27 novembre 2017 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Circa 100.000 residenti che vivono nelle vicinanze dell’eruzione del vulcano Agung a Bali, in Indonesia è stato dato l’ordine dai funzionari di evacuare oggi lunedì 27 novembre 2017. Alla fine della giornata di sabato 25 novembre, dopo la seconda eruzione freatica in una settimana, l’Agung ha iniziato una fase di fuoriuscita magmatica. Sono stati osservati dei lahars scendere giù dalla montagna nella giornata di ieri domenica, così da spingere le autorità di riportare al livello di allerta 4 (massimo) alle 22:00 UTC. Residenti e turisti sono stati avvisati di tenersi lontano dal vulcano. Aviation Color Code è salito a colore rosso, l’emissione di cenere vulcanica continua ed è aumenta salendo fino a 9,1 km (30.000 piedi). Bloccato anche il traffico aereo. Al momento non ci sono aerei in arrivo o in uscita da Bali.

Con un denso gas scuro e ceneri che si innalzano oltre 3.400 metri sopra il cratere, l’eruzione del Monte Agung continua ad aumentare, Sutopo Purwo Nugroho, portavoce del Consiglio nazionale per la gestione dei disastri (BNPB), lo ha riferito nella giornata di lunedì.

L’emissione continua di cenere è a volte accompagnata da eruzioni esplosive, con suoni e boati udibili fino a 12 km (7.4 miglia) dalla vetta.”Esiste un potenziale per un’eruzione più grande”, ha detto Nugroho, aggiungendo che le comunità attorno al vulcano e gli scalatori/visitatori/turisti sono avvertiti di non scalare o avventurarsi sulla montagna e rispettare la zona di pericolo che ora è estesa a tutte le aree entro un raggio di 8 km (5 miglia) dal cratere e fino a 10 km (6,2 miglia) a nord-nordest e sud-sud-ovest. Ciò significa che circa 100.000 persone stanno evacuando.

La zona pericolosa del vulcano Agung del 26 e 27 novembre 2017. Credito: BNPB

“Chiediamo alle persone presenti nella zona di pericolo di evacuare immediatamente per l’alto potenziale di una eruzione più grande”, ha detto Nugroho. “Finora sono stati evacuati circa 40.000 residenti ma altri 60.000 stanno per essere trasferiti”, ha affermato. “Ci sono persone che non hanno ancora lasciato le loro case a causa della presenza dei loro animali nelle fattorie e le persone che sono al sicuro perché la loro area non è stata colpita durante l’eruzione del 1963/64”, ha detto Sutopo, aggiungendo che il personale della sicurezza stava provando a persuadere le persone ad andarsene, ma queste stesse potrebbero essere evacuate con la forza. Il governatore di Bali Made Mangku Pastika in seguito ha detto che 150.000 persone potrebbero essere chiamate per l’evacuazione.

BNBP ha pubblicato i seguenti video dei lahars, noti anche come “lava fredda”, scendendo lungo il vulcano, avvertendo che potrebbero aumentare a causa delle forti piogge e chiedere a tutti di stare lontano da loro ed evitare attività vicino ai fiumi.

Almeno 445 voli all’aeroporto internazionale di Ngurah Rai, l’aeroporto principale di Bali, sono stati cancellati per 24 ore a partire dalle 00:15 UTC, il 27 novembre (07:15 ora locale), con circa 59.000 passeggeri nazionali e internazionali. La chiusura è in vigore fino a martedì mattina, ma i funzionari hanno riferito che la situazione sarà rivista ogni sei ore. L’aeroporto sulla vicina isola di Lombok è stato riaperto lunedì mattina dopo che è stato chiuso per un breve periodo.

La zona di pericolo è dinamica e continuamente valutata, e può essere modificata in qualsiasi momento seguendo i dati osservativi più recenti, ha detto BNPB.

Secondo Darwin VAAC VONA emesso alle 12:50 UTC di lunedì, l’emissione di cenere vulcanica continua ed è salita al momento fino a 9,1 km (30.000 piedi).

Maggiori informazioni, immagini e filmati al link originale

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(5 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...