image_pdfimage_print

Di Giovanni Tessicini – 26 Gennaio 2020

Minimo di Maunder tra passato e futuro? Puntata precedente, 12a parte

Ormai tra gli astrofisici c’è accordo generale sul fatto che stiamo per entrare in un grande minimo solare. 

Pubblicità

Nessuno per adesso è in grado di prevederne le proporzioni con precisione, ma dal 2020 con tutta probabilità inizieremo a vedere gli effetti globali sul meteo e sul clima di quello che potrebbe essere il più profondo minimo solare degli ultimi secoli.

Infatti alcuni anni fa si prevedeva un minimo che potrebbe assomigliare al Dalton, cioè quel minimo non troppo profondo che si verificò dal 1790 al 1830 d.C. circa.

Ma più recentemente si sta facendo strada l’ipotesi che l’incombente Minimo di Eddy potrebbe essere in realtà molto più simile a un Maunder (1645-1715 d.C. circa), il più profondo tra tutti i minimi solari che si sono susseguiti nella PEG (Piccola Era Glaciale, 1350-1850 d.C. circa), o addirittura a un Omerico (800-600 a.C. circa), il minimo più profondo e lungo di cui si abbia traccia.

Quindi a questo punto, come facciamo a sapere quali condizioni meteo possiamo aspettarci nei prossimi anni?

La risposta è semplice: guardando indietro ai resoconti storici dell’epoca corrispondente a questi minimi solari. Infatti la storia si ripete, pertanto ciò che è successo in passato ci dovrebbe servire da insegnamento per prevedere cosa potrebbe avvenire in futuro.

E visto che del lontano Minimo Omerico conosciamo assai poco, prenderemo in esame il più recente Minimo di Maunder.

Quindi ogni domenica e fino alla sua conclusione, andremo a pubblicare in ordine cronologico, anno per anno, alcuni resoconti storici del Minimo di Maunder, con testimonianze e cronache dell’epoca.


 

1667 d.C.

In Inghilterra l’aria era fredda e umida. I venti venivano da nord. L’estate è stata molto disuguale.
Nel 1667, Nottingham e Londra furono visitate dalla peste.
Nel 1667, il prezzo del grano in Inghilterra era in media di 36 scellini al quarto di tonnellata.

Il 19 agosto 1667, un uragano ha colpito l’isola di Nevis nelle Isole Sottovento delle Indie occidentali. Prima che l’uragano colpisse, c’era un’alta montagna che era tutta verde con alberi. Ma in seguito la maggior parte di quei luoghi rimasero desertici.

A Montbéliard, in Francia, nel 1667 l’estate era molto fredda e secca. Non c’è stato un solo mese durante l’anno in cui non si sia congelato. In Borgogna, in Francia, la vendemmia è iniziata il 28 settembre.

Il 1° settembre 1667, un tremendo uragano colpì l’isola di San Cristoforo (St. Kitts) nelle Antille. L’uragano è scoppiato con una tale violenza, che tutte le case e gli edifici sono stati abbattuti. Gli abitanti cercarono riparo dalla sua furia gettandosi a terra nei campi.

Nel 1667, un uragano colpì St. Kitts nelle Indie occidentali distruggendo tutte le case dell’isola. Il governatore francese riferì:
“Mi ritengo obbligato ad informarvi che quest’isola si trova nello stato più deplorevole che si possa immaginare e che gli abitanti non avrebbero potuto subire una perdita maggiore o essere stati più sfortunati, tranne che erano stati sottomessi dagli inglesi. Non c’è una casa o una fabbrica di zucchero in piedi e non possono sperare di produrre zucchero per i prossimi quindici mesi. Per quanto riguarda le piante di manioca, che è il pane del paese, non ne è rimasta in piedi nessuna  … Ti assicuro che se non viene fatta la pace, o gli uomini di guerra inviati in questo paese a facilitare il trasporto di manioca dalle altre isole, che gli abitanti e le truppe moriranno di carestia.”

Il 6 settembre 1667, un uragano atlantico colpì la Virginia negli Stati Uniti. (La Virginia originariamente si chiamava Wingandacoa) Sepolti tra le rovine c’erano molti beni e molte persone. Molte vite furono perse.

Nel 1667 nel periodo tra il 18 settembre e il 16 ottobre, inondazioni hanno colpito la provincia di Hunan nella Cina centro-meridionale a Lei-yang; e Hopei (ora provincia di Hebei) nel nord della Cina a Huai-lai, Ho-chien e Li.

Nel 1667, una siccità inghiottì diverse regioni della Cina, tra cui:
– Durante l’8 agosto 1666 e il 22 maggio 1667, una grave siccità inghiottì la provincia di Chekiang a Hsüan-p’ing e Sung-yang.
– Durante il periodo tra il 5 febbraio e il 6 maggio, una siccità ha travolto Kwangtung (ora provincia del Guangdong) sulla costa meridionale della Cina di fronte al Mar Cinese Meridionale a Canton, Hui-yang, Hai-fêng e Hui-lai.
– Durante il periodo tra il 23 aprile e il 22 maggio, una siccità ha travolto Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Huang-kang.
– Durante il periodo tra il 6 maggio e l’8 novembre, una siccità ha travolto Kiangsi (ora provincia del Jiangxi) nella Cina meridionale a Wan-tsai.
– Durante il periodo tra il 21 giugno e il 20 luglio, una grave siccità ha travolto la provincia di Hupeh a Ying-shan, Huang-an, Lo-t’ien e Ch’i-shui.

Nel 1667, durante la sesta luna, il 14° giorno nelle vicinanze di Shanghai, in Cina, furono visti i draghi che combattevano in aria; c’era un vento violento e pioggia eccessiva; il canale si alzava di quattro o cinque piedi; molte case furono distrutte. (All’inizio della Cina, tornado e trombe d’acqua venivano comunemente descritti come draghi.)

L’anno 1667 produsse un grande raccolto nelle vicinanze di Shanghai, in Cina. Un hok di riso (133 libbre) costava solo due tsien a quel tempo a Hukwang, in Cina e sul lato destro del fiume era ancora più economico. I campi non hanno ceduto abbastanza per pagare le tasse. I granai dei ricchi traboccavano. Hanno scartato i prodotti in eccesso. Le merci di ogni descrizione erano senza acquirenti. La gente lo chiamava l’anno della “carestia matura”.

 

1668 d.C.

A Sutton Coalfield, a causa di una pioggia improvvisa, si è verificata una grande inondazione. Le acque scorrevano su un muro di pietra alto 3 metri. Due grandi vasche di 20 acri ciascuna, chiamate Windley e Bracebridge, avevano entrambi la testa della diga rotta per la forza dell’acqua.

Nel 1668, il prezzo del grano in Inghilterra era in media di 40 scellini al quarto di tonnellata. Nel 1668 a Londra, in Inghilterra, una piccola epidemia di vaiolo uccise 1/9 degli abitanti.
In Inghilterra, il 17 dicembre, c’è stata una grande grandinata con pioggia.

Nel 1668, inondazioni colpirono molte regioni della Cina, tra cui:
– Nel periodo tra il 9 giugno e l’8 luglio, alluvioni hanno colpito Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Ma-ch’êng; Hopei (ora provincia di Hebei) nel nord della Cina a Yü-t’ien; e Kwangtung (ora provincia del Guangdong) sulla costa meridionale della Cina di fronte al Mar Cinese Meridionale a Ta-pu.
– Nel periodo tra il 9 luglio e il 7 agosto, inondazioni hanno colpito la provincia di Hopei a Luan-ch’êng, Tz’ŭ, Nan-kung e Kao-ch’êng.
– Nel periodo tra l’8 agosto e il 5 settembre, inondazioni hanno colpito la provincia di Hopei a Chao, Kao-i, Lin-ch’êng, Shen-tsê, An’p’ing, Yung-nien, Li e Chü-lu; Chekiang (ora provincia dello Zhejiang) sulla costa orientale della Cina a Huang-yen e Yüeh-ch’ing; e Kiangsi (ora provincia del Jiangxi) nella Cina meridionale a P’ing-hsiang.
– Durante il periodo tra il 5 settembre e il 5 ottobre, inondazioni hanno colpito la provincia di Hopei a Chiao-ho e Kwangsi (ora provincia del Guangxi) nella Cina meridionale lungo il confine con il Vietnam a Ts’ang-wu.

Nel 1668, nel periodo tra il 9 luglio e il 7 agosto, una siccità inghiottì Hupeh (ora provincia di Hubei) nella Cina centrale a Huang-an e Lo-t’ien; Provincia di Chahar (ora Mongolia interna orientale) a Huai-an e Yang-yüan; e Kwangtung (ora provincia del Guangdong) sulla costa meridionale della Cina di fronte al Mar Cinese Meridionale a Lung-mên. Nel periodo tra l’8 agosto e il 5 settembre, una siccità ha travolto Hopei (ora provincia di Hebei) nella Cina settentrionale a Ching-hai.153

Nel 1668, durante la sesta luna, il 14° giorno, vi fu un vento violento con improvvisi scrosci di pioggia nelle vicinanze di Shanghai, in Cina. Il fiume si gonfiò di quattro o cinque piedi e distrusse innumerevoli case.

Nel 1668 durante la dodicesima luna (durante l’inverno), ci fu un tuono e un arcobaleno nelle vicinanze di Shanghai, in Cina.


Inverno del 1668/1669 d.C.

Durante l’inverno del 1668-69, il capitano Zaccaria Gillam con il suo Ketch Nonsuch svernò all’estremità meridionale della baia di Hudson in Canada. Gettò le ancore nel fiume Rupert il 29 settembre 1668. Il 9 dicembre il fiume ghiacciò. Nell’aprile del 1669, il freddo era quasi finito.

Fonte: Grand Solar Minimum

 

Pubblicità