image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 7 Agosto 2020

Secondo i dati ufficiali del governo del National Snow & Ice Data Center (NSIDC), l’estensione del ghiaccio marino Antartico del 2020 sta mantenendo la media 1979-1990.

Gli allarmisti climatici prendono nota del fatto che la situazione del ghiaccio in Antartide è molto più importante per le proprie teorie sul clima hokey di quello contenuto dal cugino nell’emisfero nord, l’Artico.

Pubblicità

L’Antartide contiene il 90% del ghiaccio del nostro pianeta e, quindi, se l’Antartide non si riduce, qualsiasi potenziale innalzamento del livello del mare sarà fortemente limitato.

E l’Antartide non si sta riducendo.

Secondo gli ultimi dati NSIDC, l’estensione del ghiaccio marino attorno al polo sud ha seguito la media 1979-1990 per TUTTO L’ANNO:

[nsidc.org/arcticseaicenews/charctic-interactive-sea-ice-graph]

Inoltre, l’estensione dell’agosto 2020 è attualmente maggiore di quella degli anni ’80:

[nsidc.org/arcticseaicenews/charctic-interactive-sea-ice-graph]

NESSUNA CORRELAZIONE

Dal 1979 (l’anno in cui sono iniziate le misurazioni dei satelliti sul ghiaccio marino), le letture di anidride carbonica effettuate all’Osservatorio di Mauna Loa alle Hawaii hanno registrato un aumento “innaturalmente lineare”; mentre, durante lo stesso periodo, l’estensione del ghiaccio marino antartico è stato “estremamente variabile” con “il minimo annuale che ha raggiunto sia i massimi che i minimi record” (NOAA climate.gov).

Estensione minima “estremamente variabile” del ghiaccio marino dell’Antartide per ogni anno (NOAA climate.gov).
Livelli di CO2 a Mauna Loa che mostrano un aumento innaturalmente lineare.


Ciò rivela che non esiste alcuna correlazione tra l’innalzamento dei livelli di CO2 di Mauna Loa e l’estensione del ghiaccio marino antartico e che gli allarmisti climatici abbaiano l’albero sbagliato a tale riguardo.

Aggiungete a ciò, la curva di CO2 del Mauna Loa (Keeling) mostra segni che potrebbe in effetti essere falsificata come “nessuna misurazione del mondo reale di un parametro seguirà una traiettoria così pulita, semplice e diritta per 60 anni”, afferma Ned Nikolov Ph.D.:

https://electroverse.net/according-to-direct-atmospheric-measurements-co2-levels-were-above-400-ppm-in-the-1940s/

E continuano ad arrivare le scomode bombe climatiche:

Livelli più elevati di CO2 atmosferica sono stati sempre e solo BENEFICI per la biodiversità sul nostro pianeta, ogni forma di vita è basata sul carbonio, dopotutto – il  carbonio è la spina dorsale di ogni molecola biologica conosciuta.

I dati proxy mostrano che i livelli di CO2 non sono mai stati correlati alle temperature.

Anche il calore dovrebbe essere accolto favorevolmente, poiché la vita sul nostro pianeta prospera durante i periodi di caldo, ed è soffocata durante i periodi di freddo – a dimostrazione di ciò è il fatto che le foreste tropicali coprono il <12% di tutte le terre ma contengono la maggior parte delle piante e specie animali; mentre l’Artico, che copre il 10% della Terra, contiene solo 600 specie di piante, 100 specie di uccelli, nessun rettile o anfibio e solo 20 mammiferi.

I sostenitori dell’AGW cercano di aggirare la connessione tra climi caldi e biodiversità affermando che gli effetti secondari del riscaldamento globale, come la siccità o lo scioglimento del ghiaccio, minacciano la vita – tuttavia, la siccità NON sta aumentando su scala planetaria e, come evidenziato sopra, il ghiaccio NON si sta riducendo.

Calore = Prosperità – Benessere.

Freddo = Malattie – Morte.

Semplice davvero, eppure la brigata allarmista dice tutto il contrario.

E ora, i TEMPI FREDDI sembrano tornare in linea con l’attività solare storicamente bassa, i  raggi cosmici che nuclizzano e formano le nuvole e un  flusso di correnti a getto più meridionale.

Il Grand Solar MAXIMUM – in cui l’umanità ha prosperato e prosperato grazie a un calore costante e prevedibile – sta purtroppo volgendo al termine e sta cedendo il passo al prossimo Grand Solar MINIMUM – freddo = Morte. Anche la NASA sembra prevedere questo imminente freddo, se si legge tra le righe, con le loro previsioni per questo imminente ciclo solare (25) che lo vedono come “il più debole degli ultimi 200 anni”, con l’agenzia che mette in correlazione precedenti periodi di bassa attività solare a periodi prolungati. di raffreddamento globale qui.


Preparati di conseguenza impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità