image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 25 Gennaio 2020

Gli esperti sanitari statunitensi hanno previsto che un ceppo del coronavirus potrebbe uccidere decine di milioni di persone con un avvertimento dato tre mesi PRIMA dell’esplosione mortale a Wuhan, in Cina.

Gli scienziati del Johns Hopkins Center for Health Security hanno modellato un’ipotetica pandemia su un computer nell’ambito della ricerca dello scorso ottobre: ​​la loro simulazione ha predetto la morte di circa 65 milioni di persone in tutto il mondo in soli 18 mesi.

Pubblicità

Secondo gli ultimi rapporti provenienti dalla Cina, la malattia altamente contagiosa ha finora ucciso 41 persone e contagiato circa 1.300 altre persone – ma gli esperti ritengono che la Cina stia nascondendo le cifre reali – prevedendo che il numero reale delle persone infette sia tra le migliaia.

A loro merito, la risposta della Cina è stata rapida, chiudendo più di 14 città intorno a Wuhan, la metropoli centrale da cui è nato il virus:


Anche se puoi guardare la risposta della Cina in due modi: ovviamente è rassicurante vedere le autorità che provano tutto ciò che è in loro potere per fermarne la diffusione, ma allo stesso tempo è anche un po’ snervante vedere il livello di disperazione. Il bilancio economico di mettere in isolamento decine di milioni di persone è sconcertante. Le autorità sanno di più su questa mortalità di questa tensione di quanto non stiano attualmente lasciando andare? O questa risposta è semplicemente un protocollo standard, forse le lezioni apprese dopo l’epidemia di SARS nei primi anni 2000?

E anche nonostante misure così estreme, gli esperti sono divisi sul fatto che i passaggi saranno sufficienti per rallentare la diffusione del virus. Miliardi di viaggi saranno effettuati durante il periodo di vacanze lunare di Capodanno, con molti cinesi che hanno già viaggiato prima che le misure fossero attuate.

FT riferisce che Ian Mackay, un virologo della Queensland University in Australia, ha affermato che è possibile che le restrizioni ai viaggi siano semplicemente una soluzione di “Band-Aid”. “Non è mai stato fatto prima, non ci sono prove che questo farà qualcosa isolando queste persone. C’è ancora il virus lì”, ha riferito.

Foto microscopica del coronavirus cinese.

I coronavirus sono infezioni del tratto respiratorio che possono portare a malattie come la polmonite o il raffreddore comune. Il dottor Eric Toner, un ricercatore senior di Johns Hopkins, ha dichiarato di non essere rimasto scioccato quando la notizia dell’epidemia di coronavirus a Wuhan alla fine di dicembre è arrivata: “Ho pensato a lungo che il virus più probabile che potrebbe causare una nuova pandemia sarebbe un coronavirus”, ha detto al Business Insider.

“Non sappiamo ancora quanto sia contagioso. Sappiamo che si sta diffondendo da persona a persona, ma non sappiamo fino a che punto.”

La simulazione al computer del Dr. Toner a ottobre ha suggerito che dopo sei mesi, quasi tutti i paesi del mondo avrebbero avuto casi di coronavirus. Entro 18 mesi sarebbero morti 65 milioni di persone.

L’epidemia di Wuhan non è ancora considerata una pandemia, ma il virus è stato segnalato in 12 nazioni diverse: Stati Uniti, Francia, Australia, Tailandia, Giappone, Corea del Sud, Taiwan, Vietnam, Singapore, Hong Kong, Macao e Nepal, hanno confermato tutti i casi.

E ci sono MOLTE domande che hanno un disperato bisogno di una risposta:

La città di Wuhan ha recentemente sviluppato un laboratorio di ricerca patogeno mortale, per studiare l’ebola e i virus simili alla SARS – l’epidemia potrebbe aver avuto origine qui? Gli esperti statunitensi di biosicurezza hanno avvertito nel 2017 che un virus potrebbe davvero “sfuggire” alla struttura.

Il laboratorio più alto della Cina per lo studio dei virus si trova a Wuhan, la stessa città al centro dell'attuale focolaio di coronavirus
Il laboratorio cinese per lo studio dei virus mortali si trova vicino al mercato del pesce di Huanan, Wuhan – il luogo in cui si ritiene abbia avuto origine l’epidemia di coronavirus. Attualmente, le autorità lo chiamano una coincidenza.

Inoltre, l’afflusso di raggi cosmici – a causa dell’attività solare storicamente bassa che stiamo attualmente ricevendo – potrebbe avere a che fare con la mutazione di questa particolare tensione?

I CR potrebbero avere un impatto sull’evoluzione della varietà andando avanti?

Queste sono domande chiave.

Sfortunatamente, tuttavia, non abbiamo ancora le risposte a loro …

Grand Solar Minimo + Pole Shift

Pubblicità