5 maggio 2014 - 20:03 pm Pubblicato da

L’inverno del 2013-14 verrà ricordato a lungo.

Una primavera relativamente fresca darà di conseguenza un’estate più fredda del solito a livello locale, tutto a causa dei continui impatti del freddo con molta neve intensa, dicono gli scienziati. Per almeno uno dei Grandi Laghi, il ricercatore glaciologo ritiene che l’effetto domino potrebbe continuare in una continua caduta del freddo e un inizio precoce per il prossimo inverno e anche oltre.

Il motivo è la copertura di ghiaccio insolitamente tardiva che rimane ancora sui Grandi Laghi. Siamo nel mese di maggio, i Grandi Laghi rimangono per il 26% coperti di ghiaccio, con il Lago Superiore, che presenta ancora oltre la metà della superficie ricoperta di ghiaccio.
In confronto, nello stesso periodo dello scorso anno i Grandi Laghi erano ricoperti di ghiaccio con una superficie inferiore al 2%.

35547428001_3526124916001_vs-5361acbfe4b02ef4199c4855-1592194025001

I restanti livelli di copertura di ghiaccio sono incredibili, ha detto Jia Wang, un climatologo del ghiaccio, presso il National Oceanic and Great Lakes Environmental Research Laboratory di Atmospheric Administration in Ann Arbor. “Questo inverno prolungato influenzerà le temperature estive.” dice Jia Wang, “Questa estate sarà fredda, che farà seguito ad una caduta del raffreddamento.”

Ma oltre a scatenare il caos sul settore del trasporto marittimo dei Grandi Laghi e il conseguente impatto sui pesci ed altre specie acquatiche, i chilometri di copertura ghiacciata agiscono come un vasto riflettore bianco. “Tutto ciò che la luce del sole, che normalmente riscalda l’acqua, viene riflessa nello spazio”, dice Jay Austin, professore associato presso l’Università dei Grandi Laghi, Osservatorio del Minnesota-Duluth, in accordo con Wang sugli impatti della copertura di ghiaccio per questa estate, ma in disaccordo circa i potenziali impatti sul clima futuro.

bilde2

Anche se l’impatto della temperatura locale dell’acqua nei Grandi Laghi è complessa”, i due sono collegati in qualche maniera,” ha affermato Steve Colman, direttore dell’Osservatorio dei Grandi Laghi.

“La tendenza dell’acqua è per un raffreddamento,” aggiunge. “Probabilmente avremo più nebbia a causa delle temperature dell’acqua più fredde e le masse d’aria più calde.”

RESTA DIFFICILE IL TRASPORTO

Il ghiaccio spesso e persistente ha portato ad “un inizio assolutamente paralizzato nella stagione dei trasporti”, ha detto Glen Nekvasil, vicepresidente del lago Carriers Association, un gruppo commerciale che rappresenta i trasportatori dei cargo dei Grandi Laghi.
I cargo rompighiaccio stanno ancora scortando convogli di chiatte che trasportano minerale di ferro, cemento e altri prodotti attraverso i laghi ghiacciati, rendendo molto più lente le operazioni di trasporto, riferisce Glen Nekvasil. Una nave cargo che trasportava minerale di ferro, ha lasciato il porto, nella parte occidentale del Lago Superiore il 23 marzo, arrivando con il suo primo carico a sud del lago Michigan il 23 aprile, aggiunge Nekvasil, “mentre in 30 giorni normalmente avrebbero consegnato quattro carichi”.

bilde

Le spedizioni del minerale di ferro nel mese di marzo, sono diminuite del 43% rispetto allo scorso anno. Il grande impianto di US Steel a Gary, Indiana, ha ridotto la produzione all’inizio del mese scorso a causa delle sue impoverite forniture di minerale ferroso.

In un anno normale la rompighiaccio della Guardia Costiera registra circa 3.000 ore di lavoro rompendo i canali di ghiaccio attraverso i laghi.
Ci vorranno almeno altre due settimane di lavoro per rompere il ghiaccio rimasto, gli equipaggi si sono già registrate 7.000 ore di lavoro in questo inverno e primavera, ha dichiarato Mark Gill, direttore dei servizi al traffico marittimo per la Guardia Costiera a Sault Ste Marie.

I venti primaverili molto forti hanno aggravato i problemi. Infatti hanno accatastato ghiaccio alto 8-10 metri in vitale Duluth, Minnesota, riferisce Gill.
Qualche buona notizia è arrivata questa settimana quando la Guardia Costiera è stato in grado di rompere attraverso il suo canale downbound, una preferenziale, rotta di navigazione più profonda che permette ai vettori di trasportare carichi più pesanti, aggiunge Gill.

In molti si domandano il perché la stagione del ghiaccio è iniziata così in fretta, la prima settimana di dicembre e continua ancora così in ritardo, “stiamo andando ad affrontare una vera sfida qui nel ricostituire le scorte”, ha detto Nekvasil.

L’articolo continua ancora, ma credo che ce ne sia abbastanza. Per chi volesse proseguire come al solito metto il link originale
http://www.freep.com/apps/pbcs.dll/article?AID=2014305010053

ENZO
SOLAR ACTIVITY

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...