image_pdfimage_print

Di Charles Rotter – 14 Dicembre 2020

Fritz Vahrenholt era una mente del movimento ecologico tedesco, senatore per l’ambiente e gestore dell’energia eolica. Oggi mette in dubbio la costosa politica climatica della Germania.

Fritz Vahrenholt

Amburgo. Fritz Vahrenholt ha plasmato il dibattito ambientale in Germania come quasi nessun altro: il suo libro “Seveso ist überall” (1976) ha denunciato le condizioni dell’industria chimica, il suo atlante “Die Lage der Nation” (1983) ha dato una valutazione della politica ambientale nel paese.

Pubblicità

Nel 1984 è entrato a far parte dell’autorità ambientale di Amburgo come consigliere statale ed è stato senatore per l’ambiente dal 1991 al 1997. Il socialdemocratico e politico SPD si è poi trasferito nel mondo degli affari e, dal 2001, ha fondato il produttore di energia eolica Repower. Dal 2008 al 2012, Vahrenholt ha lavorato come amministratore delegato della neonata RWE Innogy GmbH.

Negli ultimi anni, il dottore in chimica è diventato uno dei più acuti critici della politica tedesca di protezione del clima. Da quando è stato licenziato dalla Wildlife Foundation a causa delle sue opinioni, ha fatto dell’argomento la sua “attività principale”, come dice. Nel suo nuovo libro Unerwünschte Wahrheiten (Unwanted Truths) e sul suo blog, il 71enne si occupa dello sviluppo del clima e delle conseguenze della politica climatica.

Hamburger Abendblatt: Le piace davvero litigare, Signor Vahrenholt?

Fritz Vahrenholt: No, non proprio. Cosa te lo fa pensare?

HA: Nel tuo nuovo libro “Unwanted Truths” affronti l’intera scienza del clima …

FV: Davvero? Non sto negando la necessità di agire o il cambiamento climatico stesso – sto solo arrivando a conclusioni diverse sulla portata o sul ritmo di esso. Credo che non siano solo gli esseri umani ad essere responsabili del cambiamento climatico, ma anche i fattori naturali sono all’opera. Quindi abbiamo più tempo di quanto spesso si dice.

HA: Come sei arrivato a questa conclusione?

FV: C’è un aspetto nel dibattito sul clima che trovo troppo breve e semplicistico. Il nostro valore di riferimento è sempre l’anno 1850, l’inizio dell’era industriale. Ma quello che quasi nessuno sa è che la Piccola Era Glaciale, il periodo più freddo degli ultimi 2000 anni, è finita allora. Il valore medio degli ultimi 2000 anni da solo è di circa 0,4 gradi superiore a quello del 1850, completamente senza l’effetto serra.

HA: Rappresenti però una posizione di minoranza …

FV: Forse, ma questo non significa che debba essere sbagliato. Confrontalo con l’argomento delle foreste morenti. All’inizio degli anni ’80 c’era un consenso sul fatto che la foresta tedesca sarebbe scomparsa a causa delle piogge acide. Lo sospettavo. Quasi quarant’anni dopo sappiamo che la scienza aveva torto. La scienza deve essere messa in discussione. Ma questo non è più possibile a causa dell’intreccio tra scienza e politica.

HA: Ora si può sostenere che a causa delle previsioni orribili, è stata intrapresa un’azione politica e la foresta è stata salvata.

FV: È del tutto possibile credere, come fanno molti scienziati del clima, che una piccola esagerazione aiuterebbe. Questo è accettabile, entro certi limiti, per scuotere una società. È stato simile con il mio libro “Seveso ist überall” – abbiamo ottenuto molto nell’industria chimica. Ma non dobbiamo mandare la società al disastro adottando misure errate o esagerate. Oggi purtroppo viviamo in un clima di paura.

HA: Dove pensi che il dibattito sia stato distorto?

FV: Prendiamo ad esempio la calotta glaciale della Groenlandia: molte persone credono che si scioglierà nel prossimo futuro. Anche se dovessero continuare queste temperature, continuerà ad esistere per migliaia di anni ancora. A proposito, 8000 anni fa la Terra ha avuto un periodo di circa 3000 anni più caldo di oggi. Anche allora la calotta glaciale è sopravvisse. E il Sahara era verde. Questa è la notizia positiva che abbiamo in questo momento: la Terra sta diventando più verde.

HA: Questo non si applica a tutte le regioni: in molti luoghi le persone temono la siccità.

FV: Negli ultimi 100 anni, né la frequenza delle siccità né le forti precipitazioni sono aumentate a livello globale. Tuttavia, a causa del riscaldamento e dell’aumento della CO2, l’area del fogliame in tutto il mondo cresce ogni anno delle dimensioni della Repubblica federale di Germania. Negli ultimi 50 anni, la biomassa vegetale è aumentata del 30%. E a causa dell’aumento di CO2, le rese di grano, riso e altri frutti sono aumentate del 15% e la situazione alimentare mondiale è stata notevolmente migliorata. Non voglio banalizzare la CO2, è un gas serra. Ma non è nemmeno auspicabile tornare ai livelli precedenti al 1850.

HA: Siamo lontani dal tornare a quei livelli. L’accordo sui cambiamenti climatici di Parigi si è posto l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a un massimo di due gradi. È sbagliato?

FV: No. Ma l’accordo di Parigi ha carenze strutturali. Ha stabilito che la Cina, in quanto paese in via di sviluppo, potrebbe ancora emettere il 50% in più di CO2 nei prossimi anni. Se dimezziamo le nostre emissioni in Germania da 0,8 miliardi a 0,4 miliardi di tonnellate, ciò equivale all’aumento annuale della Cina. Lì, 245 centrali elettriche a carbone saranno ancora collegate alla rete e ci sono 1600 centrali elettriche a carbone in tutto il mondo, la maggior parte delle quali con l’assistenza cinese. L’India è soddisfatta perché lì sono state aperte 56 miniere di carbone e ora ogni villaggio è rifornito di elettricità.

HA: Non può essere un argomento per non fare nulla qui!

FV: Certo che no, ma mostra la relazione. Non stiamo facendo la differenza con la nostra eliminazione graduale e nessuno ci seguirà se elimineremo gradualmente il carbone e l’energia nucleare entro dieci anni, il che significherà una drammatica perdita di prosperità in Germania. Non possiamo sostenere una società industriale altamente sviluppata con vento e sole. Siamo minacciati di deindustrializzazione e perdita di prosperità. Discutiamo istericamente: si sostiene che se non eliminiamo gradualmente i motori diesel e benzina ora, il clima si ribalterà. Ciò che questo significa per centinaia di migliaia di posti di lavoro non è di ulteriore interesse. Dobbiamo fermare gli apprendisti stregoni: la paura è una cattiva consigliera.

HA: Anche questi sono scenari horror …

FV: No. La trasformazione del nostro sistema energetico ha un difetto strutturale: stiamo concentrando ciò che hanno fatto finora tre fonti energetiche – gas naturale per il riscaldamento, petrolio per i trasporti ed elettricità per l’industria e le famiglie – in un’unica fonte energetica: l’elettricità. L’Accademia delle scienze ingegneristiche prevede che la domanda di elettricità raddoppierà. Penso che triplicherà. Le capacità di generazione del vento e del sole non saranno mai sufficienti per questo. Inoltre, rimane il problema della quiete oscura: ci sono molti giorni e settimane senza sole e vento. Allora da dove verrà la nostra elettricità? Da stoccaggio con pompaggio? Ci sono calcoli in base ai quali dovremmo riempire tutte le valli dalla Norvegia all’Austria con laghi di stoccaggio pompati per immagazzinarlo. È assurdo.

HA: Sottovaluti le possibilità offerte dal progresso tecnologico. L’idrogeno verde, ad esempio, potrebbe essere utilizzato per immagazzinare energia.

HA: Due terzi dell’energia viene persa nella catena di generazione eolica-idrogeno-elettricità. Questa è la fisica. L’energia viene persa durante l’elettrolisi, lo stoccaggio e la conversione in elettricità. Quindi dovremmo costruire più impianti per compensare questa perdita. Il costo dell’elettricità si moltiplicherebbe.

HA: Abbiamo appena visto quali guadagni di efficienza sono possibili con le celle solari.

FV: Questo è vero per l’energia solare, se ripenso alle mie prime celle solari alla Shell. Possiamo produrre elettricità per pochi centesimi in luoghi soleggiati, ma il calo dei costi non è così significativo quando si parla di vento. Ma questo non risolve il problema dell’accumulo intermedio, che diventa inaccessibile data la quantità di elettricità da immagazzinare.

L’articolo completo qui.

Pubblicità