image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 20 Marzo 2020

Ci è stato a lungo detto che la neve sarebbe stata presto un ricordo del passato …

Nel 2013, The Guardian, con tanto di studio allegato, affermava che l’Artico sarebbe rimasto “libero dai ghiacci entro il 2015” a causa di un “aumento” del riscaldamento indotto da un aumento della presenza di metano e da una carenza di nevicate e di ghiaccio.

Pubblicità

Dieci anni fa, la stessa carta straccia affermava che la Groenlandia sarebbe “collassata” entro 10 anni. Eppure, secondo la NASA, il suo ghiacciaio più grande, il Jacobshavn, è cresciuto negli ultimi tre anni e, nel gennaio 2020, l’isola ha effettivamente stabilito un nuovo record storico di bassa temperatura.

Nel 2008, AP usciva con il titolo “Siamo al brindisi finale” riferendo che gli scienziati della NASA avevano affermato che “l’Artico sarebbe rimasto privo di ghiaccio entro il 2018” a causa della rapida ablazione e dalla mancanza di nevicate.

Nel 2000, l’Independent scriveva che gli scienziati dell’Università dell’East Anglia avvertivano che “i bambini non avrebbero saputo cosa sarebbe stata la neve”, dato che la neve “sta iniziando a sparire dalle nostre vite”.

Anche nel lontano 1988, AFP ci spaventava nel ritenere che le Maldive sarebbero state “completamente sommerse dall’acqua da lì a 30 anni” a causa del riscaldamento delle temperature e dello scioglimento dell’Artico, con quella data apocalittica che potrebbe anticiparsi già al 1992 “se la popolazione avesse avuto bisogno di acqua potabile.”

Inutile dire che gli scienziati che inseguivano le streghe coinvolti nella ricerca di cui sopra dovrebbero essere TUTTI presi a uova in faccia – eppure questi cosiddetti “esperti” hanno in qualche modo conservato il posto di lavoro, titoli, credibilità e riconoscimenti; e, forse ancora più sorprendentemente, sono in realtà dietro alcune delle più recenti previsioni catastrofiche nella lista sempre crescente delle odierne profezie EOTW – profezie che attendono solo che le loro date di scadenza passino indenni …

2019/2020 – La stagione dell’emisfero boreale

Ma sicuramente, se il riscaldamento globale catastrofico è davvero una realtà, allora questa tendenza a lungo attesa senza neve/ghiaccio dovrebbe diventare molto più evidente e il giorno del giudizio avvicinarsi sempre più

Bene ora…

… I dati sulle nevicate di quest’anno nell’emisfero settentrionale, raccolti da coloro che conoscono molto bene l’argomento – l’Istituto Meteorologico Finlandese (FMI) – rivelando che la stagione 2019/2020 è diventata, nel nord emisfero, uno degli inverni più nevosi mai registrati, unendosi al testimone degli ultimi anni.

Osservando la tabella di FMI di seguito, durante alcuni punti della stagione, la massa totale di neve nell’emisfero settentrionale ha raggiunto 3 deviazioni standard sopra la media, indicando volumi di neve molto insoliti:

globalcryospherewatch.org

Mentre questo inverno il Vortice Polare si è tenuto incredibilmente ben raccolto e gelido, bloccando efficacemente l’aria artica al Polo, la situazione nelle latitudini dell’estremo nord ha più che compensato le “zone senza neve” osservate alle latitudini più basse.

Inoltre, una serie di focolai artici nella prima e nel finale di stagione (in particolare in Nord America, Nord Europa e Russia) hanno contribuito a queste stagioni totalmente sorprendenti – come abbiamo riportato ieri, ad esempio, dove paesi come la Svezia quest’anno stanno polverizzando tutti i record di nevicate stagionali (non dirlo a Greta).

In una e-mail, l’FMI conferma che questo è stato davvero “uno degli inverni più nevosi mai registrati” da quando la raccolta dei dati è iniziata nel 1979, sin dagli albori dell’era del satellite.

L’istituto sottolinea inoltre come l’inverno 2017-2018 è stato ancora più eccezionale e che l’inverno successivo (2018-2019) è stato ancora superiore, con solo il 1989, 1993, 1997 e 2001 che hanno registrato masse più elevate nei loro massimi stagionali (3600 gigatoni il massimo).

Quindi, se sto leggendo esattamente i dati, per quanto riguarda il massimo delle masse di neve, la stagione 2018-2019 è stata la quinta più nevosa dell’emisfero settentrionale degli ultimi 41 anni, con il 2017-2018 il sesto e in questa stagione, 2019-2020 provvisoria simile al settimo.

Inoltre, se stai osservando la massa di neve media complessiva di marzo (forse un miglior barometro climatico), l’anno 2018 detiene il record per l’inverno del nord emisfero più nevoso, secondo l’FMI – quell’anno ha visto una massa di neve media di marzo pari a 3190 Gt, posizionandosi al primo posto in 41 anni di registrazioni, e circa 330 Gt al di sopra della media 1979-2018.

La neve presto diventerà un ricordo del passato … la tendenza sembra essere esattamente il contrario.

I tempi freddi stanno tornando in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici che nuclizzano le nuvole e un maggior flusso di corrente a getto meridionale.

Perfino la NASA concorda, almeno in parte, con le loro previsioni per questo prossimo ciclo solare (25) vedendolo come “il più debole degli ultimi 200 anni“, con l’agenzia che mette in relazione i precedenti arresti solari con periodi prolungati di raffreddamento globale qui.

Non innamorarti di programmi politici falsi e di propaganda – preparati per il FREDDOimpara i fatti e trasferisciti se necessario.

Fonte: ELECTROVERSE


Pubblicità