colpito Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Ch’ien-chiang, Ku-ch’êng e I-ch’êng. A I-ch’êng, le acque e le case sono state danneggiate dalle acque alluvionali e le persone e il bestiame sono annegati.

– Nel periodo tra l’11 giugno e il 10 luglio, inondazioni hanno colpito Shensi (ora provincia dello Shaanxi) nella Cina centrale a Pai-ho; Kwangsi (ora provincia del Guangxi) nella Cina meridionale lungo il confine con il Vietnam a Mêng-shan, P’ing-yüeh e Ts’ang-wu; e provincia di Hupeh ad Ao-ch’êng, Ta-yeh, P’u-ch’i, Huang-p’o, Hsiao-kan, Mien-yang, Kuang-chi, I-ch’êng e Tien-mên.

– Nel periodo tra l’11 luglio e l’8 agosto, inondazioni hanno colpito la provincia di Kwangsi a Huai-chi; Kiangsu (ora provincia del Jiangsu) sulla costa orientale della Cina a Soochow, Ch’ing-p’u, Wu-chiang e Hsiao; e provincia di Hupeh a Huang-kang, Chiang-ling, Chien-li e Kuang-chi.
– Durante il periodo tra il 7 ottobre e il 5 novembre, inondazioni hanno colpito la provincia di Kiangsu a Suchow; e Hopei (ora provincia di Hebei) nel nord della Cina a Nan-yüeh.

Nel 1676, nel periodo tra il 5 febbraio e il 6 maggio, una siccità inghiottì Kwangtung (ora provincia del Guangdong) sulla costa meridionale della Cina di fronte al Mar Cinese Meridionale a Hsing-ning.

Inverno del 1676/1677 d.C.

Il fiume Senna in Francia fu congelato per trentacinque giorni consecutivi dal 9 dicembre 1676 al 13 gennaio 1677.

Il fiume Mosa rimase congelato da Natale fino al 15 gennaio.

Nel 1676 a Parigi, in Francia, ci furono 35 giorni di gelo.
Il freddo estremo regnò dal 2 dicembre 1676 al 13 gennaio 1677 nella Francia settentrionale. La terra era coperta di neve e il fiume rimase ghiacciato per trentacinque giorni.

Questo inverno è stato molto severo in Francia. Particolarmente intenso fu il freddo dal 2 dicembre 1676 al 13 gennaio 1677. “Trentacinque giorni consecutivi la terra fu coperta di neve e la Senna congelata. Poi venne il tempo umido. A febbraio abbiamo avuto alcune gelate miti e piogge frequenti. Le stesse condizioni meteorologiche hanno prevalso a marzo. Il cielo era quasi completamente nuvoloso. L’inizio di aprile era ancora freddo e umido, ma verso la metà del mese, la temperatura era mite, ma poco dopo arrivò di nuovo il clima freddo che si tenne fino al 22 maggio. ”Sul fiume ghiacciato della Mosa, viaggiarono da Natale alle 15 Gennaio con carri pesantemente carichi sopra il ghiaccio.

Fonte: Grand Solar Minimum

 

 

 

Pubblicità