image_pdfimage_print

 Di John Blankenship – 13 settembre 2022

Cambiamento climatico: realtà o finzione? Le prove sembrano accumularsi ultimamente che la “crisi climatica globale” è una grande frode.

Negli ultimi tre decenni, gli allarmisti del riscaldamento globale hanno apparentemente sfruttato l’idea che la Terra sia diretta verso un disastro causato dall’incapacità dell’uomo di frenare il suo sconsiderato appetito per una maggiore energia nonostante i suoi effetti dannosi sull’ambiente.

Pubblicità

Secondo alcuni climatologi veterani che non dipendono dal governo federale per le sovvenzioni e i finanziamenti per i loro progetti di ricerca, in particolare il numero di studenti laureati che i cambiamenti climatici sostengono nei loro programmi accademici, c’è un numero crescente di cercatori di verità là fuori che considera la teoria del riscaldamento globale un mucchio di balle.

Il defunto Reid Bryson, noto come il padre della climatologia scientifica, è morto denunciando il problema del riscaldamento globale come una massiccia truffa perpetrata dalla comunità ambientale e climatica americana decisa a trarre profitto da affermazioni basate su dati inconcludenti.

Bryson, professore emerito dell’Università del Wisconsin (Madison), è stato approvato nel 2008, ma non prima che lui e molti altri scettici sul riscaldamento globale avessero pubblicato le loro opinioni incrollabili contro il consenso popolare su un’apparente emergenza globale, un consenso che proclamava che gli inquinanti artificiali come l’anidride carbonica (CO2) e altre emissioni causate dalla combustione di combustibili fossili danneggiano l’ambiente e la salute dell’umanità.

In un’intervista con il Madison Capital Times, Bryson disse di non essere scettico sull’esistenza del riscaldamento globale, era solo molto dubbioso che gli esseri umani lo causassero. In altre parole, la Terra si riscalda e si raffredda periodicamente, a seconda dei capricci e degli impulsi della natura.

Allo stesso tempo, gli scettici sostengono che per anni gli autodescritti esperti di clima hanno espresso i rischi di un riscaldamento globale, ma quando gli allarmisti hanno notato solo lievi, se non nulle, fluttuazioni delle temperature della Terra, che sono diminuite o sono rimaste stabili in tutto il mondo negli ultimi 20-30 anni, i sostenitori hanno cambiato il termine da “riscaldamento globale” a “cambiamento climatico”.

Ora sembra che gli attivisti siano tornati ancora a usare il termine “riscaldamento globale”.

“Non c’è dubbio che la Terra si sia riscaldata: sta uscendo da una ‘piccola era glaciale'”, ha detto il leggendario Professore Bryson durante uno scambio con un conduttore di un talk show radiofonico a Madison. “Tuttavia, non ci sono prove credibili che sia dovuto all’uomo e all’anidride carbonica. Siamo usciti da una piccola era glaciale, guidati dall’attività vulcanica, per 300 anni. Si sta riscaldando da molto tempo”, ha detto Bryson.

Il climatologo ha affermato che anche se gli esseri umani stanno inquinando l’aria e aggiungendo anidride carbonica all’atmosfera, gli effetti sono comunque minimi.

“È come se ci fosse un elefante che carica e ti preoccupi del fatto che ci sia una mosca seduta sulla sua testa”, ha detto. “È solo un totale smarrimento di enfasi. Non è davvero scienza perché non ci sono prove scientifiche valide”.

Solo perché quasi tutta la comunità scientifica crede nel riscaldamento globale provocato dall’uomo non prova assolutamente nulla, secondo Bryson. “Il consenso non prova nulla, nella scienza o altrove…”

Bryson è stato il presidente fondatore del dipartimento di meteorologia dell’UW-Madison e dell’Institute for Environmental Studies, ora noto come Gaylord Nelson Institute for Environmental Studies.

Alla domanda se il riscaldamento globale non è un problema così scottante, perché migliaia di scienziati sono così preoccupati per questo, Bryson ha risposto: “Perché ci sono molti soldi da fare in tutto questo. Se vuoi essere un eminente scienziato devi avere molti dottorandi e molte borse di studio. Non puoi ottenere sovvenzioni a meno che tu non dica: ‘Oh, il riscaldamento globale, sì, sì, anidride carbonica…'”   

In breve, il clima della Terra sta ovviamente cambiando; è sempre cambiato, secondo i climatologi che non aderiscono alla teoria del riscaldamento globale.

La Professoressa Judith Curry, presidente del prestigioso Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Atmosfera dell’Università della Georgia, ha affermato di recente che non ci sono stati indicatori significativi del riscaldamento globale per almeno dieci anni.

Se le scoperte del professore sono vere, significherebbe che le affermazioni spavalde di Al Gore, l’IPPC e l’intera orda di “verdi” che da anni affermano che le emissioni di CO2 sono pericolose per il pianeta sono semplice propaganda che non hanno nulla a che fare con la scienza del clima.

Fonte : LootPress

Pubblicità