image_pdfimage_print

Di Martin Armstrong – 20 Luglio 2017

Il sole è la fonte di tutto il nostro calore. Senza di essa, non esisteremmo. Come tutto il resto, è di natura ciclica. Il termine “lunatico” si riferiva a persone che sembravano diventare un po’ strane quando c’era la luna piena. Alcune persone sono forse sensibili alle sue forze gravitazionali. Dopo tutto, è la luna che solleva gli interi oceani creando alta e bassa marea. Ci sono persone che hanno sbalzi d’umore diversi e altre che sono un po’ più stabili. Eppure tutti abbiamo i nostri alti e bassi.

C’è lo studio dell’eccitabilità umana in cui la guerra era correlata all’attività delle macchie solari. Il ciclo delle macchie solari è all’incirca ogni undici anni. Tuttavia, questa volta è diverso. Il sole è diretto per un periodo molto raro, molto freddo, che minaccia di rovesciare la civiltà stessa come ha fatto nel corso della storia all’incirca dopo un ciclo di 300 anni.

Pubblicità

Per gran parte della sua storia, la scienza credeva che la produzione di energia del sole fosse costante. Alla fine si resero conto che un ciclo termico dinamico batte come il tuo cuore, quindi il sole non potrebbe esistere se fosse un costante deflusso di energia. Un grado in meno e si spegne. Quindi, è ciclico che sale e scende di intensità.

Il ciclo di undici anni nelle macchie solari si intensifica come l’Economic Confidence Model (ECM) raggiungendo i “massimi massimi” e i “minimi minimi” nel corso di 300 anni. L’ultimo grande massimo ha raggiunto il picco intorno al 1958, dopo di che il sole è stato costantemente calmo. Oggi, il calo di attività è al suo massimo in 9.300 anni, che viene ignorato dalla propaganda sul riscaldamento globale.

L’ultimo minimo di Maunder, durante il quale il sole ha languito per settant’anni, ha avuto luogo dal 1645 al 1715 quando la luminosità del sole è diminuita e il numero di macchie solari è crollato quasi a zero.

AL Tchijevsky (1897-1964) fece uno studio su macchie solari e attività umana. Scoprì che gli umani reagivano anche creando guerre con le oscillazioni dell’attività delle macchie solari.

Fonte: ArmstrongEconomics

Pubblicità