22 agosto 2018 - 19:33 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Christopher Monckton di Brenchley – 21 agosto 2018

I commenti sui miei recenti thread spiegano l’enorme errore che il mio team ha trovato nella definizione di “feedback termico” del climatologo hanno chiesto se aggiornerò la mia serie evidenziando la discrepanza tra le previsioni esagerate nel Primo rapporto di valutazione dell’IPCC del 1990 su cui poggiava la truffa sul clima e la realtà molto meno eccitante, rivelando alcuni dei trucchetti usati dai custodi dei principali set di dati della temperatura globale per rendere al riscaldamento globale un aspetto peggiore di quello che avevano inizialmente riportato.

Ho utilizzato il set di dati satellitari RSS come mia fonte principale, perché è stato il primo a pubblicare i suoi dati mensilmente. Tuttavia, nel novembre 2015, quando il set di dati non mostrava alcun riscaldamento globale per un periodo di 18 anni e 9 mesi, il Senatore Ted Cruz ha mostrato il nostro grafico di dati RSS che dimostrava senza ombra di dubbio la durata della pausa durante un’audizione al Senato degli Stati Uniti e aveva visibilmente sconcertato i “democratici” un Ammiraglio, nientemeno, per provare – senza successo – a confutarlo. In questa colonna ho predetto che Carl Mears, il detentore di quel set di dati, a tempo debito avrebbe copiato tutti e tre i dataset terrestri più antichi – GISS, NOAA e HadCRUT4 – nel rivedere il suo set di dati in modo calcolato per sradicare la lunga pausa mostrando molto più riscaldamento globale negli ultimi decenni rispetto ai dati originali pubblicati.

La tendenza di regressione lineare dei minimi quadrati sul dataset di frequenza media globale della temperatura di superficie del satellite RSS non ha mostrato alcun riscaldamento globale per un periodo di 18 anni e 9 mesi, dal febbraio 1997 all’ottobre 2015, sebbene un terzo di tutte le forzanti antropogeniche si siano verificate durante il periodo della pausa. Ted Cruz ha esaltato il senato “Democratico” con questo grafico nel novembre 2015.

Il mese prossimo, il Dr. Mears (che usa il sito web RSS come pulpito-bullo per descrivere gli scettici del riscaldamento globale come “negazionisti”) ha portato il proprio set di dati a urla e calci nell’Adregocene, maneggiando opportunamente il dataset RSS per aerografare la pausa. Sicuramente era stato tormentato dai suoi amici estremisti del clima per fare qualcosa per fermare gli scettici che sottolineavano l’assenza evidente di qualsiasi riscaldamento globale durante un periodo in cui un terzo dell’influenza dell’uomo sul clima era sorto. Ed ecco che la pausa è sparita.

Benvenuto in Adjustocene: RSS aggiunge 1° C/secolo a quella che era stata la pausa

Alla fine, il Dr. sMear non si è dovuto preoccupare di cancellare la pausa. Lo fece comunque un grande El Niño Southern Oscillation. Tuttavia, un interessante analisi del Professor Fritz Vahrenholt e del Dr. Sebastian Lüning (at diekaltesonne.de/schwerer-klimadopingverdacht-gegen-rss-satellitentemperaturen-nachtraglich-um-anderthalb-grad-angehoben) conclude che il suo set di dati, essendo stato così manomesso, non può più essere considerato affidabile. L’analisi fa luce su come il set di dati RSS è stato manipolato. I due scienziati concludono che la post-elaborazione ex post-facto dei dati satellitari via RSS non era sufficientemente giustificata –

I dati mensili globali delle anomalie della temperatura inferiore in troposfera delle RSS, da gennaio 1979 a giugno 2018. La versione non modificata è di colore rosso; la versione manomessa è di colore blu. Le spline-curves spesse rappresentano le medie mobili semplici a 37 mesi. Grafico del Professor Ole Humlum dal suo bel sito web all’indirizzo www.climate4you.com.

Le temperature raccolte delle RSS in precedenza dal 2000 in poi, quindi hanno aumentando il tasso di riscaldamento globale dal 1979 di 0,15 C, o circa un quarto, da 0,62 C all’attuale 0,77 C –

 

Non sono riusciti a rimediare, ma Lüning e Vahrenholt scoprono che i dati RSS sono stati modificati

L’anno prima che i dati RSS fossero manomessi, RSS aveva cominciato a interessarsi seriamente alla durata della pausa. Il Dr. Mears ne discute nel suo blog su remss.com/blog/recent-slowing-rise-global-temperatures.

I suoi risultati sono riassunti di seguito –

Figura T1. Uscita dei 33 modelli IPCC (colore turchese) confrontati con il cambiamento di temperatura globale RSS misurato (colore nero), 1979-2014.

Il Dr. Mears ha avuto una crisi sulla temperatura e ha scritto:

“I negazionisti amano supporre che la causa della discrepanza del modello/osservazione sia un qualche tipo di problema con la fisica del modello fondamentale, e non riescono a trovare nessun altro tipo di spiegazione. Ciò li porta a concludere, molto probabilmente erroneamente, che la sensibilità a lungo termine del clima è molto minore di quanto si pensi attualmente.”

Il Dr. Mears ha ammesso la crescente discrepanza tra i dati RSS e i modelli, ma ha affermato che abbiamo “scelto con cura” la data di inizio per il grafico della temperatura globale:

“Recentemente, una serie di articoli della stampa ufficiale ha sottolineato che negli ultimi vent’anni sembra esserci stato un cambiamento minimo o nullo nella temperatura media globale. Per questo motivo stiamo ricevendo molte domande sulla falsariga di “Ho visto questo plot su un sito web denialista. Sono davvero i tuoi dati? Mentre alcuni di questi rapporti hanno “colto a picco” i loro punti finali per far sembrare le loro prove ancora più forti, non c’è dubbio che il tasso di riscaldamento dalla fine degli anni ’90 sia inferiore a quello previsto dalla maggior parte delle simulazioni di dati storici dell’IPCC AR5 sul clima. … I denialisti amano davvero adattarsi alle tendenze a partire dal 1997, in modo che l’enorme evento ENSO del 1997-98 sia all’inizio delle loro serie temporali, risultando in un adattamento lineare con la più piccola pendenza possibile”.

In effetti, il picco causato da El Niño del 1998 è stato quasi interamente compensato da due fattori: il picco non dissimile di El Niño del 2010 e la lunghezza pura della pausa stessa.

I grafici di Werner Brozek e del Professor Brown per le temperature di RSS e GISS che iniziano nel 1997 e nel 2000. Per ogni set di dati le linee di tendenza sono quasi identiche. Quindi, l’idea che la pausa sia stata causata da El Niño del 1998 è falsa.

Il grafico sopra mostra che le tendenze delle temperature globali mostrate sul dataset RSS pre-manomissione e sul set di dati GISS erano esattamente le stesse prima e dopo il Niño del 1998, dimostrando che la durata della pausa era sufficiente a vanificare la sua influenza immaginata.

Vale la pena confrontare il riscaldamento dal 1990, preso come media dei quattro set di dati Adjustocene (RSS, GISS, NCEI e HadCRUT4: primo grafico sotto), con il set di dati UAH che Lüning e Vahrenholt raccomandano come affidabili (secondo grafico sotto) –

Media delle anomalie di temperatura media mensile o globale della superficie inferiore della troposfera, RSS 1990, GISS, NCEI, gennaio 1990 – giugno 2018 (curva spline blu scuro), con la tendenza della regressione lineare dei minimi quadrati sulla media (linea blu brillante), rispetto al minore di due intervalli di previsione a medio termine dell’IPCC (zona arancione).

Anomalie RSS della troposfera inferiore e andamento da gennaio 1990 a giugno 2018

Si vedrà che la tendenza al riscaldamento nei set di dati Adjustocene è quasi del 50% maggiore nel periodo rispetto a quella nel set di dati RSS che Lüning e Vahrenholt trovano più affidabili.

Dopo gli aggiustamenti, il set di dati RSS dal 1990 ora mostra più riscaldamento di qualsiasi altro set di dati, anche di molto manomesso con il set di dati GISS –

Tassi di riscaldamento globale equivalenti per il periodo centenario tra gennaio 1990 e giugno 2018. Le due previsioni medio-range di medio termine dell’IPCC e la nostra previsione riveduta basata sulla correzione dell’errore di climatologia nella definizione del feedback di temperatura (caratteri bianchi) sono confrontate con i centenari osservati – tariffe equivalenti (caratteri blu) dai cinque set di dati più recenti.

Si noti che il tasso di riscaldamento dei dati RSS dal 1990 è quasi il doppio di quello di UAH, che aveva rivisto il suo tasso di riscaldamento globale verso il basso due o tre anni fa. Eppure i due dataset si basano esattamente sugli stessi dati satellitari. La differenza di quasi 1 C/secolo nel tasso di riscaldamento equivalente al centenario mostra quanto siano fortemente dipendenti i set di dati della temperatura sulla regolazione soggettiva piuttosto che sulla misurazione oggettiva.

Dovremmo assumere cinicamente che questi aggiustamenti – up per RSS, GISS, NCEI e HadCUT4, e down per UAH – riflettano i pregiudizi politici dei custodi dei set di dati? Lüning e Vahrenholt non riescono a trovare giustificazioni razionali per l’ampia e improvvisa alterazione del set di dati RSS subito dopo che Ted Cruz aveva usato il nostro grafico RSS della pausa in un’audizione al Senato. Tuttavia, non trovano che i dati UAH siano stati regolati in modo errato. Raccomandano di utilizzare i dati UAH.

L’hindcast “MofB” si basa su due fatti: in primo luogo, calcoliamo la sensibilità di Charney a soli 1,17 C per raddoppio di CO2, e in secondo luogo che in molti modelli il riscaldamento previsto dalla concentrazione di CO2 raddoppiata, la “sensibilità di Charney”, è approssimativamente uguale al riscaldamento transitorio previsto da tutte le fonti antropogeniche nel 21° secolo. Questa è, quindi, una previsione piuttosto approssimativa: ma è più coerente con il set di dati UAH che con i discutibili set di dati Adjustocene.

L’estensione della manomissione in alcuni set di dati è enorme. Un altro grafico splendidamente rivelatore dall’infaticabile professor Humlum, che pubblica una vasta gamma di grafici sul riscaldamento globale nel suo rapporto mensile pubblicamente disponibile su climate4you.com –

Riscaldamento globale creato da Mann: come GISS ha aumentato il riscaldamento apparente di oltre la metà.

GISS, il cui set di dati è così politicizzato da renderlo privo di valore, ha portato i dati su un periodo di meno di sette anni da marzo 2010 a dicembre 2017 così tanto da aumentare l’apparente tasso di riscaldamento nel XX secolo di poco più della metà. Il più grande cambiamento è avvenuto a marzo 2013, quando le mie colonne mensili sull’allora pausa di lunga data erano già diventate imbarazzanti per la climatologia ufficiale. Solo il mese precedente, l’ormai scomparso capo dell’IPCC, l’ingegnere ferroviario Pachauri, era stato uno dei primi portavoce della climatologia ufficiale ad ammettere che la pausa esistesse. Lo aveva fatto durante un discorso a Melbourne riportato da un solo quotidiano, The Australian, che è stato a lungo evidente per la sua volontà di rispecchiare fedelmente entrambi i lati del dibattito sul clima.

Ciò che è affascinante è che, anche dopo i dati grossolani di manomissione verso la fine della pausa da quattro dei cinque set di dati più vecchi, e anche se la tendenza su tutti i set di dati è anche un po’ elevata dal grande El Niño di un paio d’anni fa, le previsioni originali dell’IPCC del 1990, le previsioni che hanno provocato il catastrofismo, rimangono egregiamente eccessive.

Persino l’IPCC stesso ha realizzato quanto fossero assurde le proprie previsioni originali. Nel suo quinto Rapporto di valutazione del 2013, ha abbandonato la sua dipendenza dai modelli per la prima volta, sostituendo quello che descriveva come il suo “giudizio esperto” per le loro uscite surriscaldate, e quasi senza dimezzare la loro previsione a medio termine. In modo incoerente, tuttavia, lasciò con attenzione la sua previsione di equilibrio – da 1,5 a 4,5 C di riscaldamento per il raddoppiamento di CO2 – vergognosamente inalterato.

I numerosi apologeti sconvenienti dell’IPCC nei media Marxstream hanno sviluppato una linea di partito per spiegare l’abietto errore predittivo del primo rapporto di valutazione del 1990 dell’IPCC e anche per cercare di mantenere, in modo completo e falso, che “È sempre peggio di quello che abbiamo vissuto ma poi non avviene mai”.

Una delle loro scuse più comuni, trottata con l’espressione vitrea, la consegna monotona e il contegno zombie dell’incurabile lavaggio del cervello, è che grazie alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del governo globale la riduzione delle emissioni globali di CO2 è stata così impressionante che le emissioni sono ora ben al di sotto dello scenario “business as usual” A in IPCC (1990) e molto più vicino allo scenario meno estremista B.

Ehm, no. Anche se il registro delle emissioni di CO2 della climatologia ufficiale è stato trasportato nell’Adregocene, in quanto si sta facendo finta che – per impossibile – le emissioni globali di CO2 siano rimaste invariate negli ultimi cinque anni, il più recente rapporto annuale sulle emissioni di CO2 mostra loro come quasi coincidente con lo scenario “business as usual” in IPCC (1990) –

Le emissioni globali di CO2 stanno monitorando lo scenario business-as-usual di IPCC A

Quando il mendace pretesto fallì, il Partito sviluppò un’interessante linea di ripiego secondo cui, anche se le emissioni non stanno, dopo tutto, seguendo lo Scenario B dell’IPCC, le conseguenti forzature radiative sono molto meno di quanto previsto dall’IPCC (1990). E così sono. Tuttavia, ciò che la linea del partito è molto attenta a non rivelare è perché questo è il caso.

Il Partito si rese conto che le sue stime del forzante radiativo nullo totale antropogenico da tutte le fonti erano abbastanza alte in relazione al riscaldamento osservato per suggerire una sensibilità all’equilibrio radiativo molto più bassa rispetto a quella originariamente decretata. Di conseguenza, dal Terzo Rapporto di Valutazione l’IPCC aveva debitamente riflettuto la Linea del Partito corretta sventolando la sua bacchetta magica e riducendo in modo artificiale e sostanziale il forzante antropogenico netto introducendo quello che il Professor Lindzen ha definito senza mezzi termini “il fattore aerosol fudge”. L’infausta influenza di questo fattore fudge può essere vista nel quinto rapporto di valutazione dell’IPCC –

Fudge, mudge, kludge: il fattore aerosol fudge riduce notevolmente il forcing radiativo artificiale e aumenta falsamente la sensibilità al clima (IPCC 2013, fig. SPM.5).

L’elenco IPCC di forcipe radiativo comparato con l’era preindustriale mostra 2,29 Watt per metro quadrato di forzatura radicale antropogenica rispetto al 1750. Tuttavia, questo totale sarebbe stato considerevolmente più alto senza i due fattori aerosol fudge, per un totale di 0,82 Watt per metro quadrato. Se due terzi di questo totale sono stati aggiunti, come dovrebbe essere, per gli aerosol di origine antropica non sono nulla rispetto a questi aerosol naturali come i venti sahariani che possono scaricare sabbia fino a nord della Scozia, la forzatura antropogenica netta diventa 2,85 Watt per metro quadrato. Ecco come questo fa la differenza per l’apparente sensibilità al clima –

Come il fattore aerosol fudge aumenta artificialmente il fattore di guadagno del sistema A.

Nel riquadro di sinistra, la sensibilità di riferimento (il cambiamento di temperatura antropogenico tra il 1850 e il 2010 prima della contabilizzazione del feedback) è il prodotto del parametro di Planck 0,3 Kelvin per Watt per metro quadrato e la stima del medio range dell’IPCC di 2,29 W m -2 il forzante radiativo antropogenico netto nell’era industriale fino al 2011: cioè 0,68 C.

La sensibilità all’equilibrio è un po’ più complessa, perché la climatologia ufficiale ama immaginare (probabilmente senza molte giustificazioni) che non tutto il riscaldamento antropogenico è ancora avvenuto. Pertanto, abbiamo consentito la stima a medio termine di Smith (2015) dello squilibrio radiativo netto da 0,6 W m-2 al 2009, convertendo il riscaldamento misurato di 0,75 C dal 1850-2011 a un riscaldamento di equilibrio di 1,02 C.

Il fattore di guadagno del sistema, usando la forma del valore delta dell’equazione del guadagno di sistema che è attualmente universale nella climatologia ufficiale, è il rapporto tra la sensibilità di equilibrio e quella di riferimento: cioè 1,5. Poiché la sensibilità di riferimento alla CO2 raddoppiata, derivata dai dati dei modelli CMIP5 in Andrews (2012), è 1,04 C, la sensibilità del Charney è 1,5 x 1,04 o 1,55 C.

Nel pannello di destra, poco più dei due terzi del fattore aerosol fudge 0.82 C è stato aggiunto nuovamente al forzante antropogenico netto, rendendolo 2,85 C. Perché riaggiungerlo? Bene, senza rivelare troppi segreti, la climatologia ufficiale ha iniziato a rendersi conto che il fattore aerosol fudge è troppo grande. È così irrealistico che mette in dubbio la credibilità del resto della tabella delle forzature nell’IPCC (1990, fig. SPM.5). Aspettatevi cambiamenti significativi entro il prossimo IPCC sulla valutazione del 2020.

Usando il valore corretto del forzante antropogenico netto, il fattore di guadagno del sistema scende a 1,13, implicando una sensibilità di Charn di 1,13 x 1,04, o 1,17 C. dalla definizione erroneamente restrittiva di “riscontro termico” della climatologia ufficiale –

Il fattore di guadagno del sistema per il 2011: (a sinistra) senza e (a destra) con la correzione del fattore fudge.

Qui, un importante vantaggio dell’utilizzo dell’equazione del guadagno di sistema del valore assoluto escluso dalla definizione difettosa della climatologia ufficiale diventa evidente. Le variazioni nei valori delta causano grandi cambiamenti nel fattore di guadagno del sistema derivato dall’equazione del guadagno del sistema delta-valore in climatologia, ma molto poco quando viene derivata usando l’equazione del valore assoluto. Infatti, usando l’equazione del valore assoluto i fattori di guadagno del sistema per il 1850 e per il 2011 sono quasi identici a 1,13, indicando che in condizioni moderne le non-linearità nei feedback hanno un impatto molto piccolo sul fattore di guadagno del sistema.

In conclusione: nessuna quantità di esplosioni di manomissione della temperatura altererà il fatto che, sia che si utilizzi l’equazione del valore delta (sensibilità di Charney 1,55 C) o l’equazione del valore assoluto (sensibilità di Charney 1,17 C), il fattore di guadagno del sistema è piccolo e, quindi, lo sono anche le temperature di equilibrio.

Infine, godiamoci un altro sguardo all’eccellente vignetta di Josh sull’Adgregene –

 

Fonte: WUWT

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(15 voti, media: 4,87 su 5)
Loading...