22 giugno 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di James Taylor – 13 febbraio 2013

Sta diventando chiaro che non solo molti scienziati contestano l’asserita crisi del riscaldamento globale, ma questi scienziati scettici potrebbero effettivamente formare un consenso scientifico.

Non guardiamo adesso, ma forse, dopo tutto, esiste un consenso scientifico sul riscaldamento globale. Solo il 36% dei geologi e degli ingegneri ritiene che gli esseri umani stiano creando una crisi del riscaldamento globale, secondo un sondaggio riportato negli studi dell’organizzazione peer-reviewed. Al contrario, una buona maggioranza dei 1.077 intervistati ritiene che la natura sia la causa principale del recente riscaldamento globale e/o che il futuro riscaldamento globale non sarà un problema molto serio.

I risultati del sondaggio mostrano geoscienziati (noti anche come scienziati della terra) e gli ingegneri aventi opinioni simili a quelle dei meteorologi. Due recenti sondaggi di meteorologi (riassunto qui) hanno rivelato un simile scetticismo sulle affermazioni di riscaldamento globale allarmistico.

Secondo un recente sondaggio di geologi e ingegneri, solo il 36% degli intervistati si è adattato al modello “Conforme a Kyoto”. Gli scienziati di questo gruppo “esprimono la forte convinzione che il cambiamento climatico stia avvenendo, ma che sia un normale ciclo naturale e che gli umani non ne siano la causa principale ne centrale”.

Gli autori del sondaggio, tuttavia, osservano come la stragrande maggioranza degli scienziati rientra in altri quattro modelli, ognuno dei quali è scettico nei confronti delle richieste di riscaldamento globale allarmistico.

Il sondaggio rileva che il 24% degli scienziati intervistati si adatta al modello “La natura è travolgente”. “Nella loro inquadratura diagnostica, credono che i cambiamenti climatici siano naturali, normali cicli della Terra”. Inoltre, “sono fortemente in disaccordo sul fatto che i cambiamenti climatici rappresentano un rischio pubblico significativo e non vedono alcun impatto sulla loro vita personale”.

Un altro gruppo di scienziati si adatta al modello dei “fatalisti”. Questi scienziati, che comprendono il 17% degli intervistati, “diagnosticano i cambiamenti climatici a causa sia umana che naturale. I “fatalisti” considerano il cambiamento climatico un rischio pubblico minore con un impatto minimo sulla loro vita personale. Sono scettici sul fatto che il dibattito scientifico venga definito sulla modellazione dell’IPCC. “È probabile che questi scienziati chiedano:” Come può qualcuno intervenire se la ricerca è parziale?”

Il prossimo gruppo più grande di scienziati, composto dal 10% degli intervistati, si adatta al modello della “Responsabilità Economica”. Questi scienziati “diagnosticano il cambiamento climatico come causato da cause naturali e umane. Più di ogni altro gruppo, sottolineano che la “vera” causa del cambiamento climatico è sconosciuta poiché la natura cambia sempre e diventa incontrollabile. Come dire ‘la natura è preponderante’ quindi non sono d’accordo sul fatto che i cambiamenti climatici rappresentano un rischio pubblico significativo e non vedono alcun impatto sulla loro vita personale. Sono anche meno propensi a credere che il dibattito scientifico sia stato risolto e che i modelli dell’IPCC siano accurati. Nel loro inquadramento prognostico, indicano il danno del Protocollo di Kyoto e tutte le regolamentazioni andranno a scapito dell’economia”.

L’ultimo gruppo di scienziati, composto dal 5% degli intervistati, si adatta più al modello degli “attivisti del regolamento”. Questi scienziati “diagnosticano il cambiamento climatico a causa dell’essere umano e anche causato naturalmente, ponendo un rischio pubblico moderato, con solo un leggero impatto sulla loro vita personale.” Inoltre, “Sono anche scettici riguardo al dibattito scientifico che si sta delineando e sono i più indecisi nell’affermare se i modelli IPCC siano accurati.”

Presi insieme, questi quattro gruppi scettici respingono numericamente il 36% degli scienziati che ritengono che il riscaldamento globale sia causato dall’uomo è che risulti una seria preoccupazione.

Un aspetto interessante di questo nuovo sondaggio è l’inclinazione inconfondibilmente allarmistica dei partecipanti all’indagine. Usano frequentemente termini come “negazionista” per descrivere gli scienziati che sono scettici riguardo a una crisi del riscaldamento globale asserita e si riferiscono agli scienziati scettici come “parlano contro la scienza del clima” piuttosto che “parlare contro proiezioni climatiche affermate”. Di conseguenza, gli allarmisti avranno un momento difficile nel sostenere che il sondaggio è parziale o in qualche modo collegato alla “macchina per negare il clima della grande destra”.

Un altro aspetto interessante di questo nuovo sondaggio è che riporta le credenze degli scienziati stessi piuttosto che i burocrati che spesso pubblicano dichiarazioni allarmiste senza sondare i loro scienziati membri. Ora abbiamo meteorologi, geologi e ingegneri che dichiarano di essere scettici riguardo una crisi del riscaldamento globale asserita, eppure i burocrati di queste organizzazioni spesso attirano i media e aspirano ai fornitori di sussidi governativi cercando di dirci il contrario di quello che i loro membri dello scienziato credono davvero.

Le persone che guardano dietro le dichiarazioni egoistiche degli allarmisti del riscaldamento globale su un presunto “consenso” hanno sempre saputo che tra gli scienziati non esiste un tale consenso allarmista. Ora che abbiamo accesso a sondaggi rigorosi degli stessi scienziati, sta diventando chiaro che non solo molti scienziati contestano l’asserita crisi del riscaldamento globale, ma questi scienziati scettici possono effettivamente formare un consenso scientifico.

Fonte: Forbes

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(10 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...