image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 23 Agosto 2022

LE GELATE ESTIVE SPAZZANO LA SIBERIA E L’ASIA CENTRALE

Le prime masse d’aria artiche della stagione stanno già investendo la Siberia e l’Asia centrale, settimane prima del previsto.

Rare gelate estive stanno colpendo la Siberia, la Mongolia, il Kazakistan e la Cina settentrionale questa settimana, abbattendo record di basse temperature man mano che procedono.

Pubblicità

Leninogorsk, in Kazakistan, ad esempio, ha appena assistito al suo primo gelo dal 2011; e allo stesso modo a Oymyakon, in Russia, si è registrata una minima di -0,6°C portando la devastazione del freddo polare e si prevede che continuerà ad avanzare colpendo vaste aree del continente asiatico.


ULTERIORI NEVICATE COLPISCONO IL SUD AFRICA

Il Sudafrica ha visto il ritorno di minimi anomali e nevicate insolite questa settimana.

Ulteriori accumuli si sono aggiunti alle già storiche nevicate nella regione montuosa del Lesotho nell’Africa meridionale, premiando ulteriormente tutti quegli appassionati di sci europei che si sono recati lì per godersi il raro evento.

Mentre la neve invernale in tutto il Lesotho non è particolarmente rara, cadute così pesanti lo sono sicuramente; così come i fiocchi che si accumulano anche nelle zone più basse del paese: molte città stanno vedendo la prima neve dal 2012, o prima, secondo i rapporti locali.

IL FREDDO RECORD SPAZZA L’AUSTRALIA…

Mentre i media attraversano il globo in una disperata spedizione di “caccia al caldo”, amplificando le ondate di caldo estivo per tutto il loro valore – calore che è stato attirato in modo anomalo lontano a nord da un flusso di corrente a getto “meridionale” indotto da una bassa attività solare a loro insaputa, o perlomeno non denunciato da loro, è il fatto che l’intero emisfero australe mantenga da tempo PIÙ FREDDO della media 1979-2000, secondo i dati forniti dal Climate Change Institute dell’Università del Maine.

Oggi, 23 agosto, l’emisfero australe (90°S-0) è di -0,4°C al di sotto della base 1979-2000.

L’incapacità dei media di riferire su questo fatto lascia i fiduciosi e rispettosi tra noi pericolosamente disinformati. “Pericolosamente” perché la soluzione dell’eco-guerriero a un pianeta che si suppone in un riscaldamento catastrofico è sradicare energia a basso costo e affidabile.

Sarebbe una follia anche se si scoprisse che il pianeta si sta riscaldando (cosa che non è più, ovviamente). Se vuoi che le questioni ambientali siano affrontate – di cui riconosco pienamente che ce ne sono molte – far precipitare nella povertà il 99% della popolazione mondiale non è il modo per farlo, è il contrario. La ricerca mostra più e più volte che più una popolazione benestante diventa più esperta di ambiente (non preoccuparsi di dove diavolo verrà il prossimo pasto della tua famiglia probabilmente ha qualcosa a che fare con questo).

Tuttavia, non sono ingenuo. Sollevare le masse dalla povertà non è certamente nel migliore interesse delle élite. Questo è un dannato non-starter per quanto li riguarda. Una popolazione che ha fame è una popolazione che lavora. Come scrisse infamemente il Professor George Kent dell’Università delle Hawaii, senza la minaccia della fame l’economia globale cesserebbe di esistere:

“Per quelli di noi ai vertici della scala sociale, porre fine alla fame a livello globale sarebbe un disastro. Se non ci fosse fame nel mondo, chi arerebbe i campi? Chi raccoglierebbe le nostre verdure? Chi lavorerebbe negli impianti di rendering? Chi pulirebbe i nostri bagni? Dovremmo produrre il nostro cibo e pulire i nostri bagni. Non c’è da stupirsi che le persone di fascia alta non si stiano affrettando a risolvere il problema della fame. Per molti di noi la fame non è un problema, ma una risorsa”.

Rifletti su quegli sciocchi eco-guerrieri mentre il prossimo inverno dell’emisfero settentrionale si avvicina: una stagione che “loro” stessi hanno avvertito sarà accompagnata da blackout e carenza di cibo. Risvegliati con orrore mentre la fantasia per cui tu e i tuoi amici attivisti avete marciato, che avete interrotto il traffico incollandovi alle autostrade, si materializza davanti ai vostri occhi sciocchi e accecati.

Buona fortuna, sciocchi. Spero che siate pronti, sciocchi.

L’inverno 2022 nell’emisfero australe dovrebbe servire come un colpo di avvertimento. Se pensi che Madre Natura ricompenserà gli sforzi degli allarmisti per salvare il pianeta, allora ti sbagli di grosso. Madre Natura è una cagna che non fa cagare e che mangia ideologie stupide a colazione, come è giusto che sia. Questo è il suo pianeta, dopotutto, perché mai dovrebbe soddisfare la volontà degli idioti.

L’Australia sta affrontando quest’anno uno dei suoi inverni più freddi e nevosi mai registrati – un altro fatto che i media legacy stanno aggirando – e il gelo in Down Under non è destinato a diminuire presto, tutt’altro, come visualizzato dall’ultima corsa di GFS:

GFS 2m Anomalie di temperatura (C) 22 agosto – 26 agosto [tropicaltidbits.com].


Ulteriore accumulo di neve accompagnerà il freddo, fino a quote di 500 metri anche inferiori.

E guardando più avanti, il quadro è praticamente lo stesso del calendario che si sposta a settembre:

Anomalie di temperatura GFS 2m (C) 31 agosto – 8 settembre [tropicaltidbits.com].


…E IL SUD AMERICA

Persistono anche i brividi devastanti dei raccolti che stanno facendo esplodere le zone del Sud America.

I feroci fronti antartici si sono spinti insolitamente a nord, nel Brasile centrale, dove stanno causando continui grattacapi agli agricoltori, proprio mentre il principale raccolto di mais Safrinha del Brasile è in una fase finale cruciale.

Le temperature gelide hanno spazzato la maggior parte del continente sudamericano negli ultimi giorni — Thierry Goose su Twitter ha fatto un buon lavoro nel documentarle, anche se la sua lista non è affatto esaustiva:

Ulteriori minimi sono stati segnalati da @Climaterra (vedi sotto), che nota anche che São Joaquim, con la sua lettura di -13°C (8,6°F) questa settimana, ha subito la sua lettura della temperatura erba/suolo più bassa di sempre durante il mese di agosto:


Il Sud America può aspettarsi un altro giorno o due di freddo anomalo prima che una breve esplosione di calore spazzi il continente.

GFS 2m Anomalie di temperatura (C) 20 agosto – 23 agosto [tropicaltidbits.com].

Subito dopo, tuttavia, ci sarà un ritorno al freddo devastante, che si spingerà a nord a partire dal 28/29 agosto:

GFS 2m Anomalie di temperatura (C) 29 agosto [tropicaltidbits.com].


LA GERMANIA DARÀ LA PRIORITÀ AI TRENI A CARBONE RISPETTO AI SERVIZI PASSEGGERI

La Germania ha affermato che darà priorità ai treni a carbone rispetto ai servizi passeggeri sulla sua rete ferroviaria mentre il paese tenta disperatamente di annullare le politiche climatiche assurde che ora stanno minacciando sia la sua economia che la sicurezza dei suoi cittadini.

Una bozza di proposta del governo tedesco include un avvertimento che l’introduzione di un tale piano potrebbe creare il caos ferroviario, ma la centrale elettrica europea ha poca scelta: l’inverno si avvicina rapidamente, il gas scarseggia e le rinnovabili sono inutili

La Germania – e il più ampio continente europeo – è sprofondata in una crisi energetica a causa di sogni stupidi e paralizzanti di Net Zero e un altrettanto idiota voler snobbare l’orso russo attraverso l’intervento politico guidato dagli Stati Uniti in Ucraina.

In risposta alle sanzioni occidentali, la compagnia statale russa del gas ha ora ridotto le forniture di gas alla Germania attraverso il gasdotto Nord Stream 1 ad appena il 20% della capacità, una realtà che ha la Germania in piena modalità di panico, e giustamente direi.

Il gas naturale rappresenta il 27% del mix energetico complessivo della Germania e, prima della guerra, il 55% di quel gas veniva importato dalla Russia. Il governo tedesco sta ora facendo i preparativi di emergenza nel caso in cui Mosca interrompesse del tutto la fornitura di gas.

Mi sembra che i politici, almeno in privato, si siano resi conto dello stratagemma del “riscaldamento globale”. Sfortunatamente, ciò che questi codardi placanti offrono ora come un passo indietro è troppo poco, troppo tardi. Il danno è già fatto ed è in gran parte irreversibile, almeno a breve termine.

I governi semplicemente non avranno le spalle dei loro cittadini questo inverno.

Sarà la sopravvivenza del più adatto, come ha sempre inteso Madre Natura.

Fonte : ELECTROVERSE

Pubblicità