image_pdfimage_print

Di Ron Clutz – 31 Dicembre 2019

Il miglior contesto per comprendere le variazioni decadali della temperatura globale viene dalle temperature della superficie del mare (SST) del pianeta, per diversi motivi:

  • L’oceano copre il 71% del pianeta e determinandone le temperature medie;
  • Le SST hanno un contenuto d’acqua costante (a differenza delle temperature dell’aria), quindi offrono una migliore lettura delle variazioni del contenuto di calore;
  • Un importante El Nino è stata la caratteristica del clima dominante negli ultimi anni.

HadSST è generalmente considerato il migliore dei set di dati SST globali, e quindi la storia della temperatura qui proviene da quella fonte, l’ultima versione è HadSST3. Maggiori informazioni su ciò che distingue HadSST3 dagli altri prodotti SST alla fine di questo articolo.

Pubblicità

Il contesto attuale

Il grafico seguente mostra le anomalie mensili delle SST riportate in HadSST3 a partire dal 2015 fino a novembre 2019.

Il grafico seguente mostra le anomalie mensili delle SST riportate in HadSST3 a partire dal 2015 per arrivare a novembre 2019.
Un modello di raffreddamento globale si vede chiaramente nei tropici dal suo picco nel 2016, in cui il NH (Northern Hemisphere) e il SH (Southern Hemisphere) hanno continuato a scendere dal 2016. Nel 2019 tutte le regioni stavano convergendo così da raggiungere quasi lo stesso valore nel mese di aprile.

Quindi il NH è cresciuto eccezionalmente di quasi 0,5 ° C nei quattro mesi estivi, ad agosto superando i picchi estivi precedenti nel NH dal 2015. Ora negli ultimi 3 mesi quel caldo del NH si è invertito bruscamente. Nel frattempo, il SH e i Tropici le temperature sono aumentate, ma nonostante ciò l’anomalia globale è cambiata poco a causa del forte raffreddamento del NH.

Si noti che le temperature più elevate nel 2015 e nel 2016 sono state innanzitutto dovute a un forte aumento delle SST Tropicali, a partire da marzo 2015, con un picco a gennaio 2016 e in costante calo al di sotto del livello iniziale. In secondo luogo, l’emisfero nord ha aggiunto tre picchi sul riscaldamento tropicale, con punte nei mesi di agosto di ogni anno. Un quarto dosso nel NH è stato inferiore e ha raggiunto il picco a settembre 2018. Come notato sopra, un quinto picco nell’agosto 2019 ha superato i quattro precedenti picchi verso l’alto nel NH.

E come prima, nota che il rilascio globale di calore non è stato drammatico, a causa dell’emisfero australe che ha compensato quello settentrionale. La principale differenza tra oggi e il 2015-2016 è l’assenza del riscaldamento tropicale alla guida delle SST.

Le SST annuali degli ultimi cinque anni sono i seguenti:

SST annualiGlobaleNHSHTropici
20140,4770,6170,3350,451
20150,5920,7370,4250.717
20160,6130,7460,4860,708
20170,5050.6500,3850.424
20180.4800,6200.3620,369

Le SST medie annue del 2018 in tutte le regioni sono vicine al 2014, leggermente più alte nel SH e molto più basse nei tropici. L’aumento delle SST degli oceani globali è stato notevole, con un picco nel 2016, superiore al 2011 di 0,32 ° C.

Una visione più lunga delle SST

Il grafico seguente è rumoroso, ma la densità è necessaria per vedere gli schemi stagionali nelle fluttuazioni oceaniche. I post precedenti si sono concentrati sull’ascesa e la caduta dell’ultimo El Nino a partire dal 2015. Questo post aggiunge una visione più ampia, che comprende il significativo El Nino del 1998 in avanti. Le combinazioni dei colori sono mantenute per le anomalie Globali dei Tropici nel NH e nel SH. Nonostante i tempi più lunghi, ho conservato i dati mensili (piuttosto che le medie annuali) a causa di interessanti spostamenti tra gennaio e luglio.

Il 1995 è un punto di partenza ragionevole (ENSO neutrale) prima del primo El Nino. La forte ascesa tropicale che ha raggiunto il picco nel 1998 è dominante nel record, a partire da gennaio ’97 per far ripartire gli SST in modo uniforme prima di tornare allo stesso livello nel gennaio ’99. Per i successivi 2 anni, i tropici rimasero bassi e gli oceani del mondo rimasero stabili intorno a 0,2 ° C sopra la media 1961-1990.

Poi arriva un costante aumento nel corso di due anni a un picco minore nel gennaio 2003, ma di nuovo portando uniformemente tutti gli oceani intorno a 0,4 ° C. A questo punto qualcosa cambia, con una divergenza più emisferica rispetto a prima. Durante i 4 anni fino a gennaio 2007, i Tropici attraversano alti e bassi, nel NH una serie di alti e bassi. Di conseguenza, la media globale oscilla intorno allo stesso 0,4 ° C, che risulta anche essere la media dell’intero record dal 1995.

Il 2007 si distingue con un forte calo delle temperature, in modo che il gennaio 2008 corrisponda al minimo del gennaio ’99, ma a partire da un massimo più basso. Anche gli oceani diminuiscono, fino a quando le temperature non raggiungono il picco nel 2010.

Ora di nuovo appare un modello diverso. I Tropici si raffreddano bruscamente fino all’11 gennaio, quindi aumentano costantemente per 4 anni fino al 15 gennaio, a quel punto decolla il maggiore El Nino. Ma questa volta, in contrasto con il ’97 -’99, l’emisfero nord produce picchi ogni estate innalzando la media globale. In effetti, questi picchi del NH compaiono ogni luglio a partire dal 2003, diventando più forti per produrre 3 massimi nel 2014, 15 e 16. Il NH nel luglio 2017 era solo leggermente inferiore e un quinto picco del NH ancora inferiore a settembre 2018.

Il picco più alto dell’estate del NH è arrivato nel 2019, solo che questa volta i tropici e il SH stanno compensando aggiungendo del riscaldamento. Dal 2014 il SH ha svolto un ruolo moderatore, compensando gli impulsi di riscaldamento del NH. (Nota: si tratta di anomalie elevate in cima alle più alte temperature assolute del NH.)

Cosa fare di tutto questo? I modelli suggeriscono che oltre a El Nino nel Pacifico alla guida delle SST Tropicali, sta succedendo qualcos’altro nel NH. L’ovvio colpevole è il Nord Atlantico, da quando ho visto questo tipo di pulsazioni prima. Dopo aver letto alcuni articoli di David Dilley, ho confermato la sua osservazione degli impulsi atlantici nell’Artico ogni 8-10 anni.

Ma i massimi che arrivano quasi ogni estate nelle HadSST richiedono un’immagine diversa. Diamo un’occhiata ad agosto, il mese più caldo nel Nord Atlantico dal set di dati Kaplan.

L’indice AMO proviene da Kaplan SST v2, il set di dati inalterato e non penalizzato. Per definizione, i dati delle SST sono medi mensili interpolati in una griglia 5 × 5 sull’Atlantico settentrionale, sostanzialmente da 0 a 70N. Il grafico mostra il riscaldamento iniziato dopo il 1992 fino al 1998, con una serie di anni corrispondenti da allora. Poiché recentemente il Nord Atlantico ha collaborato con l’ENSO del Pacifico, diamo un’occhiata più da vicino ad alcuni anni dell’AMO negli ultimi 2 decenni.

Questo grafico mostra le tempistiche mensili dell’AMO per alcuni anni importanti. Gli anni di punta sono stati il ​​1998, il 2010 e il 2016, con quest’ultimo sottolineato come il più recente. Gli altri anni mostrano un riscaldamento minore, con il 2007 sottolineato come il più freddo degli ultimi 20 anni. Nota che la linea rossa del 2018 è in fondo a tutte queste linee. La linea nera mostra che il 2019 è iniziato leggermente più fresco, quindi ha seguito il 2018, quindi è salito per corrispondere ai precedenti impulsi estivi, prima di abbandonare gli ultimi tre mesi per abbinare nuovamente il 2018 sotto altri anni.

Sommario

Gli oceani stanno guidando il riscaldamento in questo secolo. Le SST hanno fatto un passo avanti con El Nino del 1998 e vi hanno soggiornato con l’aiuto del Nord Atlantico, e più recentemente il “Blob” del Nord Pacifico. Le superfici oceaniche stanno rilasciando molta energia, riscaldando l’aria, ma alla fine avranno un effetto di raffreddamento. Il declino dopo il 1937 fu rapido in confronto, quindi ci si chiede: per quanto tempo gli oceani potranno continuare così? Se il modello degli ultimi anni continua, le anomalie delle SST nel NH potrebbero aumentare leggermente nei prossimi mesi, ma ancora una volta l’ENSO che si è indebolito determinerà probabilmente il risultato.

Nota in calce: perché fare affidamento su HadSST3

Le HadSST3 si distingue dagli altri prodotti SST perché HadCRU (Hadley Climatic Research Unit) non si impegna nell’interpolazione SST, vale a dire riempire anomalie stimate in celle della griglia prive di campionamento sufficiente in un determinato mese. Dalla lettura della documentazione e dalle domande a Met Office, questa è la loro procedura.

HadSST3 importa i dati dalle celle della griglia contenenti oceano, escluse le celle terrestri. Dai dati precedenti, hanno calcolato le letture medie giornaliere e mensili per ciascuna cella della griglia per il periodo dal 1961 al 1990. Quelle temperature formano la linea di base da cui vengono calcolate le anomalie.

In un dato mese, ogni griglia con un campionamento sufficiente viene mediata per il mese e quindi viene sottratto il valore di base per quella cella e quel mese viene sottratto, determinando l’anomalia mensile per quella cella. Tutte le cellule con anomalie mensili sono calcolate in media per produrre anomalie globali, emisferiche e tropicali per il mese, in base alle cellule in quelle posizioni. Ad esempio, le medie dei tropici includono le celle della griglia oceanica comprese tra le latitudini 20N e 20S.

Le gridcell che mancano di campionamento sufficiente quel mese vengono escluse dalla media e si stima l’incertezza derivante da tali dati mancanti. IMO che è più ragionevole che inventare dati da riempire. E sembra che il Global Drifter Array visualizzato nell’immagine in alto stia fornendo una copertura più uniforme degli oceani rispetto al passato.

USS-Pearl-Harbor-implementa-global-drifter-boe-in-pacific-ocean

USS Pearl Harbor utilizza Global Drifter Booys nell’Oceano Pacifico

Fonte: rclutz.wordpress.com/

Pubblicità