4 luglio 2018 - 19:30 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 4 luglio 2018

Pubblicazioni scientifiche molto recenti mostrano che il contenuto di calore e le temperature superficiali del Nord Atlantico si sono raffreddate in modo significativo, e quindi potrebbe portare a un rimbalzo del ghiaccio artico nella regione. Nel frattempo il ghiaccio artico si è stabilizzato negli ultimi 10 anni e la Groenlandia ha mostrato un sorprendente aumento della massa ghiacciata.

Gli scienziati del clima concordano sul fatto che le variazioni delle temperature del Nord Atlantico e delle correnti oceaniche hanno un grande impatto sul ghiaccio marino nella regione artica del Nord Atlantico e il clima dell’Europa.

Caduta drammatica del contenuto di calore del Nord Atlantico

Per esempio, recenti scoperte pubblicate su Nature da un team guidato da David JR Thornalley del Department of Geography, University College di Londra, mostrano che il contenuto di calore del Nord Atlantico da zero a 700 metri di profondità si è raffreddato in modo drammatico dagli anni ’50:

Contenuto di calore nell’Oceano Atlantico del Nord (OHC). Fonte: Thormalloy et al, Nature.

Negli anni ’70 la maggior parte degli scienziati riteneva che l’era glaciale si stesse avvicinando dopo che la temperatura della superficie del Nord Atlantico si era raffreddata bruscamente dal picco degli anni ’50.

Un’altra pubblicazione molto recente che appare nelle Geophysical Research Letters da un team di ricercatori guidati da DA Smeed del National Oceanography Centre, Southampton, Regno Unito, mostra che le temperature di superficie e sotto la superficie del Nord Atlantico sono scese ai livelli più bassi in più di 30 anni:

I ricercatori sospettano che le diminuite temperature più basse siano legate alla Atlantic Overvalning Circulation Circulation (AMOC), che è un potente sistema di correnti nell’Atlantico che coinvolge il flusso verso nord di acqua calda negli strati superiori dell’Atlantico e un flusso verso sud di acque più fredde, acque profonde che fanno parte della circolazione termoalina.

I cambiamenti nella Circonvallazione Meridionale dell’Atlantico (AMOC) hanno impatti significativi sul clima dell’Atlantico settentrionale. Fonte: R. Curry, Woods Hole Oceanographic Institution/Science/USGCRP

Gli scienziati teorizzano che la fusione del ghiaccio marino artico potrebbe essere responsabile dei recenti cambiamenti, ma questo rimane altamente speculativo in quanto i dati a sostegno di questo sono estremamente scarsi. Nel frattempo altri scienziati credono che abbia di più a che fare con i cicli oceanici su scala multidecadale che si sono verificati nel corso della storia.

Dal riscaldamento si passa al raffreddamento

Un altro gruppo di scienziati guidato da Christopher G. Piecuch ha pubblicato qui uno studio sulla rivista Geophysical Research Letters che mostra come l’andamento della temperatura subpolare del nord Atlantico (SPNA) e della temperatura della superficie del mare sia invertito dal riscaldamento durante il periodo 1994-2004 al raffreddamento nel 2005- 2015.

Gli autori scrivono che la regione “è soggetta a una forte variabilità decennale”, il che significa che i cicli naturali sono in gioco. Gli autori presentano la seguente tabella, che mostra che il contenuto di calore del Nord Atlantico è diminuito drasticamente dal 2010.

Quindi non sorprende che il ghiaccio marino artico si sia stabilizzato sulla scia del raffreddamento dell’Atlantico settentrionale e che la Groenlandia stia montando giganti di ghiaccio aggiunto?

Il meteorologo veterano Joe Bastardi di WeatherBell Analytics ha detto ripetutamente che quando il contenuto di calore degli oceani nelle regioni adiacenti all’Artico scende, è naturale il recupero del ghiaccio marino e viceversa quando il contenuto di calore dell’oceano aumenta. L’estensione del ghiaccio artico fluttua insieme ai cicli naturali dell’Atlantico e dell’Oceano Pacifico. Ha poco a che fare con la CO2.

Fonte: No Tricks Zone 

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(27 voti, media: 4,89 su 5)
Loading...