23 marzo 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Anthony Watts – 18 marzo 2018

Ci sono molte prove che confermano che il ciclo solare 25 introdurrà un nuovo grande minimo solare. Dall’ottobre 2005, quando l’attività magnetica del sole è caduta bruscamente, l’attività solare è stata nettamente inferiore, con il ciclo solare 24 che risulta attualmente il più basso da oltre 100 anni.


Campo magnetico interplanetario – Immagine dal Centro di previsione meteorologica spaziale NOAA


Ciclo solare 24 – Immagine dal Centro di previsione meteorologica spaziale NOAA

 

Il ciclo 24 fa parte di una progressione di cicli solari deboli che è iniziata nel 1980:


Osservazioni giornaliere del numero di macchie solari dal 1° gennaio 1900 secondo il Solar Influences Data Analysis Center (SIDC).
La sottile linea blu indica il numero giornaliero di macchie solari, mentre la linea blu scuro indica la media annuale in corso. La
recente bassa attività delle macchie solari si riflette chiaramente nei recenti valori bassi per l’irradiamento solare totale.
Fonte dei dati: WDC-SILSO, Royal Observatory of Belgium, Bruxelles. Ultimo giorno indicato: 28 febbraio 2018. Ultimo aggiornamento
dello schema: 1° marzo 2018. (Credit climate4you.com)

Il meteorologo Paul Dorian nel sito di Vencore scrive:

Tutte le indicazioni ci portano a pensare che il prossimo minimo solare, che dovrebbe iniziare nel 2019, potrebbe essere ancora più
debole del ciclo solare 24 che è il più profondo in quasi un secolo.

Alcuni scienziati affermano che siamo al culmine di un nuovo grande minimo solare, e l’imminente ciclo 25 potrebbe avere cicli ancora più bassi del ciclo in corso.

Questa modellizzazione empirica di schemi ricorrenti solari ha anche fornito una conseguente previsione sperimentale su scala
plurimillenaria, suggerendo un trend decrescente solare verso le condizioni di Grand (Super) Minimum per il periodo successivo, AD2050-2250 (3750-4450 d.C.).

Fonte: Evidenza di modelli ricorrenti e ritardati di scala millenaria cosmica e previsioni conseguenti: risposte su più scale dell’attività solare (SA) alla forzatura gravitazionale planetaria (PGF) (accesso aperto).

Simon Constable, in Forbes, scrive:

La domanda da chiedersi è se entreremo in un altro grande minimo solare proprio come il minimo di Maunder che, se la storia ci è di guida, significherebbe un periodo di inverni ed estati molto più rigidi.

Una volta, la gente adorava il sole come una divinità. E’ stata con una buona ragione averlo adorato perché il sole ha fornito molto di ciò che sostiene la vita sul nostro piccolo pianeta, il calore e abbondanti raccolti. Come potremmo sopravvivere se il sole smettesse di scaldarci? Era una vera paura.

Poi è arrivata la scienza e l’industrializzazione. Mentre la nuova era prendeva il sopravvento, per lo più dimenticammo il sole e la sua importanza per la nostra esistenza. (Naturalmente, la maggior parte delle persone si lamenta occasionalmente che è troppo soleggiato o non abbastanza soleggiato.)

Ma soltanto perché abbiamo smesso di prestare molta attenzione non significa che abbia perso parte della sua importanza per il nostro pianeta. E nemmeno il fatto che la vita del sole sia molto più complessa di quanto molti pensino. In effetti, se vogliamo credere agli esperti, il comportamento del sole sta per cambiare in un modo che potrebbe avere conseguenze drammatiche per il cibo che mangiamo e per l’economia in generale.

Ecco perché è piuttosto utile che un libro importante sull’argomento sia stato recentemente pubblicato in edizione economica.
Nature’s Third Cycle: A Story of Sunspots di Arnab Rai Choudhuri.

Il terzo ciclo è quello del Sole e le macchie scure che appaiono sulla superficie solare. I primi due cicli sono il giorno contro la notte e il cambio delle stagioni.

Choudhuri ci fornisce una storia condensata dello studio del sole e delle macchie solari nei passati secoli prima di Galileo Galiei, la cui scoperta della rotazione del Sole di 27 giorni segnò il serio inizio della fisica solare.

Il racconto straordinario include dilettanti esperti e accademici professionisti, le rivalità tra i giocatori principali e un probabile omicidio-suicidio moglie-marito gettato nel mix. Sì, c’è molto nella storia da studiare nel sole, e l’autore fa un lavoro magistrale nel renderla una lettura affascinante. Non troppo malandato quando molti libri scientifici fanno di più per confondere il lettore che per illuminare.

I nomi che potrebbero essere familiari includono quanto segue: il pioniere dell’osservatorio spaziale George Ellery Hale; scopritore di Urano William Herschel; e l’astronomo Edward Maunder. Fu l’ultimo di quegli uomini che identificarono un periodo tra il 1640 e il 1715 circa quando scomparvero le macchie sul Sole. Di solito, il numero di macchie scure sulla superficie solare tende a salire e scendere in cicli prevedibili di 11 anni.

Il periodo in cui le macchie scomparvero, un cosiddetto grande minimo solare, coincise anche con una sorta di mini-glaciazione con inverni rigidi ed estati brevi e fresche. Divenne noto come il minimo di Maunder dopo l’uomo che lo studiò.

Naturalmente, l’idea che la temperatura della terra possa essere cambiata da misteriosi schemi oscuri fluttuanti sulla superficie del sole non è nulla se non controverso. Ma ciò non significa che non sia vero, come afferma l’autore:

[…] la terra diventa davvero più fredda quando le macchie solari scompaiono. Esattamente come ciò accade è ancora una questione
su cui gli esperti sembrano avere opinioni molto diverse e che difficilmente si risolveranno in modo definitivo nel prossimo futuro.

Choudhuri si sforza di aggiungere che nulla di tutto ciò annulla l’effetto dell’industrializzazione sul cambiamento climatico. Sono entrambi fattori critici.

Tuttavia, l’intera faccenda è complicata dal fatto che, mentre il mondo si stava riscaldando nel XX secolo, il numero di macchie solari era superiore al loro conteggio medio. Ricorda, a parità di altre condizioni, più spot significano temperature della terra più calde.

Quando il libro è stato pubblicato in copertina rigida nel 2015, l’autore era riluttante a prevedere il probabile esito del ciclo corrente delle macchie solari. Ma ciò che è diventato più evidente in base alla ricerca più recente della NASA è che siamo in un periodo di pochissime o nessuna macchia solare. Questo ha coinciso con il brutale inverno che stiamo attraversando in questo inverno.

La domanda è se entreremo in un altro grande minimo solare proprio come il minimo di Maunder che, se la storia è una guida, starebbe a significare un periodo di inverni ed estati molto più rigidi. Più di un paio di esperti con cui parlo regolarmente credono che dovremo entrare in un così grande minimo insieme al risultante clima più freddo.

Se ciò dovesse accadere, allora ci saranno profonde influenze sull’economia, compresi possibili fallimenti dei raccolti e aumento del consumo di energia per il riscaldamento domestico e sul posto di lavoro. O in altre parole, aspettatevi bollette più care per cibo ed energia. Dopo un periodo in cui l’offerta di entrambi è stata sempre più abbondante, questo cambiamento sarà probabilmente uno shock per molte persone e probabilmente anche per l’economia globale più ampia.

Leggi la storia completa

Fonte: WUWT

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(25 voti, media: 4,80 su 5)
Loading...