image_pdfimage_print

Di CHRIS MORRISON 30 Dicembre 2022

C’è grande eccitazione – persino giubilo – al Met Office e ai suoi partner editoriali dei media mainstream con la notizia che il Regno Unito è sulla buona strada per registrare il suo anno “più caldo” di sempre (almeno da quando sono iniziate le registrazioni circa 150 anni fa). Aiutata da un inverno e un autunno miti e da un’estate gloriosa, la temperatura media nel 2022 sembra arrivare a 9,99 ° C, in aumento rispetto al precedente record del 2014 di 9,88 ° C. Ma la temperatura globale complessiva, secondo accurate misurazioni satellitari, non si muove da oltre otto anni. Come vedremo, l’aumento delle misurazioni superficiali del Met Office sembrerebbe essere dovuto alla crescente corruzione del calore urbano, così come ad alcuni curiosi posizionamenti di dispositivi di misurazione.

Non c’è posizionamento più curioso di un dispositivo di misurazione che a metà della pista di una base aerea militare che ospita due squadroni di caccia Typhoon. Il Met Office ci dice che uno degli estremi meteorologici del 2022 è stato un massimo di 40,3 ° C il 19 luglio. I lettori abituali ricorderanno che abbiamo messo in discussione questo “record” alla RAF Coningsby, poiché la temperatura si è mantenuta per soli 60 secondi alle 15:12 ed è stata preceduta da un salto di 0,6 ° C nei due minuti precedenti. Alle 15.13 la temperatura era scesa a 39,7°C. Il Met Office ha inizialmente spiegato che l’improvviso aumento potrebbe essere dovuto alla copertura nuvolosa, ma una foto satellitare mostra cieli sereni in tutto il Lincolnshire in quel momento. Il Daily Sceptic ha stabilito che almeno due jet Typhoon stavano operando nella base in quel momento. Il Met Office ha ignorato tutte le nostre domande successive sul reclamo.

Pubblicità

L’incidente di Coningsby è indicativo della possibile corruzione del calore urbano su gran parte del database della temperatura superficiale del Met Office. Le sedute aeroportuali sono comuni con picchi di temperatura spesso segnalati a Heathrow e nella vicina RAF Northolt. Le registrazioni della temperatura negli aeroporti sono una facile fonte di dati, poiché sono necessarie misurazioni accurate lungo le piste per movimenti sicuri degli aeromobili. Ma simili corruzioni di temperatura si trovano anche nelle città.

In un recente lavoro pionieristico, due scienziati americani – il Dr. Roy Spencer e il Professor John Christy – che lavorano presso l’Università dell’Alabama a Huntsville, hanno separato l’effetto dell’urbanizzazione sulle misurazioni della temperatura. Hanno utilizzato un database satellitare del cambiamento di urbanizzazione chiamato “Built Up” e hanno trovato grandi corruzioni in tutta la documentazione urbana. Negli ultimi 50 anni, è stato scoperto che il riscaldamento era stato esagerato fino al 50% negli Stati Uniti orientali.

Spencer e Christy hanno anche controllato un certo numero di aeroporti statunitensi, confrontando i dati grezzi del servizio meteorologico statunitense NOAA con le loro cifre “de-urbanizzate”. All’aeroporto internazionale di Orlando in Florida, i dati NOAA hanno mostrato un massiccio riscaldamento di 0,3 ° C per decennio, ma questo è sceso a soli 0,07 ° C se aggiustato per il calore urbano. I due scienziati hanno fornito risultati simili per il Canada e promettono ulteriori lavori nazionali in futuro, incluso il Regno Unito.

Negli Stati Uniti, i dati di superficie del NOAA sono stati criticati su una serie di fronti scientifici. Il meteorologo americano Anthony Watts ha recentemente pubblicato uno studio di 10 anni definendo il database “fatalmente difettoso”. Ha scoperto che il 96% delle stazioni di temperatura degli Stati Uniti non è riuscito a soddisfare quelli che la stessa NOAA considerava standard di posizionamento accettabili e non corrotti. I risultati devono essere una delle principali preoccupazioni poiché il record degli Stati Uniti è un grande costituente di database globali, incluso uno gestito dal Met Office chiamato HadCRUT. Questi database globali sono stati adattati per mostrare il riscaldamento globale più recente, una tendenza che non è immediatamente evidente nelle registrazioni satellitari o meteorologiche.

Alla luce di queste recenti prove di calore urbano, il Daily Sceptic ha chiesto al Met Office se intende continuare a utilizzare i dati grezzi provenienti da aeroporti e siti urbani senza effettuare sostanziali ricalcoli per rimuovere tutte le corruzioni non climatiche. Come abbiamo notato, il Met Office non ha risposto. Ma la corruzione del calore urbano deve essere una considerazione importante quando si analizzano questi dati pesantemente citati. Nell’anno della calda estate del 1976, la temperatura media annuale è stata di 8,74 ° C, rispetto ai 9,99 ° C di quest’anno. Ma solo 56 milioni di persone vivevano nel Regno Unito circa 50 anni fa rispetto ai quasi 69 milioni di oggi. Negli ultimi 50 anni c’è stato un notevole sviluppo urbano e molte città sono aumentate significativamente in termini di dimensioni e densità.

È ragionevole chiedersi se le temperature medie del Met Office che aumentano di ben oltre 1 ° C durante questo periodo riflettono esclusivamente aumenti naturali, o circa il 50% del riscaldamento è una caratteristica temporanea dello sviluppo urbano? Un giorno, il Met Office potrebbe dircelo. Dal 1979, le registrazioni satellitari hanno mostrato un riscaldamento in tutto il mondo di circa 0,6 ° C. Le temperature devono ancora superare l’ultimo picco nel 1998.

Nel frattempo, è a tutta velocità con storie di catastrofi meteorologiche progettate per promuovere l’agenda politica Net Zero. Nell’ultimo attacco di predicazione dell’Armageddon sul clima, la BBC ha sostituito il comunicato stampa del Met Office e ha elencato gli eventi “estremi” di quest’anno. Ovviamente, il trionfo di Coningsby è stato menzionato (vedi sopra), ma lo è stato anche l’autunno mite. Altrettanto “estremo” è stata la breve ondata di freddo invernale all’inizio di dicembre (nessuno se l’aspettava, vero?) e tre tempeste a febbraio. Le depressioni spesso si susseguono in pieno inverno al largo dell’Atlantico, quindi perché questo dovrebbe essere considerato “estremo” è un mistero. Si dice che le condizioni di siccità abbiano “attanagliato” il Regno Unito durante il mese di agosto. Ancora una volta, periodi secchi in piena estate – è quasi al di là della comprensione.

Chris Morrison è il Redattore ambientale di Daily Sceptic

Pubblicità