image_pdfimage_print

Del Dr. Tim Ball – 29 Dicembre 2018

Quando metti in prospettiva le affermazioni dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), ottieni un’immagine molto diversa che sfida la logica. Ho deciso di farlo a causa delle loro recenti affermazioni isteriche nella speciale relazione 15 (SR-15) progettata per spaventare e portare prepotenza davanti al mondo verso politiche ambientali ed energetiche assolutamente superflue ed estremamente costose. Charles Steele ha riassunto le loro affermazioni e le politiche proposte nel suo articolo, “Climate Doom Ahead? Think Twice,”

“… abbiamo solo dodici anni per scongiurare la catastrofe climatica e chiede una trasformazione fondamentale della società e la fine all’uso dei combustibili fossili. Approvarlo è un passo fondamentale verso l’adozione, e adottarlo cambierebbe praticamente ogni elemento della società civile come la conosciamo oggi”.

Steele nota che,

“Non è un rapporto scientifico ma più una piattaforma politica, guidata dall’ideologia, non dalla scienza”.

Sono d’accordo. Persino alcuni membri dell’IPCC ammettono che non si tratta di clima, ma di una scusa per azioni ideologiche come il trasferimento di ricchezza. Tuttavia, la maggioranza dell’IPCC e dei suoi sostenitori non sarebbero d’accordo. Esporrebbero la preoccupazione e la conseguente richiesta di azione che si baserebbe sulla scienza descritta nel rapporto del gruppo di lavoro AR5 I, The Physical Science Basis. Bene, esaminiamo quello che dicono.

I miei commenti di tipo normale seguono le affermazioni dell’IPCC in corsivo.

1) L’influenza umana sul sistema climatico è chiara e le recenti emissioni antropogeniche di gas a effetto serra sono le più alte nella storia. I recenti cambiamenti climatici hanno avuto impatti diffusi sui sistemi umani e naturali. {1}

La prima frase è un non-sequitur e rappresenta una forma classica di introduzione all’inganno. L’influenza umana non è chiara perché la produzione umana di CO2 rientra nell’errore delle stime di due importanti fonti naturali, gli oceani e la vegetazione in decomposizione. Non è possibile separare la produzione umana dal caos della produzione e della variabilità non umana. Ovviamente, le emissioni antropogeniche sono le più alte nella storia. Se hai un livello in costante aumento, i livelli più alti sono i più recenti. La seconda frase è indimostrabile. Se non si conosce la linea di base, ovvero l’impatto dei cambiamenti climatici prima dell’impatto umano, non è possibile determinare alcuna tendenza. Considera solo un esempio. Vi è più foresta totale nel mondo di quanto non esistesse in passato. L’America ha più alberi di quanti ce ne fossero 100 anni fa. Come lo sanno? Inoltre, dipende da che ora hai scelto il passato. Ad esempio, ce ne sono molti di più di quelli esistenti 20.000 anni fa al culmine dell’ultimo periodo glaciale.

2) Il riscaldamento del sistema climatico è inequivocabile e, a partire dagli anni ’50, molti dei cambiamenti osservati sono senza precedenti da decenni a millenni. L’atmosfera e l’oceano si sono riscaldati, le quantità di neve e ghiaccio sono diminuite e il livello del mare è aumentato. {1,1}

Questa è un’altra forma di introduzione a inganno che inizia con una premessa sbagliata. Anche un breve sguardo a qualsiasi record sul clima storico mostra periodi di riscaldamento equivoci e persino maggiori rispetto a quelli tra il 1950 e il 2018. Basta guardare il disco di base di ghiaccio antartico di Petit et al.

Ricorda, hanno sottoposto questa curva a un livellamento di 70 anni, quindi gran parte della variabilità è stata eliminata. Nonostante ciò, c’è una grande variabilità su brevi periodi. Quindi considera la curva della temperatura dell’Inghilterra centrale dal 1659-2018. Non c’è nulla di straordinario nel record di 359 anni rispetto ai 68 anni del 1950.

L’IPCC afferma con il 95% di certezza che il 95% dell’aumento della temperatura dal 1950 è dovuto alla CO2 antropica. Il problema è che se ciò fosse vero, allora le temperature fredde record che si verificano adesso non potrebbero verificarsi. Se le affermazioni dell’IPCC sono corrette, l’unico modo in cui può verificarsi un tale raffreddamento è se il livello di CO2 diminuisce. Tuttavia, è l’IPCC che ci dice che continua ad aumentare.

L’errore delle affermazioni dell’IPCC è nei continui cambiamenti di temperatura che si verificano ogni giorno. Il Sole sorge e la temperatura inizia ad aumentare con l’aumentare dell’angolo solare. Non c’è aumento di CO2, così come non c’è diminuzione quando le temperature iniziano a diminuire mentre il sole tramonta. Se la CO2 fosse il fattore dominante nell’aumento della temperatura, come afferma l’IPCC, allora dovrebbe avere un’influenza maggiore sulla temperatura giornaliera, ma non esiste tale evidenza.

Come al solito, i media mainstream riferiscono che il 2018 è il sesto anno più caldo mai registrato prima che l’anno sia finito. Questo non è sorprendente o significativo perché le temperature più alte devono verificarsi alla fine di un periodo di riscaldamento. Il periodo più ragionevole da considerare per questa tendenza al riscaldamento è dal nadir della Piccola Era Glaciale del 1680 o negli ultimi 338 anni.

I media hanno riportato in prima pagina in tutto il mondo il rapporto dell’IPCC del 2001 che ha spinto il mondo verso un’isteria di riscaldamento riferendo che le temperature sono aumentate di 0,6° C in circa 120 anni – un aumento non possibile senza CO2 umana. Perché allora non riportano con uguale vigore che in soli due anni da febbraio 2016 a febbraio 2018 le temperature medie globali sono scese di 0,56° C? Se l’affermazione dell’IPCC sul ruolo dominante della CO2 post-1950 è corretta, allora quel riscaldamento semplicemente non può avvenire.

3) Le emissioni di gas serra antropiche sono aumentate dall’era preindustriale, trainate in gran parte dalla crescita economica e demografica, e ora sono più elevate che mai. Ciò ha portato a concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica, metano e protossido di azoto che non hanno precedenti negli ultimi 800.000 anni. I loro effetti, insieme a quelli di altri conducenti antropici, sono stati rilevati in tutto il sistema climatico ed è estremamente probabile che siano stati la causa principale del riscaldamento osservato dalla metà del 20° secolo. {1.2, 1.3.1}

Ecco un’altra tipica forma di introduzione progettata per porre le basi per la falsità che segue, facendo un’affermazione che appare assoluta a causa della sua ingiustificata certezza. Trascurano di dire che hanno limitato i “gas serra” alla CO2, che rappresenta circa il 4% del totale. Sì, le emissioni di gas serra umane sono più alte che mai, ma non si può sostenere l’affermazione del loro impatto se non si conosce la quantità di vapore acqueo, il gas ad effetto serra più importante e abbondante in assoluto, o come varia nel tempo. L’affermazione che i livelli di anidride carbonica e metano non hanno precedenti negli ultimi 800.000 anni è vera solo se si ignorano i gravi problemi e le limitazioni delle misure di base del ghiaccio e si ignorano le 90.000 letture del 19° secolo che mostrano livelli molto più elevati. Non è vero che se estendi il record a 280 milioni o 600 milioni di anni, allora i livelli sono tra i più bassi. Tutto ciò è valido solo nelle loro affermazioni se si ipotizza che un aumento di CO2 causi un aumento di temperatura. Tuttavia, ciò non è vero in nessuno dei record. In effetti, la mancanza di correlazione tra CO2 e temperatura nella documentazione geologica contraddice la loro richiesta in modo più drammatico. L’era glaciale Ordoviciana, avvenuta circa 432 milioni di anni fa, si è verificata quando i livelli di CO2 erano oltre 4000 parti per milione.

4) Negli ultimi decenni, i cambiamenti climatici hanno causato impatti sui sistemi naturali e umani in tutti i continenti e attraverso gli oceani. Gli impatti sono dovuti al cambiamento climatico osservato, indipendentemente

dalla sua causa, che indica la sensibilità dei sistemi naturali e umani al cambiamento climatico. {1.3.2}

Questa è un’altra introduzione classica che appare autorevole, ma in realtà è ciò che l’inglese chiama “affermare l’emorragia evidente”. In tutti i decenni della storia della Terra da 4,5 miliardi di anni, i cambiamenti climatici hanno causato impatti sui sistemi naturali. È falso e sbagliato separare i sistemi umani perché facciamo parte del sistema naturale. Questo è un altro esempio del falso assunto che gli umani non siano naturali di cui ho parlato prima. L’intero commento è un insulto all’intelligenza. È un’affermazione di banalità ambientali che non dice assolutamente nulla – in altre parole, è puramente politico. Nonostante ciò, la generazione dei Rapporti IPCC costa milioni di dollari e le politiche non necessarie, basate esclusivamente sulle loro falsità, costano miliardi di dollari.

La parte più triste di tutte è un’orribile ironia. Tutto questo spreco di tempo e denaro per creare menzogne ​​e infliggere politiche completamente inutili a costi elevati, dolore e danni, è possibile solo grazie alle economie di successo e ricche basate sulla combustione di combustibili fossili. Paradossalmente, l’IPCC lo riconosce affermando che le economie di minor successo necessitano di aiuti finanziari per avere successo. Cosa vogliono le economie di minor successo? La capacità di bruciare combustibili fossili. Queste sono le azioni folli di ideologi politicamente fuorviati, con visione a tunnel. È tempo di fermare questa follia.

Fonte: WUWT