image_pdfimage_print

Di GWPF e The Washington Post – 15 Maggio 2021

Il Washington Post ha pubblicato un articolo di opinione illuminante sull’allarme climatico e sul realismo climatico. Mark Thiessen, il suo editorialista settimanale, ha basato il suo editoriale su un’intervista con Steve Koonin e sul suo nuovo libro ‘Unsettled: What Climate Science Tells Us, What It Doesn’t, and Why It Matters‘ che sta facendo un bel botto a causa del suo approccio no-nonsense.

L’inviato statunitense per il clima John F. Kerry ha lanciato mercoledì un terribile avvertimento sui “costi crescenti … del riscaldamento globale e di un clima più instabile”. Il conteggio dell’anno scorso di “22 uragani, inondazioni, siccità e incendi ha infranto il precedente record annuale di 16 eventi di questo tipo, e questo è stato stabilito solo quattro anni fa”, ha detto Kerry in un’audizione al Congresso. “Non bisogna essere uno scienziato per iniziare a capire che stiamo vedendo una chiara linea di tendenza.”

Kerry ha ragione su una cosa: quella di non essere uno scienziato. Quindi ecco alcuni fatti sul clima che Kerry non ha menzionato nella sua testimonianza, schierata da uno dei massimi scienziati dell’amministrazione Obama, Steven E. Koonin. Tutti si basano su valutazioni ufficiali pubblicate dal governo degli Stati Uniti o dalle Nazioni Unite:”

* “Le temperature più calde negli Stati Uniti non sono aumentate negli ultimi cinquant’anni”, scrive Koonin, secondo il Climate Science Special Report del governo degli  Stati Uniti.

* “Gli esseri umani non hanno avuto alcun impatto rilevabile sugli uragani nel secolo scorso”, secondo il  National Climate Assessment 2014.

* “Dalla metà del ventesimo secolo, il numero di tornado significativi non è cambiato molto, ma le tempeste più forti sono diventate meno frequenti”, secondo i dati della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA).

* “Il tasso di innalzamento globale del livello del mare 70 anni fa era grande quanto quello che osserviamo oggi”, secondo il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC).

* Invece della siccità, “gli ultimi cinquant’anni sono stati leggermente più umidi della media” negli Stati Uniti, secondo i dati NOAA.

* Piuttosto che la carestia, “nei cinquant’anni dal 1961 al 2011, le rese globali di grano, riso e mais … ciascuna più che raddoppiata”, secondo l’IPCC.

* “L’impatto economico netto del cambiamento climatico indotto dall’uomo sarà minimo almeno fino alla fine di questo secolo.”

Questi fatti provengono da Koonin e dal suo nuovo libro, “Unsettled: What Climate Science Tell Us, What It does not, and Why It Matters .

Quando condivide tali informazioni, scrive, “la maggior parte è incredula. Qualche sussulto. E alcuni diventano decisamente ostili”. Koonin – un fisico che ha lavorato sull’energia alternativa per la BP e come sottosegretario per la scienza al Dipartimento dell’Energia di Obama – scavando attraverso quei rapporti del governo delle Nazioni Unite e degli Stati Uniti per portarci alcune verità scomode. E dice che i fatti non supportano il “doom mongering” degli allarmisti climatici.

Il globo si sta riscaldando, mi dice in un’intervista, in parte a causa di fenomeni naturali e in parte a causa delle crescenti influenze umane. (Gli scienziati non riescono a districare le due cose, scrive, a causa delle “carenze dei dati climatici”.) Ma, sostiene Koonin, le terrificanti previsioni del tempo sempre più violento e delle città costiere annegate sotto l’innalzamento del mare sono esagerate.

Così sono le previsioni della devastazione economica indotta dal clima. Koonin spiega che, se l’economia statunitense cresce a un tasso medio annuo del 2%, il prodotto interno lordo in assenza di qualsiasi impatto climatico aumenterà da circa 20 trilioni di dollari oggi a circa 80 trilioni di dollari nel 2090. Se le temperature aumentano di 5 gradi Celsius nello stesso periodo, Koonin osserva che, secondo il National Climate Assessment 2018, la nostra crescita sarebbe del 4% in meno tra 70 anni. Ciò significa che il PIL crescerà fino a circa $ 77 trilioni invece di $ 80 trilioni. “Saremmo in ritardo nella nostra crescita di un paio d’anni”, dice.

L’idea che possiamo fermare il cambiamento climatico, sostiene Koonin, è delirante.

Fonte: The GWPF

Pubblicità